Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Dolore oculare

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa set 2019| Ultima modifica dei contenuti set 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Il dolore oculare può essere intenso, penetrante o pulsante. È possibile avere la sensazione di avere un corpo estraneo nell’occhio.

Oltre al dolore, si può manifestare arrossamento oculare o altri sintomi, come vista annebbiata o protrusione oculare. Il dolore può peggiorare con l’esposizione alla luce intensa.

Che cosa causa il dolore oculare?

Le cause più comuni del dolore oculare sono problemi alla cornea. La cornea è la membrana trasparente che ricopre la parte anteriore dell’occhio. È sensibile al dolore.

Le cause più comuni di dolore oculare sono:

  • Cornea graffiata o infetta

  • Presenza di un corpo estraneo nell’occhio

Altri problemi che causano dolore includono:

  • Glaucoma, pressione elevata all’interno dell’occhio

  • Cheratite da lenti a contatto, un problema causato dall’uso prolungato delle lenti a contatto

  • Herpes zoster oftalmico, un’infezione da herpes zoster che interessa l’occhio

  • Infezione all’interno dell’occhio, più comune in caso di recente intervento chirurgico o un trauma all’occhio

  • Infiammazione del nervo ottico (neurite ottica), un dolore lieve che peggiora muovendo l’occhio

Anche problemi in altre parti del corpo possono causare dolore oculare, come:

Quando occorre consultare un medico per il dolore oculare?

Consultare immediatamente un medico se il dolore oculare è intenso, oppure se è accompagnato da uno dei seguenti segnali d’allarme:

  • Vomito

  • Un occhio rosso

  • Visione di aloni intorno alle luci

  • Febbre, brividi, affaticamento o dolori muscolari

  • Incapacità di vedere chiaramente come al solito (minore nitidezza)

  • Protrusione dell’occhio

  • Incapacità di muovere l’occhio in tutte le direzioni (destra, sinistra, alto e basso)

Un dolore oculare intenso può condurre alla perdita della vista. Consultare immediatamente un medico, senza aspettare.

Se si avverte poco dolore all’occhio senza altri segnali d’allarme, oppure si avverte la presenza di un corpo estraneo nell’occhio, di solito il dolore oculare non è grave. È possibile attende 1 giorno o 2 per vedere se il dolore scompare da solo. In caso contrario, consultare un medico.

Cosa accade durante la visita medica?

Il medico porrà domande sui sintomi ed esaminerà gli occhi e le palpebre. Di solito:

  • controlla la vista con una tavola optometrica

  • instilla alcune gocce di liquido nell’occhio (si potrebbe avvertire una sensazione di bruciore per alcuni secondi)

  • esamina l’occhio usando una lampadina speciale (che emana una luce molto intensa) dotata di lente d’ingrandimento

  • misura la pressione interna all’occhio (ci sono diversi modi per farlo, ma nessuno è doloroso)

Se sospetta la presenza di un corpo estraneo nell’occhio, il medico potrebbe rovesciare brevemente le palpebre per guardare l’occhio più da vicino. Questa operazione può sembrare strana o disagevole, ma non è dolorosa. Se sospetta un’infezione dietro al bulbo oculare, il medico potrebbe prescrivere esami del sangue o una radiografia.

Qual è il trattamento del dolore oculare?

Il medico tratta la causa del dolore oculare. Ad esempio, in caso di infezione prescriverà dei farmaci.

  • Può essere necessario assumere antidolorifici su prescrizione o da banco fino alla scomparsa del dolore

  • Se la luce intensa procura dolore all’occhio, è possibile dover usare un collirio che impedirà all’occhio di reagire alla luce

Sebbene siano disponibili farmaci che anestetizzano l’occhio per un po’ di tempo, di solito i medici non ne suggeriscono l’uso domestico, perché, se l’occhio è anestetizzato, non sarà possibile capire se il problema sta peggiorando.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE