Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Sindrome di Goodpasture

(Sindrome di Goodpasture; Malattia da anticorpi anti-MBG)

Di

Joyce Lee

, MD, MAS, University of Colorado Denver

Ultima modifica dei contenuti apr 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

La sindrome di Goodpasture, un sottotipo di sindrome polmonare-renale, è una sindrome autoimmune che consiste in emorragia alveolare e glomerulonefrite provocate da anticorpi anti-membrana basale glomerulare (anti-membrana basale glomerulare) circolanti. Nella maggior parte dei casi, la sindrome di Goodpasture si sviluppa in soggetti geneticamente suscettibili e fumatori, anche se ulteriori possibili cause scatenanti sono l'esposizione per inalazione agli idrocarburi e le infezioni respiratorie virali. I sintomi comprendono dispnea, tosse, astenia, emottisi ed ematuria. La sindrome di Goodpasture va sospettata nei soggetti con emottisi o ematuria ed è confermata dalla presenza di anticorpi anti-MBG nel sangue o nel campione della biopsia renale. La prognosi è buona quando il trattamento è iniziato prima dell'insorgenza dell'insufficienza respiratoria o renale. Il trattamento include plasmaferesi (scambi plasmatici), corticosteroidi e immunosoppressori, come la ciclofosfamide.

(Vedi anche Sindrome pneumo-renale.)

Fisiopatologia

La sindrome di Goodpasture è la combinazione di glomerulonefrite con emorragia alveolare e anticorpi anti-MBG. Questa sindrome si manifesta in genere come un'emorragia alveolare diffusa insieme a una glomerulonefrite, ma in alcuni casi può provocare solo una glomerulonefrite (10-20%) o solo una malattia polmonare (10%). Gli uomini sono colpiti più frequentemente delle donne.

Gli anticorpi anti-MBG sono diretti contro il dominio noncollagenico (NC-1) della catena alfa3 del collagene di tipo IV, che si ritrova in elevate concentrazioni nelle membrane basali dei capillari renali e polmonari.

L'esposizione ambientale, il fumo di sigaretta più frequentemente, le infezioni respiratorie virali e l'inalazione di solventi ad idrocarburi più raramente, espongono gli antigeni dei capillari alveolari agli anticorpi circolanti nei soggetti geneticamente predisposti, in particolar modo coloro con alleli HLA DRW15, DR4 e DRB1. Gli anticorpi anti-MBG circolanti si legano alle membrane basali, fissano il complemento e inducono una risposta infiammatoria cellulo-mediata che provoca glomerulonefrite, capillarite polmonare o entrambe.

Sintomatologia

L'emottisi è il sintomo principale; comunque, l'emottisi può non verificarsi nei pazienti con emorragia alveolare e il paziente può presentarsi soltanto con addensamenti alla RX torace o con distress respiratorio, insufficienza respiratoria, o entrambi.

Altri sintomi comprendono

  • Dispnea

  • Tosse

  • Stanchezza

  • Febbre

  • Perdita di peso

  • Ematuria

Fino al 40% dei pazienti presenta ematuria macroscopica, sebbene l'emorragia polmonare possa precedere le manifestazioni renali di settimane o anni.

I segni variano nel tempo e vanno da un quadro polmonare negativo all'auscultazione a quadri con crepitii e ronchi. Alcuni pazienti presentano edema periferico secondario a insufficienza renale, pallore secondario ad anemia.

Diagnosi

  • Anticorpi anti-MBG sierici

  • Talvolta biopsia renale

I pazienti sono valutati per il siero degli anticorpi anti-MBG con l'esame a immunofluorescenza indiretta o, quando disponibile, con l'enzyme-linked immunosorbent Assay direct (ELISA), con il NC-1A3 umano o ricombinante alfa3. La presenza di questi anticorpi conferma la diagnosi. La ricerca degli anticorpi citoplasmici antineutrofili (ANCA) è positiva (nel quadro periferico) solo nel 25% dei pazienti con sindrome di Goodpasture.

Se gli anticorpi anti-GBM (anti-membrana basale glomerulare) sono assenti e i pazienti presentano evidenza di glomerulonefrite (ematuria, proteinuria, cilindri eritrocitari riscontrati all'analisi urinaria, insufficienza renale oppure una combinazione di questi reperti), la biopsia renale è indicata per confermare la diagnosi. Nei pazienti con sindrome di Goodpasture e in tutte le altre cause di sindrome pneumo-renale, alla biopsia viene rilevata una glomerulonefrite necrotizzante segmentaria focale rapidamente progressiva con formazione di semilune. Classicamente la colorazione immunofluorescente del tessuto polmonare o renale mostra una deposizione lineare di IgG lungo i capillari alveolari o glomerulari. La deposizione di IgG avviene anche nel rene dei pazienti diabetici o con glomerulonefrite fibrillare (una malattia rara che provoca una sindrome pneumo-renale), ma in queste patologie il legame degli anticorpi alla membrana basale glomerulare è aspecifico, e non si verifica in pattern lineari.

Prognosi

La sindrome di Goodpasture è spesso rapidamente progressiva e può essere letale se si ritardano il pronto riconoscimento e il trattamento. La prognosi è buona quando il trattamento è iniziato prima dell'insorgenza dell'insufficienza respiratoria o renale. La morbilità a lungo termine è correlata al grado di compromissione renale alla diagnosi. I pazienti con necessità urgente di dialisi e quelli con > 50% di semilune al campione della biopsia (coloro che spesso necessiteranno dialisi) di solito sopravvivono per un periodo < 2 anni a meno che non venga effettuato un trapianto di rene.

L'emottisi può essere un fattore prognostico positivo perché conduce a una diagnosi precoce; la minoranza di pazienti ANCA-positivi risponde meglio al trattamento. La recidiva si verifica in un piccolo numero ed è correlata al continuato fumo di tabacco e alle infezioni respiratorie. Nei soggetti con malattia renale in fase terminale che vengono sottoposti a trapianto di rene, la malattia può recidivare nell'organo trapiantato.

Trattamento

  • Plasmaferesi (scambi plasmatici)

  • Corticosteroidi e ciclofosfamide

La sopravvivenza immediata in pazienti con emorragia polmonare e insufficienza respiratoria è legata al controllo delle vie aeree; l'intubazione endotracheale e la ventilazione meccanica sono raccomandate in pazienti con emogasanalisi borderline e imminente insufficienza respiratoria. I pazienti con insufficienza renale acuta possono richiedere la dialisi o il trapianto di rene.

Il trattamento è quotidiano o rappresentato dalla plasmaferesi (scambi plasmatici) a giorni alterni, per 2-3 settimane con scambi di 4 L, per rimuovere gli anticorpi anti-MBG, combinata con corticosteroidi EV (spesso metilprednisolone 1 g in 20 minuti 1 volta/die o a giorni alterni per 3 dosi seguite da prednisone 1 mg/kg per via orale 1 volta/die per 3 settimane poi a scalare di 20 mg per via orale 1 volta/die da 6 a 12 mesi) e ciclofosfamide (2 mg/kg per via orale o EV 1 volta/die per 6-12 mesi), per impedire la formazione di nuovi Ac. La terapia può essere ridotta quando la funzionalità renale e respiratoria si stabilizzano.

Il rituximab può essere utilizzato in alcuni pazienti con gravi effetti negativi dovuti alla ciclofosfamide o che rifiutano la ciclofosfamide come trattamento, ma non è stato studiato nei pazienti con sindrome di Goodpasture.

Punti chiave

  • I pazienti con sindrome di Goodpasture si possono presentare con emorragia polmonare e glomerulonefrite assieme o separate.

  • I reperti polmonari possono essere tenui o non specifici.

  • Dosare gli anticorpi anti-membrana basale glomerulare sierici.

  • Eseguire una biopsia renale se i pazienti hanno glomerulonefrite.

  • Diagnosticare e trattare la sindrome di Goodpasture prima dello sviluppo dell'insufficienza d'organo ogni volta che è possibile.

  • Trattare con plasmaferesi (scambi plasmatici), corticosteroide e ciclofosfamide.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come eseguire una toracostomia con tubo di drenaggio
Video
Come eseguire una toracostomia con tubo di drenaggio
Modelli 3D
Vedi Tutto
Pneumotorace
Modello 3D
Pneumotorace

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE