Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Panoramica sulle infezioni micotiche della cute

Di

Denise M. Aaron

, MD, Dartmouth-Hitchcock Medical Center

Ultima revisione/verifica completa ott 2018| Ultima modifica dei contenuti ott 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

I miceti generalmente si annidano nelle aree umide del corpo dove le superfici cutanee vengono a contatto: tra le dita dei piedi, nell’area genitale e sotto le mammelle. Le comuni infezioni micotiche della cute sono causate da lieviti (come la Candida o la Malassezia furfur) o da dermatofiti, come l’Epidermophyton, il Microsporum e il Trichophyton. Molti di questi funghi vivono unicamente sulla parte più superficiale ed esterna dell’epidermide (strato corneo) e non penetrano più in profondità. I soggetti obesi hanno più probabilità di contrarre queste infezioni poiché hanno un eccesso di pieghe cutanee, soprattutto se la cute in corrispondenza di una piega cutanea si irrita e si screpola (intertrigine). Anche i soggetti affetti da diabete tendono ad essere più soggetti alle infezioni micotiche.

Stranamente, le infezioni micotiche limitate a una particolare area del corpo, possono causare eruzioni cutanee in altre parti del corpo non infette. Per esempio, un’infezione micotica sul piede può provocare un’eruzione pruriginosa con rigonfiamenti sulle dita della mano. Queste eruzioni (dermatofitidi papulovescicolari o reazioni idiche) sono reazioni allergiche al fungo. Non sono dovute al contatto con la superficie infetta.

Diagnosi

  • Raschiamento o colture cutanee

Il medico può sospettare un’infezione micotica in presenza di un’eruzione arrossata, irritata o squamosa in una delle aree frequentemente colpite.

Di solito si può confermare la diagnosi di un’infezione cutanea micotica mediante il raschiamento una piccola quantità di cute e l’esame del materiale ottenuto al microscopio o ponendolo in un mezzo di coltura in cui il micete in questione può crescere e può, pertanto, essere identificato.

Trattamento

  • Farmaci antimicotici

  • Misure per prevenire l’umidità

Generalmente, le infezioni micotiche vengono trattate con farmaci antimicotici che di solito vengono applicati direttamente sull’area interessata (detti farmaci topici). I farmaci topici possono comprendere creme, gel, lozioni, soluzioni o shampoo. I farmaci antimicotici possono essere assunti anche per via orale.

Oltre ai farmaci, i soggetti possono adottare delle misure per mantenere asciutte le aree interessate, ad esempio applicando delle polveri o indossando scarpe aperte.

Per alcune infezioni, i medici prescrivono corticosteroidi per alleviare l’infiammazione e il prurito.

Alcuni farmaci antimicotici applicati sulla cute (farmaci topici)

  • Amorolfina

  • Butoconazolo

  • Butenafina

  • Ciclopiroxolamina

  • Clotrimazolo

  • Econazolo

  • Violetto di genziana

  • Ketoconazolo

  • Miconazolo

  • Naftifina

  • Nistatina (solo per la Candida)

  • Oxiconazolo

  • Solfuro di selenio (shampoo per la tinea versicolor e la tinea capitis)

  • Sulconazolo

  • Terbinafina

  • Terconazolo

  • Tioconazolo

  • Tolnaftato

  • Undecilenato

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Cancro della cute
Video
Cancro della cute
La cute è l’organo più esteso del corpo. Svolge numerose funzioni importanti, tra cui proteggere...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Stria linfangitica
Modello 3D
Stria linfangitica

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE