Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Panoramica sul sistema nervoso

Di

Steven A. Goldman

, MD, PhD, University of Rochester Medical Center

Ultima revisione/verifica completa mar 2018| Ultima modifica dei contenuti apr 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Il sistema nervoso può essere suddiviso in due parti distinte: sistema nervoso centrale (encefalo e midollo spinale) e sistema nervoso periferico (nervi esterni all’encefalo e al midollo spinale).

L’unità fondamentale del sistema nervoso è la cellula nervosa (neurone). Le cellule nervose sono costituite da un grande corpo cellulare e da due tipi di fibre nervose:

  • Assone: un prolungamento allungato per inviare messaggi come impulsi elettrici

  • Dendriti: solitamente molte diramazioni per ricevere impulsi

Generalmente, i nervi trasmettono gli impulsi elettrici in un’unica direzione: dall’assone di una cellula nervosa (detta anche neurone) da cui parte l’impulso, verso i dendriti della cellula successiva, che ricevono l’impulso stesso. Nei punti di contatto tra le cellule nervose (sinapsi), l’assone secerne minime quantità di messaggeri chimici (neurotrasmettitori). I neurotrasmettitori stimolano i recettori dei dendriti della cellula nervosa successiva per produrre una nuova corrente elettrica. Diversi tipi di nervi utilizzano differenti neurotrasmettitori per condurre gli impulsi attraverso le sinapsi. Alcuni impulsi stimolano la cellula nervosa successiva, mentre altri la inibiscono.

L’encefalo e il midollo spinale contengono anche cellule di supporto dette cellule gliali. Ne esistono diversi tipi, fra cui:

  • Astrociti: queste cellule forniscono gli elementi nutritivi alle cellule nervose e controllano la composizione chimica dei fluidi intorno alle stesse, consentendo loro di crescere. Influenzano inoltre la frequenza con cui le cellule nervose inviano gli impulsi, regolando così il livello di attività dei gruppi di cellule nervose.

  • Oligodendrociti: queste cellule producono la mielina, una sostanza grassa che isola gli assoni del nervo e accelera la conduzione di impulsi lungo le fibre nervose.

  • Cellule progenitrici gliali: queste cellule possono produrre nuovi astrociti e oligodendrociti per sostituire quelli distrutti da lesioni o malattie. Le cellule progenitrici gliali sono presenti in tutto l’encefalo degli adulti.

  • Microglia: queste cellule aiutano a proteggere l’encefalo dalle infezioni e a rimuovere i detriti dalle cellule morte.

L’encefalo e il midollo spinale sono costituiti da materia bianca e materia grigia.

La materia grigia consiste in corpi cellulari nervosi, dendriti e assoni, cellule gliali e capillari (i vasi sanguigni più piccoli del corpo).

La materia bianca contiene relativamente pochi neuroni e consiste principalmente di assoni avvolti da molti strati di mielina e di oligodendrociti che costituiscono la mielina. La mielina è ciò che dà il colore alla materia bianca (la mielina accelera la conduzione degli impulsi nervosi, Nervi).

Solitamente, le cellule nervose aumentano o diminuiscono il numero di connessioni che hanno con altre cellule nervose. Questo processo può spiegare in parte come le persone imparano, adattano e formano le memorie. Ma l’encefalo e il midollo spinale producono raramente nuove cellule nervose. Fa eccezione l’ippocampo, un’area del cervello implicata nella formazione della memoria.

Il sistema nervoso è un sistema di comunicazione straordinariamente complesso che può inviare e ricevere enormi quantità di informazioni simultaneamente. Tuttavia, questo sistema è suscettibile a malattie e lesioni, come negli esempi seguenti:

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sul sistema nervoso
Video
Panoramica sul sistema nervoso
Modelli 3D
Vedi Tutto
Cervello
Modello 3D
Cervello

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE