Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Difese contro le infezioni

Di

Larry M. Bush

, MD, FACP, Charles E. Schmidt College of Medicine, Florida Atlantic University

Ultima revisione/verifica completa lug 2020| Ultima modifica dei contenuti lug 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

Le barriere fisiche comprendono la pelle, le mucose, le lacrime, il cerume, il muco e l’acido gastrico. Inoltre, il normale flusso di urina elimina i microrganismi che penetrano nelle vie urinarie.

Barriere fisiche

Altre barriere fisiche efficaci sono rappresentate dalle mucose, come quelle che rivestono la bocca, il naso e le palpebre. In genere, le mucose sono rivestite da secrezioni in grado di combattere i microrganismi. Per esempio, le mucose dell’occhio sono inumidite dalle lacrime, che contengono un enzima, il lisozima, che attacca i batteri proteggendo gli occhi dalle infezioni.

Le vie aeree Panoramica sull’apparato respiratorio Per rimanere in vita, l’organismo deve produrre una sufficiente quantità di energia. Questa energia è ottenuta dalla combustione delle molecole di provenienza alimentare attraverso un processo... maggiori informazioni filtrano le particelle presenti nell’aria inspirata. Le pareti dei dotti nasali e delle vie aeree sono rivestite da muco. Pertanto i microrganismi presenti nell’aria restano attaccati al muco, che viene eliminato con la tosse o soffiandosi il naso. L’eliminazione del muco viene facilitata dal movimento coordinato di minuscole appendici simili a peli (ciglia) che rivestono le vie aeree. Le ciglia spingono il muco verso la parte alta delle vie aeree, lontano dai polmoni.

Anche l’apparato urinario Panoramica sulle vie urinarie Normalmente, un soggetto possiede due reni. Le altre componenti dell’apparato urinario sono: Due ureteri (i condotti che collegano ciascun rene alla vescica) La vescica (una sacca muscolare... maggiori informazioni possiede diverse barriere efficaci. La vescica è protetta dall’uretra Uretra L’uretra è un condotto che porta l’urina dalla vescica all’esterno del corpo. Nei soggetti di sesso maschile, l’uretra è lunga circa 20 cm e termina all’estremità del pene. Nelle donne, l’uretra... maggiori informazioni Uretra , un condotto che drena l’urina prodotta dal corpo. Negli uomini, l’uretra è sufficientemente lunga da impedire ai batteri di raggiungere la vescica, a meno che non siano involontariamente trasportati da cateteri o strumenti chirurgici. Nelle donne, l’uretra è più corta, permettendo a volte il passaggio di batteri esterni fino alla vescica. In entrambi i sessi, svuotandosi la vescica elimina anche i batteri che la raggiungono.

Il sangue

L’organismo si difende dalle infezioni anche aumentando il numero di alcune classi di globuli bianchi (neutrofili Neutrofili Uno dei meccanismi di difesa dell’organismo (sistema immunitario) implica l’azione dei globuli bianchi (leucociti) che si spostano nel flusso sanguigno e nei tessuti, alla ricerca di microrganismi... maggiori informazioni e monociti Monociti e macrofagi Uno dei meccanismi di difesa dell’organismo (sistema immunitario) implica l’azione dei globuli bianchi (leucociti) che si spostano nel flusso sanguigno e nei tessuti, alla ricerca di microrganismi... maggiori informazioni ), che ingeriscono (fagocitano) e distruggono i microrganismi invasivi. Questo incremento si può verificare nell’arco di diverse ore, soprattutto perché i globuli bianchi vengono rilasciati dal midollo osseo, dove sono prodotti. Inizialmente aumenta il numero dei neutrofili. Se un’infezione persiste, cresce anche il numero dei monociti. Il sangue trasporta i globuli bianchi fino alle sedi dell’infezione.

Il numero di eosinofili Eosinofili Uno dei meccanismi di difesa dell’organismo (sistema immunitario) implica l’azione dei globuli bianchi (leucociti) che si spostano nel flusso sanguigno e nei tessuti, alla ricerca di microrganismi... maggiori informazioni , altra classe di globuli bianchi, aumenta durante le reazioni allergiche e nel corso di molte infezioni parassitarie, ma di solito non durante quelle batteriche.

Comunque, certe infezioni, come la febbre tifoide Febbre tifoide La febbre tifoide è causata da alcuni tipi di batteri Gram-negativi del genere Salmonella. Di norma provoca febbre alta e dolore addominale. La febbre tifoide può diffondersi attraverso il consumo... maggiori informazioni Febbre tifoide , le infezioni virali e le infezioni batteriche che sopraffanno il sistema immunitario, possono condurre a una diminuzione della conta dei globuli bianchi.

Infiammazione

Qualunque lesione, compresa l’invasione da parte di microrganismi, provoca un’infiammazione nell’area interessata. L’infiammazione, una reazione complessa, è causata da diverse condizioni. Il tessuto danneggiato rilascia sostanze che causano l’infiammazione e spingono il sistema immunitario a svolgere le seguenti azioni:

  • Isolamento dell’area

  • Aggressione e uccisione degli invasori

  • Smaltimento del tessuto necrotico e danneggiato

  • Inizio del processo di riparazione

Tuttavia, l’infiammazione può non essere in grado di superare un numero eccessivo di microrganismi.

Durante l’infiammazione, l’apporto di sangue aumenta, aiutando a portare le cellule immunitarie nella zona interessata. Dato il maggiore afflusso di sangue, un’area infiammata in prossimità della superficie del corpo si presenta arrossata e calda. Le pareti dei vasi sanguigni diventano più permeabili, permettendo al plasma e ai globuli bianchi di passare nel tessuto infetto. L’aumento di liquido causa edema (gonfiore) del tessuto infiammato. I globuli bianchi attaccano i microrganismi e rilasciano sostanze che sostengono il processo di infiammazione.

Altre sostanze causano coagulazione dei piccoli vasi (capillari) nell’area infiammata, ritardando la diffusione degli agenti infettanti e delle loro tossine.

Molte delle sostanze prodotte durante l’infiammazione stimolano i nervi, causando dolore. Le reazioni provocate dal rilascio di sostanze durante l’infiammazione includono brividi, febbre e dolori muscolari, che comunemente accompagnano l’infezione.

Risposta immunitaria

Quando si sviluppa un’infezione, il sistema immunitario risponde anche producendo diverse sostanze e agenti destinati ad attaccare gli specifici microrganismi invasori ( Immunità acquisita Immunità acquisita Uno dei meccanismi di difesa dell’organismo (sistema immunitario) implica l’azione dei globuli bianchi (leucociti) che si spostano nel flusso sanguigno e nei tessuti, alla ricerca di microrganismi... maggiori informazioni Immunità acquisita ). Alcuni esempi sono:

Gli anticorpi aderiscono ai microrganismi e li immobilizzano, distruggendoli immediatamente o facilitandone il riconoscimento e l’eliminazione da parte dei neutrofili.

L’efficacia con cui il sistema immunitario difende il corpo contro ogni microrganismo dipende in parte dal patrimonio genetico della persona.

Febbre

La temperatura corporea aumenta come risposta protettiva a infezioni e lesioni. Nonostante procuri disagio, un’elevata temperatura corporea (febbre La febbre negli adulti La febbre è una temperatura corporea elevata. La temperatura è considerata elevata quando supera i 38 °C, se misurata con un termometro orale, o quando è maggiore di 38,2 °C, se misurata con... maggiori informazioni ) potenzia i meccanismi di difesa dell’organismo.

Una parte del cervello, denominata ipotalamo, regola la temperatura corporea. La febbre è la conseguenza di un nuovo riassetto del termostato ipotalamico. Il corpo umano aumenta la sua temperatura spostando (shunt) il sangue dalla superficie cutanea verso l’interno del corpo stesso, diminuendo così la perdita di calore. I brividi si verificano per aumentare la produzione di calore, attraverso la contrazione muscolare. I tentativi dell’organismo di produrre e conservare calore continuano fino a quando la temperatura del sangue non corrisponde alla nuova temperatura superiore dell’ipotalamo. Questa temperatura più elevata viene quindi mantenuta stabile. Successivamente, quando il termostato si regola nuovamente sulla temperatura normale, il corpo umano elimina il calore eccessivo attraverso la sudorazione e il passaggio del sangue verso la pelle.

Certi soggetti (come gli alcolisti, le persone molto anziane e i giovanissimi) sono meno in grado di sviluppare la febbre. Questi soggetti potrebbero riscontrare una diminuzione della temperatura in risposta a un’infezione grave.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Infezione da virus respiratorio sinciziale (VRS) e infezione da metapneumovirus umano
L’infezione da virus respiratorio sinciziale (VRS) e l’infezione da metapneumovirus umano (human metapneumovirus, hMPV) causano infezioni dell’apparato respiratorio superiore e talvolta di quello inferiore. I sintomi di entrambi i virus sono simili sebbene i virus siano diversi. In quale delle seguenti fasce di età il VRS è una causa molto comune di infezioni delle vie respiratorie?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE