Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Linfedema

Di

James D. Douketis

, MD, McMaster University

Ultima modifica dei contenuti lug 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Il linfedema è l'edema di un arto dovuto a ipoplasia linfatica (primitivo) o a ostruzione o distruzione (secondario) dei vasi linfatici. La sintomatologia è rappresentata da edema duro non comprimibile, di consistenza fibrosa, in uno o più arti. La diagnosi viene effettuata sulla base dell'esame obiettivo. Il trattamento consiste nell'esercizio fisico, nell'elastocompressione, nei massaggi e talvolta nell'intervento chirurgico. Generalmente non si ottiene la guarigione completa, ma il trattamento può ridurre o rallentare la progressione della malattia e prevenirne le complicanze. Questi pazienti sono a rischio di cellulite, linfangite e, più raramente, di linfangiosarcoma.

Eziologia

Il linfedema può essere

  • Primario: A causa di ipoplasia linfatica

  • Secondario: A causa di ostruzione o distruzione dei vasi linfatici

Linfedema primario

I linfedemi primari sono rari ed ereditari. La malattia si presenta in soggetti di età variabile e con caratteristiche fenotipiche diverse.

Il linfedema congenito compare prima dei 2 anni ed è dovuto ad aplasia o ipoplasia linfatica. La malattia di Milroy è una forma familiare di linfedema congenito, trasmessa con modalità autosomica dominante, attribuita a mutazioni genetiche del recettore del fattore di crescita endoteliale vascolare (vascular endothelial growth factor, VEGFR-3) talvolta associata ad ittero colestatico e edema o a diarrea secondaria a linfangectasia intestinale con enteropatia protido-disperdente.

Il linfedema precoce compare tra i 2 e i 35 anni, tipicamente nelle donne in occasione del menarca o all'inizio di una gravidanza.

La malattia di Meige è una forma di linfedema precoce familiare autosomica dominante dovuta a mutazioni del gene (FOXC2) che codifica per un fattore di trascrizione ed è associata alla presenza di ciglia accessorie (distichiasi), palatoschisi, e edema di gambe, braccia e talvolta volto.

Il linfedema tardivo si manifesta dopo i 35 anni. Esistono forme familiari e sporadiche; in entrambi i casi, le basi genetiche sono sconosciute. Le caratteristiche cliniche di queste forme sono simili a quelle del linfedema precoce ma possono essere meno gravi.

Il linfedema è prominente in alcune altre sindromi genetiche, tra cui

  • La sindrome delle unghie gialle, caratterizzata da versamento pleurico e unghie gialle

  • La sindrome di Hennekam, una rara sindrome congenita caratterizzata da linfangectasie intestinali e ad altra localizzazione, anomalie facciali e ritardo mentale

Linfedema secondario

Il linfedema secondario è molto più frequente della forma primitiva.

Le cause più frequenti sono

  • Chirurgia (soprattutto dissezione linfonodale, in genere per il trattamento del cancro al seno)

  • Radioterapia (soprattutto ascellare o inguinale)

  • Traumi

  • Ostruzione linfatica da un tumore

  • Filariosi linfatica (nei paesi in via di sviluppo)

Il linfedema lieve-moderato può anche derivare dalla trasudazione di linfa nei tessuti interstiziali, in pazienti con insufficienza venosa cronica.

Sintomatologia

La sintomatologia del linfedema secondario comprende una fastidiosa dolenzia e una sensazione di pesantezza o gonfiore.

Il segno principale è rappresentato dall'edema dei tessuti molli, classificato in 3 stadi:

  • Stadio 1: l'edema è improntabile e l'area interessata spesso ritorna normale al mattino.

  • Stadio 2: l'edema non è improntabile (non a fovea) e l'infiammazione cronica dei tessuti molli causa precocemente fibrosi.

  • Stadio 3: l'edema è duro e irreversibile, in gran parte a causa della fibrosi dei tessuti molli.

L'edema è il più delle volte monolaterale e si può aggravare nelle stagioni calde, prima dell'arrivo della mestruazione e dopo che l'arto è rimasto a lungo in posizione declive. L'arto può essere coinvolto interamente oppure nella sola porzione prossimale o distale; l'ampiezza del movimento può essere compromessa quando la tumefazione linfedematosa è periarticolare. La comparsa di disabilità e lo stress emotivo possono essere rilevanti, specie quando il linfedema deriva da un trattamento medico o chirurgico.

Le alterazioni cutanee sono frequenti e comprendono ipercheratosi, iperpigmentazione, verruche, papillomi e infezioni fungine.

Raramente, un arto interessato diventa estremamente grande, e l'ipercheratosi è grave, dando l'aspetto di pelle di elefante (elefantiasi). Questa manifestazione è più frequente con la filariosi che con altre cause di linfedema.

Complicanze

Si può sviluppare una linfangite, generalmente secondaria ad infezione batterica, dove di solito la porta d'entrata è rappresentata da lesioni della cute nelle pieghe interdigitali, dovute a infezioni micotiche, o da ferite della mano. La linfangite è quasi sempre streptococcica con conseguente erisipela; talvolta è di origine stafilococcica. L'arto colpito diventa eritematoso e caldo; le strie eritematose si possono estendere prossimalmente dalla porta d'entrata e si può sviluppare una linfoadenopatia. Raramente, si verificano lesioni cutanee dovute a distensione della cute.

Di rado, un linfedema di vecchia data è causa di linfangiosarcoma (sindrome di Stewart-Treves), di solito in pazienti mastectomizzate e nei pazienti affetti da filariosi.

Diagnosi

  • Diagnosi clinica

  • Si ricorre alla TC o alla RM quando la causa non è evidente

Il linfedema primario è in genere facilmente riconoscibile, a causa del caratteristico edema dei tessuti molli diffuso a tutto il corpo e sulla base di altre informazioni derivanti dall'anamnesi e dall'esame obiettivo.

La diagnosi del linfedema secondario risulta in genere chiara dall'esame obiettivo. Sono indicati ulteriori esami quando si sospetta un linfedema secondario, a meno che vi siano già una diagnosi e un'eziologia evidenti. La TC e la RM possono identificare le sedi dell'ostruzione linfatica; la linfoscintigrafia con radionuclidi può identificare un'ipoplasia linfatica o la presenza di un flusso rallentato.

La progressione può essere monitorata attraverso la misurazione della circonferenza dell'arto o misurando il volume d'acqua che viene spostato immergendo l'arto in un recipiente oppure con la tonometria cutanea o dei tessuti molli; questi test, tuttavia, non sono stati ancora validati.

Nei paesi in via di sviluppo deve essere eseguito il test per la filariosi linfatica.

Quando il linfedema è maggiore del previsto (p. es., dopo linfadenectomia) o compare dopo tanto tempo in pazienti con tumore mammario sottoposte a trattamento, si deve prendere in considerazione un'eventuale recidiva neoplastica.

Prognosi

Quando il linfedema è conclamato, la guarigione definitiva è difficile. Un trattamento scrupoloso e misure preventive (ove possibile) possono ridurre i sintomi, rallentare o arrestare la progressione della malattia, e prevenirne le complicanze.

Trattamento

  • A volte è possibile una ricostruzione chirurgica in caso di linfedema primario

  • È bene mobilizzare l'edema (p. es., attraverso l'elevazione dell'arto e la compressione, attraverso massaggi, bendaggi elastocompressivi e compressione pneumatica intermittente)

Il trattamento del linfedema primario può comprendere la riduzione chirurgica (con rimozione del grasso sottocutaneo e del tessuto fibrotico) e la ricostruzione dei tessuti molli quando la qualità della vita è significativamente ridotta.

Il trattamento del linfedema secondario prevede l'identificazione della causa e il trattamento eziologico. Come trattamento sintomatico, si possono utilizzare varie tecniche di mobilizzazione dell'edema (terapia decongestionante complessa). Essi comprendono.

  • Il drenaggio linfatico manuale, in cui l'arto viene sollevato e massaggiato ("spremuto") in direzione del cuore

  • Bendaggi o maniche per ottenere un gradiente di pressione

  • Esercizi dell'arto

  • Massaggio delle estremità, compresa la compressione pneumatica intermittente

La riduzione chirurgica dei tessuti molli, la reanastomosi linfatica e la formazione di canali di drenaggio sono tecniche sperimentali che non sono mai state studiate sistematicamente.

Le misure preventive comprendono l'evitare la vicinanza a fonti di calore, gli sforzi fisici eccessivi, l'abbigliamento stretto e le fasce costrittive (compresi i bracciali dello sfigmomanometro) applicate attorno all'arto colpito. La cura della cute e delle unghie richiede particolare attenzione; vanno evitate le vaccinazioni, le flebotomie e i cateterismi EV a carico dell'arto colpito.

Consigli ed errori da evitare

  • Evitare vaccinazione, salasso, e cateterizzazione EV in arti affetti da linfedema.

La cellulite e la linfangite sono trattate con antibiotici inibitori delle beta-lattamasi con copertura dei Gram-positivi (p. es., dicloxacillina, cefalexina).

Punti chiave

  • Il linfedema secondario (dovuto a ostruzione o rottura dei vasi linfatici) è molto più comune del linfedema primario (che è dovuto a ipoplasia linfatica).

  • L'elefantiasi (ipercheratosi estrema della pelle di un arto colpito da linfedema) è una manifestazione grave del linfedema.

  • La cura non è frequente, ma il trattamento può ridurre i sintomi, rallentare o arrestare la progressione della malattia, e prevenirne le complicanze.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come eseguire la cardioversione sincronizzata in un...
Video
Come eseguire la cardioversione sincronizzata in un...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema linfatico
Modello 3D
Sistema linfatico

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE