Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Candidosi (infezione da lieviti)

(Moniliasi)

Di

Denise M. Aaron

, MD, Dartmouth-Hitchcock Medical Center

Ultima revisione/verifica completa ott 2018| Ultima modifica dei contenuti ott 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La candidosi è un’infezione causata dal lievito Candida.

  • La candidosi tende a svilupparsi nelle aree umide della cute.

  • Può causare eruzioni, desquamazione, prurito e gonfiore.

  • I medici esaminano le aree colpite e osservano i campioni di pelle al microscopio o in una coltura.

  • Solitamente, le creme o i farmaci antimicotici assunti per via orale curano la candidosi.

Il lievito Candida è un normale ospite della bocca, del tratto digerente e della vagina e generalmente non provoca danni. Tuttavia, in certe condizioni, la Candida può manifestare una crescita eccessiva sulle membrane mucose e nelle aree umide della pelle. Le aree solitamente colpite sono la mucosa orale, l’inguine, le ascelle, gli spazi tra le dita delle mani e dei piedi, le superfici del pene non circonciso, la piega della pelle sotto le mammelle, le unghie e le pieghe della pelle dell’addome. Il lievito è un tipo di micete.

Le condizioni che favoriscono l’infezione da Candida sono le seguenti:

  • Clima caldo e umido

  • Biancheria sintetica troppo aderente

  • Scarsa igiene

  • Ricambio poco frequente dei pannolini o degli indumenti intimi, soprattutto nei bambini e nelle persone anziane

  • Un sistema immunitario indebolito a causa del diabete, di un’infezione da HIV/AIDS o dell’utilizzo di corticosteroidi e altri farmaci che sopprimono il sistema immunitario

  • Gravidanza, obesità o uso di antibiotici

L’assunzione di antibiotici può causare la candidosi, in quanto essi distruggono i batteri che normalmente risiedono nel corpo, permettendo quindi alla Candida di svilupparsi in maniera incontrollata. Anche i corticosteroidi o la terapia immunosoppressiva dopo un trapianto d’organo possono abbassare le difese dell’organismo contro questa infezione. I corticosteroidi da inalare, spesso utilizzati da persone con asma, causano a volte la candidosi della bocca. Le donne in gravidanza, coloro che ricevono terapie antitumorali, gli obesi e i diabetici sono più predisposti alla Candida.

In alcune persone (generalmente coloro che presentano un indebolimento del sistema immunitario), la Candida può invadere i tessuti più profondi, nonché il sangue, causando una candidosi sistemica potenzialmente letale.

Sintomi

I sintomi della candidosi variano a seconda della localizzazione dell’infezione.

Le infezioni delle pieghe cutanee (intertrigini) oppure dell’ombelico, causano solitamente eruzioni di color rosso vivo, talvolta con degradazione della cute. Possono comparire piccole pustole, soprattutto ai margini dell’eruzione e quest’ultima può provocare prurito o bruciore intensi. Un’eruzione da Candida attorno all’ano può mostrarsi infiammata, biancastra o rossastra e pruriginosa. I lattanti possono presentare una dermatite da Candida nella zona del pannolino.

La candidosi vaginale (vulvovaginite, infezione da lievito - Panoramica sulle infezioni vaginali) è comune, soprattutto nelle donne in gravidanza, diabetiche o che stanno assumendo antibiotici. I sintomi di queste infezioni includono una secrezione biancastra o giallastra caseiforme dalla vagina, bruciore, prurito e arrossamento lungo le pareti e la zona esterna della vagina.

La candidosi peniena in genere colpisce uomini affetti da diabete, non circoncisi o con partner di sesso femminile affette da candidosi vaginale. In alcuni casi, l’eruzione è asintomatica, ma solitamente l’infezione causa un’eruzione aperta, rossa, pruriginosa, ardente o a volte dolorosa sulla testa del pene.

Il mughetto è la candidosi del cavo orale. Le chiazze bianche e cremose, tipiche del mughetto, si trovano sulla lingua e ai lati della bocca e possono essere dolorose. È possibile rimuoverle con un dito o con un oggetto contundente e potrebbero sanguinare se raschiate. Il mughetto può manifestarsi nei bambini altrimenti sani, ma negli adulti può essere un segnale di debolezza del sistema immunitario, probabilmente causato da cancro, diabete o infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV). L’uso di antibiotici che distruggono i batteri competitivi aumenta il rischio di contrarre il mughetto.

La stomatite angolare è la candidosi agli angoli della bocca, che crea fissurazioni e piccole ragadi. Può dipendere dall’abitudine di inumidire continuamente le labbra, di succhiarsi il pollice, dall’impiego di protesi dentali inadeguate o da qualsiasi altra situazione che lasci gli angoli della bocca abbastanza umidi da permettere la crescita del lievito.

La paronichia da Candida è la candidosi delle pliche o cuticole ungueali, che provoca dolore, arrossamento e gonfiore ( Onicomicosi) intorno all’unghia. In caso di infezione prolungata, l’area sotto l’unghia può assumere un colore bianco o giallo e la lamina ungueale può separarsi dal letto ungueale (onicolisi). Tale patologia in genere compare in persone affette da diabete, con un sistema immunitario indebolito oppure in individui sani che lavano o inumidiscono frequentemente le mani.

La candidosi mucocutanea cronica produce aree arrossate, piene di pus, coperte di croste e ispessite che somigliano alla psoriasi, specialmente sul naso e sulla fronte. Le persone affette da questa condizione sono anche a rischio di contrarre il mughetto.

Diagnosi

  • Visita medica della cute

  • Esame o coltura del campione ottenuto con raschiamento

Generalmente, il medico può identificare la candidosi osservando le sue caratteristiche eruzioni oppure il tipico residuo denso, biancastro e pastoso che essa genera.

Per confermare la diagnosi di candidosi, il medico può asportare una porzione della cute o di residuo con un bisturi o con un abbassalingua. Il campione del raschiamento viene quindi esaminato al microscopio o posto in un mezzo di coltura (una sostanza che permette ai microrganismi di crescere) per identificare il micete specifico.

Trattamento

  • Farmaci antimicotici da applicare sulla cute o da assumere per via orale.

  • Misure per mantenere asciutta l’area.

Solitamente, la terapia della candidosi dipende dalla localizzazione dell’infezione. (Vedere anche la tabella Alcuni farmaci antimicotici applicati sulla cute (farmaci topici).)

Le infezioni delle pieghe cutanee vengono trattate con creme, polveri, soluzioni antimicotiche o con altri prodotti che vengono applicati direttamente sulla pelle (topici). Alcuni esempi sono il miconazolo, il clotrimazolo, l’ossiconazolo, il ketoconazolo, l’econazolo, la ciclopiroxolamina e la nistatina. Nelle persone sane, le infezioni delle pieghe cutanee si curano facilmente. È opportuno mantenere la cute asciutta per eliminare l’infezione e prevenirne la ricomparsa. Le soluzioni che asciugano la pelle (come la soluzione di Burow) o gli antitraspiranti topici aiutano a mantenere la superficie dell’area asciutta. Mantenendo asciutta l’area, è anche possibile prevenire le recidive. Alle persone affette da infezione delle pieghe cutanee estesa possono essere prescritti farmaci per via orale (come il fluconazolo).

La candidosi vaginale viene curata con farmaci antimicotici che possono essere applicati come creme sull’area interessata, inseriti nella vagina come supposta o assunti per via orale (come il fluconazolo).

La dermatite da pannolino viene trattata con cambi del pannolino più frequenti, con pannolini super-assorbenti o ultra-assorbenti monouso e con una crema a base di farmaco antimicotico (ad esempio, il butoconazolo, il clotrimazolo, il fluconazolo, il ketoconazolo o il miconazolo).

La paronichia candidosica viene trattata proteggendo l’area dal bagnato. I medici prescrivono farmaci antimicotici da assumere per via orale o da applicare sulla pelle. Queste infezioni sono spesso difficili da trattare.

Il mughetto negli adulti viene trattato con farmaci che entrano direttamente nella bocca. Il farmaco antimicotico (come il clotrimazolo) può essere somministrato come compressa o pastiglia che si dissolve nella bocca. I medici possono anche consigliare gargarismi con nistatina liquida, trattenendola in bocca il più possibile e quindi sputandola o ingoiandola. Possono anche prescrivere farmaci sotto forma di pillole da inghiottire (come il fluconazolo).

Il mughetto nei bambini può essere trattato con la nistatina liquida. Il liquido può essere applicato con un dito o con un batuffolo di cotone sul lato delle guance dentro la bocca.

La candidiasi mucocutanea cronica viene trattata con fluconazolo per via orale. Questo farmaco viene assunto a lungo termine.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Orticaria
Video
Orticaria
L’orticaria è una condizione cutanea innocua causata da un aumento del flusso ematico e dei...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Stria linfangitica
Modello 3D
Stria linfangitica

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE