Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Agenti asfissianti sistemici per guerra chimica

(Systemic Asphyxiants)

Di

James M. Madsen

, MD, MPH, U.S. Army Medical Research Institute of Chemical Defense (USAMRICD)

Ultima revisione/verifica completa mag 2019| Ultima modifica dei contenuti mag 2019
per accedere alla Versione per i professionisti

I molti tipi di agenti per guerra chimica influiscono su parti diverse del corpo. Gli asfissianti sistemici avvelenano le cellule di tutto l’organismo e includono

  • Composti di cianuro

  • Solfuro di idrogeno

Sono detti anche agenti ematici perché si distribuiscono attraverso il sangue, anche se danneggiano le cellule di tutto l’organismo e non solo quelle del sangue.

I composti di cianuro includono il cianuro di idrogeno e il cloruro di cianogeno, che sono gas o liquidi altamente volatili a temperatura ambiente. I cianuri sono prodotti della combustione di molte sostanze chimiche domestiche e industriali, e coloro che sono intossicati dai fumi di qualsiasi tipo di incendio industriale o domestico possono anche subire un avvelenamento da cianuro. Nonostante il caratteristico odore del cianuro come di mandorla amara, circa la metà delle persone non riesce a distinguerlo.

Did You Know...

  • La combustione di molte sostanze chimiche domestiche e industriali può produrre cianuro.

Il solfuro di idrogeno è sempre un gas a temperatura ambiente, quindi l’esposizione avviene di solito per inalazione. Può risultare da una miscela di sostanze chimiche domestiche contenenti zolfo con acidi. I gas residui possono colpire i soccorritori causando ulteriori vittime. Il solfuro di idrogeno è anche prodotto dalla decomposizione del letame. I pozzi di letame delle grandi fattorie contengono quantità letali del gas, che ha un caratteristico odore di uova marce, ma ad alta concentrazione pregiudica la capacità di una persona di rilevarlo.

Sintomi

Il cianuro all’inizio causa respiro affannoso, frequenza cardiaca accelerata e ipertensione arteriosa; può provocare convulsioni e perdita di coscienza nel giro di soli 30 secondi, oltre a segni simili a quelli del tetano, fra cui trisma, smorfie del viso e inarcamento del collo. La cute appare arrossata, ma in circa la metà dei colpiti assume una colorazione bluastra.

L’esposizione ad alte dosi di solfuro di idrogeno può anche provocare convulsioni e perdita di coscienza, nonché danno cardiaco. Un’esposizione continua a basse dosi di solfuro di idrogeno può causare irritazione degli occhi e delle mucose del naso e della gola, cefalea, debolezza, mancanza di coordinazione, nausea, vomito, rigidità toracica e iperventilazione.

Diagnosi

  • Valutazione medica

I casi gravi devono essere trattati immediatamente, quindi la diagnosi si basa sui sintomi e sull’anamnesi. In seguito all’esposizione al solfuro di idrogeno, le eventuali monete che l’interessato ha con sé possono presentare una colorazione verde oppure scura, facendo aumentare il sospetto di esposizione a questa sostanza. I normali esami del sangue possono indicare l’esposizione al cianuro di idrogeno o al solfuro di idrogeno, ma possono confermarla solo esami specifici.

Trattamento

  • Assicurare che la persona possa respirare

  • Decontaminazione della pelle

  • Antidoti, se disponibili

  • Ossigeno al 100%

L’attenzione dei medici si concentra immediatamente sulle vie aeree, sulla respirazione e sulla circolazione. La cute può essere decontaminata mediante acqua con o senza sapone.

Sono disponibili antidoti contro il cianuro, tra cui il nitrito di amile, il nitrito di sodio, il tiosolfato di sodio e l’idrossicobalamina. Se non sono disponibili gli antidoti, si somministra ossigeno al 100%. La rianimazione bocca a bocca non protetta può esporre il soccorritore al cianuro presente nel respiro della persona avvelenata.

Per l’esposizione al solfuro di idrogeno di solito si somministra ossigeno al 100%, Possono risultare utili il glucosio e il bicarbonato somministrati per via endovenosa (EV).

Le opinioni riportate in questo articolo sono dell’autore e non riflettono la politica ufficiale dell’Esercito, del dipartimento della Difesa o del governo degli Stati Uniti.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE