Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS)

Di

Christopher P. Raab

, MD, Sidney Kimmel Medical College at Thomas Jefferson University

Ultima revisione/verifica completa ott 2019| Ultima modifica dei contenuti ott 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
Risorse sull’argomento

La sindrome della morte improvvisa del lattante è una morte improvvisa e inaspettata, di solito durante il sonno, di un lattante apparentemente sano di meno di 1 anno.

  • La causa della sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS) è sconosciuta.

  • Far dormire i lattanti supini, rimuovere dalla culla cuscini, paraurti e giocattoli, prevenire pericolosi aumenti di temperatura nei bambini e proteggerli dal fumo passivo sono misure che possono contribuire a prevenire la SIDS.

  • I genitori che hanno perso un bambino per SIDS dovrebbero chiedere l’assistenza psicologica a dei gruppi di supporto.

Sebbene in generale negli Stati Uniti sia rara (circa 1 caso su 1.000 nascite), la sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS; chiamate anche morte in culla) rappresenta una delle cause più comuni di morte nei bambini di età compresa tra 2 settimane e 1 anno. I bambini afro-americani e nativi americani presentano in media un rischio doppio di SIDS. Colpisce soprattutto i bambini tra il secondo e il quarto mese di vita. La sindrome è diffusa in tutto il mondo. I fattori di rischio sono molti.

Fattori di rischio di sindrome della morte improvvisa del lattante

I bambini che hanno o che sono esposti a uno qualsiasi dei seguenti fattori di rischio sono a maggior rischio di SIDS:

  • Dormire proni (il fattore di rischio più importante)

  • Etnia afro-americana o nativa americana

  • Fratello o sorella morti di SIDS

  • Temperature basse/mesi invernali

  • Deficit di crescita

  • Basso peso alla nascita

  • Famiglia di basso reddito

  • Sesso maschile

  • Madre che ha avuto molte gravidanze

  • Madre di età inferiore a 20 anni

  • Madre fumatrice o che ha usato sostanze stupefacenti durante la gravidanza

  • Non uso del cuccio

  • Culla vecchia o poco sicura

  • Surriscaldamento (causato da coperte o dal riscaldamento della stanza)

  • Pause della respirazione (apnea) con necessità di rianimazione

  • Scarse cure prenatali

  • Malattia recente

  • Condivisione del letto con un genitore o una persona che se ne prende cura (condivisione del letto o co-sleeping)

  • Gravidanze a distanza ravvicinata

  • Madre single

  • Fumare in casa

  • Biancheria da letto morbida

  • Infezione delle alte vie respiratorie

  • Materasso ad acqua

Cause

La causa della sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS) è sconosciuta. Può essere dovuta a un’alterazione del controllo respiratorio. Alcuni neonati con SIDS mostrano segni di bassi livelli di ossigeno nel sangue e di periodi di apnea.

È stato indicato che far dormire i neonati proni e utilizzare cuscini morbidi o coperte soffici di lana favorisce la SIDS. Il rischio di SIDS è inoltre più alto se si dorme insieme al bambino (co-sleeping) su un divano, un cuscino o un letto.

Did You Know...

  • Anche se rara, la sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS) è una delle cause più comuni di decesso nei bambini tra le 2 settimane e l’anno di vita. È associata al posizionamento dei neonati in posizione prona per dormire.

Diagnosi

  • Autopsia

I medici non possono formulare la diagnosi di SIDS senza eseguire un’autopsia (ispezione ed esame di un corpo dopo il decesso) per escludere altre cause di morte improvvisa e inattesa (come emorragia intracranica, meningite o miocardite).

I medici devono anche valutare se la causa della morte sia un soffocamento accidentale o un abuso.

Prevenzione

  • Far dormire il bambino supino

Malgrado si conoscano i fattori di rischio, non esiste una strategia sicura per la prevenzione della SIDS. Tuttavia, alcuni provvedimenti sembrano essere utili, ad esempio far dormire i neonati supini su un materasso rigido. Il numero di decessi per SIDS si è ridotto marcatamente in conseguenza della tendenza a far dormire supini i bambini (vedere la campagna Safe to Sleep®). I genitori devono inoltre togliere cuscini, paraurti e giocattoli che possano ostruire le vie aeree del neonato. Anche evitare di coprirli troppo proteggendoli da un calore eccessivo può essere utile. Può essere d’aiuto allattare al seno ed evitare l’esposizione al fumo passivo di sigaretta, misure che comportano evidentemente anche altri benefici per la salute.

Non vi sono prove che i monitor domestici per il controllo del respiro riducano il rischio di SIDS.

icon

Safe to Sleep: Reducing the Risk of Sudden Infant Death Syndrome

  • Posizione: far dormire il bambino sempre supino.

  • Superficie: far dormire il bambino su una superficie rigida, ad esempio un materasso per culla conforme ai requisiti di sicurezza, coperto da un lenzuolo con angoli.

  • Letto: rimuovere dall’area in cui dorme il bambino oggetti soffici, giocattoli, coperte e altra biancheria da letto non fissata.

  • Non fumare: Non lasciar fumare vicino al bambino. È importante anche non fumare durante la gravidanza.

  • Ubicazione: far dormire il bambino in un’area vicina ma separata da quella in cui dormono i genitori e altri figli.

  • Succhiotti: pensare di dare al bambino un succhiotto pulito e asciutto quando lo si mette a dormire.

  • Temperatura: fare in modo che il bambino non abbia troppo caldo.

Gli apparecchi di controllo domestici e i prodotti che promettono di prevenire la sindrome della morte improvvisa del neonato non sembrano essere utili.

Per evitare che sulla testa del bambino si sviluppino aree piatte, da sveglio il neonato dovrebbe essere messo prono, con il controllo da parte di qualcuno. Per far sì che la testa del bambino assuma una forma arrotondata, i genitori dovrebbero cambiare ogni settimana l’orientamento del lattante nella culla ed evitare di lasciarlo troppo a lungo nei seggiolini per auto, nei passeggini e negli ovetti.

Adattato da The National Institute of Child Health and Human Development (campagna Safe to Sleep®).

Risorse per i genitori che hanno perso un bambino a causa di SIDS

  • Psicoterapia

  • Gruppi di supporto

Quasi tutti i genitori che hanno perso un bambino per SIDS sono disperati e non preparati alla tragedia. In genere si sentono colpevoli. Possono rimanere ulteriormente traumatizzati dalle ricerche condotte dalla polizia, dagli assistenti sociali o da altri. I consigli e il sostegno di specialisti competenti e del personale infermieristico o di altri genitori colpiti dalla stessa tragedia sono fondamentali per fronteggiare il dolore. Gli specialisti possono consigliare letture specifiche, siti Web (visitare www.sids.org) e gruppi di supporto per sostenere i genitori.

Per ulteriori informazioni

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE