Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Dermatite da stasi

Di

Thomas M. Ruenger

, MD, PhD, Georg-August University of Göttingen, Germany

Ultima modifica dei contenuti feb 2021
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

La dermatite da stasi è un'infiammazione, generalmente della pelle degli arti inferiori, dovuta a edema cronico. I sintomi comprendono prurito, desquamazione, e iperpigmentazione. L'ulcerazione può essere una complicanza. La diagnosi è clinica. Il trattamento è diretto alle cause dell'edema e alla prevenzione delle ulcerazioni.

Riferimento generale

  • 1. Erfurt-Berge C, Geier J, Mahler V: The current spectrum of contact sensitization in patients with chronic leg ulcers or stasis dermatitis: New data from the Information Network of Departments of Dermatology (IVDK). Contact Dermatitis 77(3):151–158, 2017. doi: 10.1111/cod.12763

Sintomatologia della dermatite da stasi

Le manifestazioni tipiche della dermatite da stasi comprendono prurito, eritema mal definito, desquamazione e lichenificazione, più comunemente sugli stinchi. Ci sono anche placche, spesso suppuranti e crostose, comunemente con superinfezione batterica.

Quando la causa è l'insufficienza venosa cronica, altre manifestazioni di solito comprendono le vene varicose, la purpura jaune d'ocre (uno scolorimento giallo-marrone dovuto a depositi di emosiderina nel derma), e la lipodermatosclerosi (sclerosi del grasso sottocutaneo causata da pannicolite Pannicolite La pannicolite indica un'infiammazione del grasso sottocutaneo che può essere dovuta a diverse cause. La diagnosi si basa sulla valutazione clinica e sulla biopsia. Il trattamento dipende dalla... maggiori informazioni Pannicolite , detta anche pannicolite sclerosante), che conferisce alla parte inferiore della gamba una forma a birillo rovesciato con allargamento del polpaccio e restringimento a livello della caviglia.

Manifestazioni della dermatite da stasi

Diagnosi della dermatite da stasi

  • Valutazione clinica

La diagnosi della dermatite da stasi è basata clinicamente sul caratteristico aspetto delle lesioni cutanee e altri segni di gonfiore cronico alle gambe e insufficienza venosa. La consulenza con lo specialista vascolare e ulteriori indagini (per esempio l'ecodoppler) possono essere necessarie.

Trattamento della dermatite da stasi

  • Trattamento delle cause del gonfiore

  • Compressione ed elevazione

  • Trattamento delle complicanze (p. es., infezione secondaria, dermatite allergica da contatto, ulcere)

Inoltre, la dermatite da stasi non erosa spesso si attenua con un corticosteroide topico di media potenza (p. es., triamcinolone acetonide 0,1% crema o unguento). In caso di una lesione (essudativa) erosa, il miglior trattamento è quello con medicazioni idrocolloidali.

Il trattamento migliore delle ulcere consiste nell'applicazione di impacchi e fasciature leggere (p. es., pasta all'ossido di zinco); sono efficaci anche altre medicazioni (p. es., idrocolloidi) ( Cura diretta della ferita Cura diretta della ferita Le ulcere da pressione sono aree di necrosi e ulcerazione in cui i tessuti molli vengono compressi tra prominenze ossee e superfici esterne dure. Sono causate dalla pressione meccanica continua... maggiori informazioni Cura diretta della ferita ). Le ulcere possono essere curate ambulatorialmente con stivale di Unna (gelatina di zinco), un bendaggio con poca gelatina di zinco o con medicazioni colloidali (tutte reperibili in commercio). Le medicazioni di tipo colloidale usate sotto un supporto elastico sono più efficaci dello stivale di Unna. Può essere necessario cambiare la medicazione ogni 2 o 3 giorni ma, con la scomparsa dell'edema e la guarigione dell'ulcera, è sufficiente sostituirla 1 o 2 volte/settimana. Una volta ottenuta la guarigione dell'ulcera, si deve applicare un supporto elastico prima che il paziente si alzi dal letto. Indipendentemente dalla medicazione utilizzata, la riduzione dell'edema (usualmente con la compressione) è di importanza fondamentale per la guarigione.

In caso di cellulite Cellulite La cellulite è un'infezione batterica acuta della cute e del tessuto sottocutaneo causata nella maggior parte dei casi da streptococchi o stafilococchi. I sintomi e i segni sono dolore, calore... maggiori informazioni  Cellulite sovrapposta si ricorre ad antibiotici orali (p. es., cefalosporine, dicloxacillina). Gli antibiotici topici (p. es., mupirocina, sulfadiazina argentica) sono utili per il trattamento delle erosioni e delle ulcere. Una volta ridotti l'edema e l'infiammazione, possono essere necessari degli innesti cutanei a tutto spessore nelle ulcerazioni estese.

Non devono essere utilizzati farmaci topici multipli o composti in associazione o prodotti da banco. Nella dermatite da stasi la cute è meno resistente agli irritanti diretti e ad agenti topici potenzialmente sensibilizzanti (p. es., antibiotici, anestetici, veicoli di farmaci topici, in particolare lanolina e alcoli della lana).

Punti chiave sulla dermatite da stasi

  • La dermatite da stasi è dovuta a edema cronico, più tipicamente sugli stinchi.

  • I segni comprendono eritema, desquamazione, prurito e lichenificazione e possono comprendere erosioni piangenti e croste.

  • Le complicanze comprendono infezioni secondarie, ulcere e sensibilità al contatto.

  • Elevazione e compressione sono spesso necessarie.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Idrosadenite suppurativa
L'idrosadenite suppurativa pare essere una condizione infiammatoria cronica del follicolo pilifero e delle strutture ad esso interconnesse. Questa condizione può essere presente nelle ascelle, nell’inguine e intorno ai capezzoli e all’ano. Nei casi cronici ascellari di idrosadenite suppurativa, quale delle seguenti condizioni è più probabile che si verifichi?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE