Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Ritenzione urinaria

Di

Patrick J. Shenot

, MD,

  • Associate Professor and Deputy Chair, Department of Urology
  • Sidney Kimmel Medical College at Thomas Jefferson University

Ultima modifica dei contenuti apr 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

La ritenzione urinaria è l'incompleto svuotamento vescicale o l'interruzione della minzione.

La ritenzione urinaria può essere

  • Acuta

  • Cronica

Le cause comprendono una ridotta contrattilità vescicale, un'ostruzione al flusso, una dissinergia sfintere-detrusore (perdita della coordinazione tra la contrazione vescicale e il rilasciamento dello sfintere) o una combinazione tra queste. (Vedi anche Panoramica sulla minzione.)

La ritenzione è più frequente tra gli uomini, nei quali le alterazioni della prostata o le stenosi uretrali causano ostruzione al flusso. In entrambi i sessi, la ritenzione può essere dovuta a farmaci (in particolare quelli con effetti anticolinergici, inclusi molti farmaci da banco), grave stasi fecale (che aumenta la pressione sul trigono vescicale) o una vescica neurologica in pazienti con diabete, sclerosi multipla, morbo di Parkinson o precedente chirurgia pelvica con denervazione della vescica.

La ritenzione urinaria può essere asintomatica o provocare pollachiuria, un senso di svuotamento incompleto, e incontinenza da urgenza o da sovrariempimento. Può essere causa di distensione e dolore addominali. Se la ritenzione si sviluppa lentamente, il dolore può essere assente. Una ritenzione di lunga durata predispone alle infezioni delle vie urinarie e può aumentare la pressione vescicale causando un'uropatia ostruttiva.

Diagnosi

  • Misurazione del volume residuo postminzionale

La diagnosi è evidente nei pazienti che non possono urinare. In quelli che possono urinare, la diagnosi di svuotamento vescicale incompleto viene eseguita con un cateterismo postminzionale o con un'ecografia che mostrino un elevato volume urinario residuo. Un residuo < 50 mL è normale; < 100 mL di solito è accettabile nei pazienti di età > 65 anni, ma è considerato anomalo in quelli più giovani. Ulteriori esami (p. es., urinocoltura, esami ematochimici, ecografia, test urodinamici, cistoscopia, cistografia) vengono eseguiti sulla base dei reperti clinici.

Trattamento

  • Cateterismo uretrale e poi trattamento della causa

Per eliminare la ritenzione urinaria acuta è necessario ricorrere a un cateterismo uretrale. Il trattamento successivo dipende dalla causa. Negli uomini con ipertrofia prostatica benigna, i farmaci (in genere alfa-adrenergici bloccanti o inibitori di 5alfa-reduttasi) o la chirurgia possono aiutare a diminuire la resistenza al flusso urinario.

Non esiste un trattamento efficace per l'alterata contrattilità vescicale; tuttavia, la riduzione delle resistenze con alfa-bloccanti migliora lo svuotamento vescicale.

Sono spesso necessari l'autocateterismo intermittente o un catetere a permanenza. Il cateterismo soprapubico o la derivazione urinaria sono le ultime risorse.

Punti chiave

  • I meccanismi comprendono alterata contrattilità vescicale, ostruzione allo svuotamento e dissinergia detrusore-sfintere.

  • La ritenzione incompleta è diagnosticata per un residuo post-minzionale > 50 mL (> 100 mL in pazienti di età > 65 anni).

  • Prescrivere il cateterismo uretrale e trattare le cause di ritenzione.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE