Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Listeriosi

(Listeria)

Di

Larry M. Bush

, MD, FACP, Charles E. Schmidt College of Medicine, Florida Atlantic University;


Maria T. Vazquez-Pertejo

, MD, Wellington Regional Medical Center

Ultima modifica dei contenuti lug 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

La listeriosi è rappresentata da batteriemia, meningite, encefalite, dermatite, sindrome oculoghiandolare, infezione intrauterina e neonatale o, raramente, endocardite causata da Listeria spp. I sintomi variano a seconda dell'organo colpito. L'infezione intrauterina può causare la morte del feto. La diagnosi si basa sull'isolamento in laboratorio. La terapia comprende penicillina, ampicillina (spesso associata ad aminoglicosidi) e il trimetoprim/sulfametossazolo.

Le Listeria sono piccoli bacilli Gram-positivi, non-acidoresistenti, privi di capsula, asporigeni, beta-emolitici, aerobi e anaerobi facoltativi che hanno caratteristica motilità rotatoria. Sono presenti in tutto il mondo nell'ambiente e nell'intestino degli esseri umani, mammiferi non umani, uccelli, aracnidi e crostacei. Ci sono molte specie di Listeria, ma la L. monocytogenes è patogeno primario negli esseri umani.

Negli Stati Uniti, ci sono circa 1800 casi di listeriosi all'anno, con un picco in estate. Il tasso di incidenza è massimo nei neonati, negli adulti ≥ 60 anni e nei pazienti immunocompromessi, compresi i pazienti con HIV/AIDS. La listeriosi è 300 volte più frequente tra i pazienti con HIV/AIDS rispetto che tra la popolazione generale.

Trasmissione

Dato che l'L. monocytogenes è ubiquitario nell'ambiente, le opportunità di contaminazione sono numerose durante il processo di produzione degli alimenti. Quasi tutti i tipi di cibo possono veicolare e trasmettere la L. monocytogenes, ma l'infezione solitamente si verifica in seguito al consumo di prodotti caseari, verdure crude, carni o, in particolare, cibi refrigerati che non richiedono alcuna cottura prima di essere mangiati. La contaminazione è favorita dalla capacità di L. monocytogenes di sopravvivere e crescere alle temperature del frigorifero.

L'infezione può anche verificarsi per contatto diretto e durante la macellazione di animali infetti.

Consigli ed errori da evitare

  • La Listeria monocytogenes è in grado di riprodursi alle temperature del frigorifero, quindi prodotti alimentari leggermente contaminati refrigerati possono diventare fortemente contaminati.

Fattori di rischio

Poiché la L. monocytogenes è un patogeno intracellulare, il controllo della listeriosi si basa sull'immunità cellulo-mediata; pertanto, i seguenti soggetti sono ad alto rischio:

  • Pazienti immunocompromessi

  • Neonati

  • Anziani

Anche le donne in gravidanza sono a rischio aumentato di sviluppare listeriosi, che si può diffondere prima e durante il parto da madre a figlio e può causare aborto o morte infantile precoce.

I Listeria sono una causa frequente di meningite batterica neonatale.

Sintomatologia

La batteriemia primaria da listeria è rara e determina febbre alta senza segni e sintomi localizzati. Possono verificarsi endocardite, peritonite, osteomielite, artrite settica, colecistite e pleuropolmonite. Gastroenteriti con febbre si possono manifestare dopo l'ingestione del cibo contaminato. La batteriemia da Listeria durante la gravidanza può causare infezione intrauterina, corioamnionite, parto prematuro, morte fetale, o infezioni neonatali.

Nei neonati e nei pazienti > 60 anni, la meningite è causata dalla Listeria nel 20% dei casi. Il 20% dei casi evolve in encefalite, o di tipo diffuso o, raramente, romboencefalite e ascessi cerebrali; la romboencefalite si presenta con alterazione dello stato di coscienza, paralisi dei nervi cranici, segni cerebellari e perdita sensitiva o motoria.

La listeriosi oculoghiandolare può causare oftalmite e linfoadenomegalia regionale (sindrome di Parinaud). Essa può essere la conseguenza di un'inoculazione congiuntivale e, se non trattata, può progredire verso la batteriemia e la meningite.

Diagnosi

  • Coltura

Le infezioni da Listeria vengono diagnosticate mediante emocoltura o coltura del liquido cerebrospinale. Bisogna avvertire il laboratorio del sospetto di L. monocytogenes poiché questo microrganismo viene facilmente confuso con i germi difteroidi.

In tutte le infezioni da listeria, i titoli di agglutinine IgG raggiungono il picco da 2 a 4 settimane dall'esordio della malattia.

Trattamento

  • Ampicillina o penicillina G, solitamente con un aminoglicoside

La migliore terapia per la meningite da listeria è rappresentata dall'ampicillina, 2 g EV ogni 4 h. La maggior parte degli esperti raccomanda l'aggiunta di gentamicina (1 mg/kg EV ogni 8 h) sulla base di un effetto sinergico in vitro. Le cefalosporine non sono efficaci. Per il trattamento della meningite neonatale, Meningiti batteriche neonatali : Terapia antibiotica specifica del microrganismo.

L'endocardite e la batteriemia primaria da Listeria vengono trattate con l'ampicillina 2 g EV ogni 4 h più gentamicina (per l'effetto sinergico) somministrata per 6 settimane (per l'endocardite) o 2 settimane (per la batteriemia) dopo la defervescenza. La listeriosi oculoghiandolare e la dermatite da listeria in genere rispondono all'eritromicina 10 mg/kg per via orale ogni 6 h, da proseguire per 1 settimana dopo la defervescenza. Le cefalosporine non hanno attività in vitro e non devono essere utilizzate; sono stati riportati fallimenti terapeutici con la vancomicina. Il trimetoprim/sulfametossazolo alla dose di 5/25 mg/kg EV ogni 8 h rappresenta un'alternativa. Linezolid è attivo in vitro, ma l'esperienza clinica è carente.

Prevenzione

Poiché la contaminazione degli alimenti è comune e poiché l'L. monocytogenes è in grado di riprodursi alla temperatura del frigorifero, il cibo leggermente contaminato può diventare fortemente contaminato durante la refrigerazione. Questo problema è particolarmente preoccupante quando gli alimenti (p. es., cibi refrigerati pronti da mangiare) sono mangiati senza ulteriore cottura. Pertanto, una corretta igiene alimentare è importante, in particolare per persone a rischio (p. es., i pazienti immunocompromessi, donne incinte, anziani). Quelli a rischio devono evitare di mangiare i seguenti cibi:

  • Formaggi a pasta molle (p. es., feta, Brie, Camembert)

  • Refrigerati pronti da mangiare cibi (p. es., hot dog, salumi, pȃtés, creme spalmabili carne), a meno che non siano riscaldati a una temperatura interna di 73,9° C o fino a vapore caldo appena prima di servire

  • Pesce affumicato refrigerato (p. es., nova-style, lox, kippered, smoked, jerky), a meno che non sia stato cucinato

  • Latte crudo (non pastorizzato)

Punti chiave

  • L. monocytogenes è molto frequente nell'ambiente ma provoca infezione in soli 1800 persone all'anno negli Stati Uniti, in genere attraverso i prodotti alimentari contaminati.

  • Il tasso di incidenza è massimo nei neonati, negli adulti 60 anni e nei pazienti immunocompromessi.

  • Vari sistemi di organi possono essere interessati; l'infezione materna durante la gravidanza può causare la morte del feto.

  • Somministrare ampicillina, di solito associata a gentamicina.

  • Consigliare ai pazienti ad alto rischio di prevenire la malattia evitando l'assunzione di cibi che hanno più probabilità di essere contaminati.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sul COVID-19
Video
Panoramica sul COVID-19
Modelli 3D
Vedi Tutto
SARS-CoV-2
Modello 3D
SARS-CoV-2

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE