Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Panoramica sui disturbi del movimento

Di

Hector A. Gonzalez-Usigli

, MD, HE UMAE Centro Médico Nacional de Occidente

Ultima revisione/verifica completa set 2020| Ultima modifica dei contenuti set 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Ogni movimento corporeo, dal sollevare una mano al sorridere, implica un’interazione complessa fra il sistema nervoso centrale (cervello e midollo spianale), i nervi e i muscoli. Una lesione o un malfunzionamento di uno qualsiasi di questi componenti può comportare un disturbo del movimento.

Possono svilupparsi diversi tipi di disturbi del movimento, a seconda della natura e della sede del danno o del malfunzionamento come:

I gangli basali aiutano ad effettuare e a distendere i movimenti dei muscoli volontari, a sopprimere i movimenti involontari e a coordinare i cambiamenti di postura.

Il cervelletto coordina i movimenti del corpo, aiuta gli arti a muoversi in modo coordinato e preciso e aiuta a mantenere l’equilibrio.

Localizzazione dei gangli basali

I gangli basali sono aggregati di cellule nervose situati in profondità nel cervello. Tra questi:

  • Nucleo caudato (una struttura a forma di C che si assottiglia a una coda sottile)

  • Putamen

  • Globo pallido (situato vicino al putamen)

  • Nucleo subtalamico

  • Substantia nigra

I gangli basali aiutano ad effettuare movimenti fluidi e a coordinare i cambiamenti di postura.

Localizzazione dei gangli basali

Classificazione

Classificare i disturbi del movimento spesso aiuta i medici a identificare la causa.

Generalmente, i disturbi del movimento vengono classificati come quelli che provocano

  • Diminuzione o rallentamento del movimento

  • Aumento del movimento

Il disturbo più diffuso che riduce e/o rallenta il movimento è

I disturbi che aumentano il movimento includono

I problemi di coordinazione vengono a volte classificati come disturbi che aumentano il movimento. Spesso, sono causati da un malfunzionamento del cervelletto.

In alcuni disturbi, il movimento aumenta e diminuisce. Per esempio, la malattia di Parkinson causa tremori (aumento involontario del movimento) e un rallentamento dei movimenti volontari.

I disturbi che aumentano il movimento possono essere

  • ritmici, che sono principalmente i tremori (sebbene i tremori possano essere irregolari, come nella distonia)

  • non ritmici, che possono comprendere movimenti lenti o rapidi e/o una posizione mantenuta

Alcuni movimenti rapidi e non ritmici, come i tic Sindrome di Tourette e altri disturbi da tic nei bambini e negli adolescenti Itic sono movimenti involontari rapidi, senza scopo, ripetitivi ma non ritmici (tic muscolari o motori) oppure parole e/o suoni involontari, improvvisi, spesso ripetitivi (tic vocali) che possono... maggiori informazioni , possono essere temporaneamente interrotti (soppressi). Per quanto riguarda altri movimenti, quali emiballismo, corea o mioclono, può risultare difficile o addirittura impossibile sopprimerli completamente.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Panoramica sul dolore
Quale delle seguenti affermazioni riguardo al dolore e alle persone anziane è corretta?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE