Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Verruche

(Verruche volgari)

Di

James G. H. Dinulos

, MD, Geisel School of Medicine at Dartmouth

Ultima modifica dei contenuti dic 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

Le verruche sono lesioni epidermiche, benigne, frequenti causate dall'infezione da papillomavirus umano. Possono comparire su qualunque parte del corpo con svariate morfologie. La diagnosi si fonda sull'esame obiettivo. Solitamente, le verruche scompaiono spontaneamente, tuttavia, possono essere trattate con metodi distruttivi (p. es., mediante escissione, cauterizzazione, crioterapia, azoto liquido) e farmaci topici o iniettabili.

Le verruche sono quasi universali nella popolazione; colpiscono i pazienti di tutte le età, ma sono più diffuse tra i bambini e insolite tra gli anziani.

Eziologia delle verruche

Le verruche sono causate dall'infezione da papillomavirus umano Infezione da papillomavirus umano Il papillomavirus umano provoca verruche. Alcuni tipi causano verruche cutanee e altri tipi causano verruche genitali sollevate o piatte (lesioni della pelle o delle mucose dei genitali). L'infezione... maggiori informazioni  Infezione da papillomavirus umano ; ci sono oltre 100 sottotipi di papillomavirus umano (1 Riferimenti relativi all'eziologia Le verruche sono lesioni epidermiche, benigne, frequenti causate dall'infezione da papillomavirus umano. Possono comparire su qualunque parte del corpo con svariate morfologie. La diagnosi si... maggiori informazioni Riferimenti relativi all'eziologia ). Traumi e macerazione facilitano l'inoculazione epidermica iniziale. Inoltre la trasmissione può avvenire tramite autoinoculazione. Sembra che la diffusione sia influenzata da fattori immunologici locali e sistemici; i pazienti immunodepressi (in particolare quelli con HIV o con un trapianto renale) sono particolarmente a rischio di sviluppo di lesioni generalizzate difficili da trattare. L'immunità umorale Immunità acquisita Il sistema immunitario si differenzia tra il sé (o self) e il non sé (o non self), eliminando dal corpo le molecole non-self che risultano essere potenzialmente dannose. Il sistema immunitario... maggiori informazioni ha il compito di proteggere dalle infezioni da papillomavirus umano; l'immunità cellulare contribuisce a far regredire l'infezione contratta.

Riferimenti relativi all'eziologia

  • 1. Haley CT, Mui UN, Vangipuram R, et al: Human oncoviruses: Mucocutaneous manifestation, pathogenesis, therapeutics, and prevention. Papillomaviruses and Merkel cell polyomavirus. J Am Acad Dermatol 81:1–21, 2019. doi: 10.1016/j.jaad.2018.09.062.

Sintomatologia delle verruche

Le verruche sono denominate in base all'aspetto clinico e alla sede; le differenti forme sono legate ai differenti tipi di papillomavirus umano (per le manifestazioni insolite, Varianti di verruca e altre lesioni correlate al papillomavirus umano Varianti di verruca e altre lesioni correlate al papillomavirus umano Le verruche sono lesioni epidermiche, benigne, frequenti causate dall'infezione da papillomavirus umano. Possono comparire su qualunque parte del corpo con svariate morfologie. La diagnosi si... maggiori informazioni Varianti di verruca e altre lesioni correlate al papillomavirus umano ). La maggior parte dei tipi di solito è asintomatica. Tuttavia, alcune verruche sono dolenti, mentre quelle su superfici portanti (p. es., pianta dei piedi) possono causare lieve dolore.

Tabella
icon

Verruche comuni

Le verruche comuni (verruche volgari) sono causate dai papillomavirus umani di tipo 1, 2, 4, e 7 e occasionalmente da altri tipi in pazienti immunosoppressi (p. es., da 75 a 77). Sono solitamente asintomatiche ma talvolta causano lieve dolore, quando sono localizzate su una superficie sottoposta a carico (p. es., alla pianta dei piedi). Le verruche comuni sono noduli del diametro di 2-10 mm, nettamente delimitati, grossolanamente tondeggianti o con morfologia irregolare, solidi e di colore grigio chiaro, giallo, marrone o grigio-nero. Compaiono il più delle volte in zone soggette a traumi (p. es., dita, gomiti, ginocchia, volto), ma possono diffondersi ovunque. Le varianti di forma insolita (p. es., peduncolate o simili a cavolfiori), compaiono più frequentemente in testa e sul collo, specialmente sulla zona del cuoio capelluto e della barba.

Verruche filiformi

Queste verruche sono escrescenze arboriformi, strette, allungate solitamente localizzate su palpebre, volto, collo o labbra. Sono solitamente asintomatiche. Questa variante morfologicamente differente dalla verruca comune è di natura benigna ed è facile da trattare.

Verruche piane

Le verruche piane, causate da papillomavirus umano di tipo 3 e 10 e occasionalmente da 26 a 29 e 41, sono lesioni papulari lisce, con superficie piana, di colore giallo-marrone, rosa o color carne il più delle volte localizzate sul viso e lungo le lesioni da grattamento; sono più frequenti tra i bambini e i giovani adulti e si sviluppano per autoinoculazione. Generalmente sono asintomatiche ma difficili da trattare.

Verruche palmari e verruche plantari

Queste verruche, causate da papillomavirus umano di tipo 1, 2 e 4, si verificano sul palmo delle mani e sulle piante dei piedi; sono appiattite a causa della pressione e circondate da epitelio corneificato. Spesso procurano dolore, ostacolando la deambulazione e la stazione eretta. Possono essere distinte dai corni e dai calli Calli e tilomi I calli e i tilomi sono aree circoscritte di ipercheratosi in una zona di compressione ripetuta o di sfregamento. I calli sono più superficiali, interessano ampie zone cutanee e, solitamente... maggiori informazioni  Calli e tilomi per la tendenza a sanguinare dall'estremità apicale quando la superficie viene asportata.

Verruche a mosaico

Le verruche a mosaico sono placche formate dalla confluenza di una miriade di piccole verruche plantari estremamente ravvicinate. Come nel caso delle altre verruche plantari, spesso sono dolenti.

Verruche periungueali

Queste verruche appaiono come un'area con aspetto a cavolfiore, con cute ispessita e fissurata intorno al letto ungueale. Esse sono di solito asintomatiche, ma fissurazioni possono causare dolore come nelle verruche di grandi dimensioni. Spesso i pazienti perdono la cuticola e tendono a sviluppare una paronichia Paronichia acuta La paronichia è l'infezione del tessuto periungueale. La paronichia acuta causa rossore, calore e dolore lungo il margine dell'unghia. La diagnosi viene effettuata con l'ispezione. Il trattamento... maggiori informazioni  Paronichia acuta . Le verruche periungueali sono più frequenti tra i pazienti affetti da onicofagia o tra coloro che hanno delle occupazioni in cui le loro mani sono cronicamente a contatto con l'acqua come i lavapiatti o i barman.

Verruche genitali

Le verruche genitali Infezione da papillomavirus umano Il papillomavirus umano provoca verruche. Alcuni tipi causano verruche cutanee e altri tipi causano verruche genitali sollevate o piatte (lesioni della pelle o delle mucose dei genitali). L'infezione... maggiori informazioni  Infezione da papillomavirus umano compaiono sia come papule distinte con superficie liscia-vellutata e con base piana tendente a slargarsi, sia come escrescenze ruvide e peduncolate nelle aree perineale, perirettale, labiale e peniena. L'infezione dovuta a tipi di papillomavirus umano ad alto rischio (principalmente 16 e 18 ma anche i tipi 31, 33, 35 e 39) è la principale causa del tumore della cervice uterina Tumore della cervice uterina Il tumore della cervice uterina è di solito un carcinoma squamocellulare causato dall'infezione da papillomavirus umano; meno spesso, si tratta di un adenocarcinoma. Il tumore della cervice... maggiori informazioni Tumore della cervice uterina . Queste verruche sono solitamente asintomatiche. Le verruche perirettali spesso provocano prurito.

Esempi di verruche genitali

Diagnosi delle verruche

  • Valutazione clinica

  • Raramente biopsia

La diagnosi delle verruche si basa sull'aspetto clinico; di rado è necessaria la biopsia. Un segno fondamentale delle verruche è l'assenza di linee cutanee trasversali alla superficie e la presenza di punti neri all'estremità apicale (capillari trombizzati) o l'emorragia quando le verruche vengono tagliate.

Consigli ed errori da evitare

  • Se necessario, confermare la diagnosi di una verruca con il taglio superficiale per rivelare capillari trombizzati sotto forma di puntini neri.

La diagnosi differenziale di verruche comprende i seguenti:

In alcuni centri medici è disponibile la tipizzazione del DNA del virus, ma in genere non è necessaria.

Prognosi delle verruche

Molte verruche regrediscono spontaneamente (soprattutto le verruche comuni); altre persistono per anni e ricompaiono nelle stesse sedi o in sedi diverse, anche dopo il trattamento. Sembra che i fattori in grado di influenzare le recidive siano correlati allo stato immunologico globale del paziente e alle condizioni locali. I pazienti esposti a traumi locali (p. es., atleti, meccanici, macellai), possono presentare infezioni da papillomavirus umano ostinate e ricorrenti. L'infezione genitale da papillomavirus umano ha un potenziale maligno, ma la trasformazione maligna è rara nelle verruche cutanee indotte da papillomavirus umano, tranne che tra i pazienti immunodepressi.

Trattamento delle verruche

  • Irritanti topici (p. es., acido salicilico, cantaridina, podofillina)

  • Metodi distruttivi (p. es., criochirurgia, elettrocauterizzazione, raschiamento, escissione, laser)

Non ci sono prove certe per il trattamento delle verruche. Il trattamento deve essere preso in considerazione per le verruche che sono esteticamente inaccettabili, in luoghi che interferiscono con la funzione, o dolorose. I pazienti devono essere motivati ad aderire al trattamento, che può richiedere un lungo periodo e può essere infruttuoso. Di solito il trattamento è meno efficace nei pazienti con sistema immunitario compromesso.

I meccanismi di molti agenti irritanti comprendono l'attivazione di una risposta immunitaria nei confronti del papillomavirus umano. Alcuni agenti irritanti comprendono acido salicilico, acido tricloroacetico, 5-fluorouracile, resina di podophyllum, tretinoina e cantaridina.

L'imiquimod topico al 5% crema, stimola la sintesi locale di citochine antivirali da parte delle cellule cutanee. Nel trattamento delle verruche sono stati impiegati cidofovir topico e immunoterapia da contatto (p. es., acido squarico, dibutilestere e allergene della Candida). Le verruche possono prima essere messe a bagno in acqua calda a 45° C per 30 minuti ≥ 3 volte/sett. Dopo l'immersione, la pelle è più permeabile ai farmaci topici.

I trattamenti sistemici orali comprendono cimetidina (con efficacia discutibile), isotretinoina e zinco. Può anche essere utilizzata il cidofovir EV. Nella maggior parte dei casi, occorre associare le varie modalità per aumentare la probabilità di successo. Si possono ottenere effetti antivirali diretti con iniezione intralesionale di bleomicina e interferone alfa-2b, ma questi trattamenti sono riservati alle verruche più ostinate.

Questi farmaci possono essere usati in combinazione con un metodo distruttivo (p. es., criochirurgia, elettrocauterizzazione, curettage, escissione, laser) perché anche se una verruca può essere rimossa fisicamente da un metodo distruttivo, il virus può rimanere nei tessuti e causare recidiva.

Verruche comuni

Nei pazienti immunocompetenti, le verruche comuni solitamente regrediscono spontaneamente entro 2-4 anni, ma in alcuni casi perdurano per molti anni. Sono disponibili numerosi trattamenti. Metodi distruttivi includono elettrocauterizzazione, criochirurgia con azoto liquido, e chirurgia laser. Vengono comunemente anche usate preparazioni con acido salicilico.

Il metodo impiegato varia in relazione alla sede e alla gravità dell'interessamento.

L'acido salicilico è il più comune agente topico utilizzato. L'acido salicilico è disponibile come liquido o impiastro o cerotto imbevuto. Per esempio, l'acido salicilico liquido al 17% può essere utilizzato sulle dita e l'acido salicilico cerotto al 40% può essere utilizzato a livello plantare. I pazienti applicano l'acido salicilico sulle verruche durante la notte e lo lasciano in situ per 8-48 h a seconda della sede.

La cantaridina può essere impiegata da sola o in associazione (1%) con acido salicilico (30%) e podofillina (5%) in una base colloidale. Solo la cantaridina si elimina con acqua e sapone dopo 6 h; la cantaridina con acido salicilico o podofillina va rimossa dopo 2 h. Quanto più lungo è il contatto di queste sostanze con la cute, tanto più vivace è la reazione flittenulare.

La criochirurgia è dolorosa ma estremamente efficace. La diatermocoagulazione con il raschiamento, la chirurgia laser, o entrambe sono efficaci e indicate nelle lesioni isolate, ma possono provocare cicatrici. Nel 35% circa dei pazienti compaiono recidive o nuove verruche entro 1 anno; pertanto, le metodiche di scarificazione vanno evitate per quanto possibile in modo da non accumulare cicatrici multiple. Quando possibile, i trattamenti che possono causare cicatrici sono riservati alle aree esteticamente poco importanti e per le verruche recidivanti.

Verruche filiformi

Il trattamento delle verruche filiformi consiste nell'asportazione con bisturi, forbici, raschiamento oppure con azoto liquido. L'azoto liquido deve essere applicato in modo da far impallidire fino a 2 mm di cute intorno alla verruca. Si verifica un danno cutaneo in caso di lisi cutanea che di solito richiede 10-20 secondi. Le flittene possono comparire 24-48 h dopo trattamento con azoto liquido. Bisogna fare attenzione quando si trattano zone esteticamente sensibili, come volto e collo, data la frequente comparsa di ipopigmentazione o iperpigmentazione dopo il trattamento con azoto liquido. I pazienti con pigmentazione scura della cute possono andare incontro a depigmentazione permanente.

Verruche piane

Il trattamento delle verruche piane è difficile, e le verruche piane sono spesso più durature delle verruche comuni, recalcitranti ai trattamenti, e, nelle zone esteticamente importanti, sarebbe bene non utilizzare le metodiche più aggressive. Il trattamento usuale di prima linea è con tretinoina applicata 1 volta/die (acido retinoico crema 0,05%). Se l'esfoliazione non è sufficiente per l'asportazione della verruca, si può applicare un altro agente irritante (p. es., perossido di benzoile al 5%) o acido salicilico al 5% crema in modo sequenziale alla tretinoina. L'imiquimod crema al 5% può essere utilizzato da sola o in associazione con farmaci topici o con metodiche ablative. Si può ricorrere anche a 5-fluorouracile topico (1% o 5% crema).

Verruche plantari

Il trattamento delle verruche plantari consiste nella macerazione energica con impiastro di acido salicilico al 40% tenuto in situ per molti giorni. La verruca viene allora sfaldata quando è umida e molle, poi distrutta mediante congelamento o impiego di caustici (p. es., acido tricloroacetico al 30-70%). Altri trattamenti distruttivi (p. es., laser CO2, laser pulsato e altri vari acidi) risultano spesso efficaci.

Verruche periungueali

Una terapia di associazione a base di azoto liquido e imiquimod crema al 5%, tretinoina o acido salicilico è efficace e di solito più sicura del solo liquido nitrogeno o della cauterizzazione. Si deve essere cauti nell'utilizzo di azoto liquido e cauterizzazione per trattare verruche periungueali e laterali del dito perché un trattamento eccessivamente aggressivo può causare deformità ungueali permanenti e raramente lesioni nervose.

Consigli ed errori da evitare

  • Fare attenzione quando si trattano verruche periungueali e laterali del dito perché l'azoto liquido aggressivo e la cauterizzazione possono causare deformità ungueali permanenti e raramente lesioni nervose.

Verruche recidivanti

Per il trattamento delle verruche ribelli sono disponibili vari metodi dei quali non sono del tutto noti i rischi e l'efficacia a lungo termine. L'infiltrazione di piccole quantità di una soluzione 0,1% di bleomicina in soluzione fisiologica spesso guarisce le verruche plantari e periungueali ostinate. Tuttavia, possono manifestarsi la sindrome di Raynaud Sindrome di Raynaud La sindrome di Raynaud consiste in un vasospasmo di parte della mano, in risposta al freddo o a uno stress emotivo, che provoca sensazione dolorosa e variazioni del colorito cutaneo reversibili... maggiori informazioni  Sindrome di Raynaud o un danno vascolare in relazione alle quantità iniettate, specialmente quando il farmaco viene iniettato alla base del dito, dunque si raccomanda cautela. Anche l'interferone, specialmente di tipo alfa, somministrato intralesionalmente (3 volte/settimana per 3-5 settimane) o per via intramuscolare, ha eliminato verruche cutanee e genitali ribelli. Le verruche molto estese a volte si riducono d'intensità o scompaiono con isotretinoina o acitretina per via orale. Il vaccino contro il papillomavirus umano è stato segnalato come utile per le verruche recalcitranti nei bambini, ma l'efficacia di questo intervento non è dimostrata (1 Riferimento relativo al trattamento Le verruche sono lesioni epidermiche, benigne, frequenti causate dall'infezione da papillomavirus umano. Possono comparire su qualunque parte del corpo con svariate morfologie. La diagnosi si... maggiori informazioni  Riferimento relativo al trattamento ).

Riferimento relativo al trattamento

  • 1. Abeck D, Fölster-Holst R: Quadrivalent human papillomavirus vaccination: A promising treatment for recalcitrant cutaneous warts in children. Acta Derm Venereol 95(8):1017–1019, 2015. doi: 10.2340/00015555-2111.

Prevenzione delle verruche

Punti chiave sulle verruche

  • Le verruche cutanee sono causate da papillomavirus umano, sono molto comuni, e hanno molteplici forme.

  • La diffusione è di solito da autoinoculazione ed è facilitata da traumi e macerazione.

  • La maggior parte delle verruche è asintomatica, ma può essere leggermente dolorosa alla pressione.

  • La maggior parte delle verruche si risolve spontaneamente, in particolare le verruche comuni.

  • Le terapie, quando indicate, possono comprendere topici irritanti (p. es., acido salicilico, cantaridina, podofillina) e/o metodi demolitivi (p. es., criochirurgia, elettrocauterizzazione, curettage, escissione, laser).

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
ALTRI ARGOMENTI IN QUESTO CAPITOLO
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Rosacea
Una donna di 35 anni si presenta in ambulatorio lamentando di avere rossore e gonfiore sul viso da una settimana. Riferisce di aver manifestato anche diversi episodi di arrossamento e pizzicore nella stessa zona dopo essere stata fuori al freddo durante questo stesso periodo. L’esame obiettivo mostra eritema, edema e teleangectasie multiple su guance e naso. Molto probabilmente a quale delle seguenti fasi della rosacea si trova questa paziente?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE