Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Disturbo dello spettro della neuromielite ottica (NMOSD)

(Malattia di Devic)

Di

Michael C. Levin

, MD, College of Medicine, University of Saskatchewan

Ultima revisione/verifica completa set 2018| Ultima modifica dei contenuti set 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Il disturbo dello spettro della neuromielite ottica colpisce principalmente i nervi degli occhi e il midollo spinale, danneggiando o distruggendo pezzi di mielina (la sostanza che ricopre la maggior parte della fibre nervose) e le fibre nervose sottostanti.

Il disturbo dello spettro della neuromielite ottica è una malattia demielinizzante. Esso causa sintomi simili a quelli della sclerosi multipla (SM) e veniva solitamente considerato una variante della stessa. Tuttavia, il disturbo dello spettro della neuromielite ottica colpisce generalmente principalmente gli occhi e il midollo spinale, mentre la sclerosi multipla interessa anche il cervello. Il rischio di diventare invalidi è maggiore con il disturbo dello spettro della neuromielite ottica rispetto alla sclerosi multipla. Pertanto, chi presenta sintomi indicativi di disturbo dello spettro della neuromielite ottica dovrebbe immediatamente recarsi da un medico.

Isolamento di una fibra nervosa

La maggior parte delle fibre nervose all’interno e all’esterno del cervello sono avvolte in molti strati di tessuto composto da un grasso (lipoproteina) chiamato mielina. Questi strati formano la guaina mielinica. Come l’isolamento intorno a un cavo elettrico, la guaina mielinica consente ai segnali nervosi (impulsi elettrici) di essere condotti lungo le fibre nervose in modo veloce e preciso. Quando la guaina mielinica è danneggiata (demielizzazione), i nervi non conducono gli impulsi elettrici in modo normale.

Isolamento di una fibra nervosa

Il disturbo dello spettro della neuromielite ottica è una malattia autoimmune, ovvero un disturbo nel quale il sistema immunitario attacca i tessuti stessi dell’organismo. Nel disturbo dello spettro della neuromielite ottica, il bersaglio dell’attacco autoimmune è una proteina chiamata aquaporina 4, presente sulla superficie delle cellule di supporto (chiamate astrociti) del cervello, del midollo spinale e dei nervi ottici. Si ritiene che il danneggiamento degli astrociti provochi demielinizzazione. In alcune persone con disturbo dello spettro della neuromielite ottica, il sistema immunitario prende di mira un’altra proteina detta glicoproteina oligodendrocita mielinica (MOG) presente sulla strato esterno di mielina.

Sintomi

Il disturbo dello spettro della neuromielite ottica causa un’infiammazione del nervo ottico (neurite ottica). Può colpire uno o entrambi gli occhi. La malattia causa episodi di dolore oculare e di vista ridotta, offuscata o addirittura di cecità.

Alcuni giorni o settimane (a volte anni) più tardi, vengono colpiti gli arti. Le persone possono perdere temporaneamente la sensibilità. Possono accusare spasmi muscolari dolorosi e le braccia e le gambe possono diventare deboli e talvolta paralizzate. Le persone possono non essere in grado di controllare la vescica (incontinenza urinaria) e l’intestino (incontinenza fecale).

In alcune persone, la parte di midollo spinale che controlla la respirazione è infiammata, causando difficoltà respiratorie, che sono potenzialmente letali.

Il disturbo dello spettro della neuromielite ottica progredisce in modo diverso in ogni persona. Con il progredire della malattia, possono manifestarsi spasmi muscolari brevi, frequenti e dolorosi. Alla fine cecità, perdita di sensibilità, debolezza muscolare agli arti e problemi di funzionamento di vescica e intestino possono diventare permanenti.

Diagnosi

  • Valutazione medica

  • Risonanza magnetica per immagini

  • Risposte evocate

  • Esami del sangue

Per diagnosticare il disturbo dello spettro della neuromielite ottica, il medico valuta il sistema nervoso (esame neurologico) durante un esame obiettivo. Viene esaminato il nervo ottico con un oftalmoscopio.

Di solito, gli esami includono una risonanza magnetica per immagini (RMI) cerebrale per escludere la sclerosi multipla. Per confermare la diagnosi di disturbo dello spettro della neuromielite ottica, vengono eseguite una RMI del midollo spinale e delle risposte evocate.

Quando viene usato il test delle risposte evocate per diagnosticare il disturbo dello spettro della neuromielite ottica, vengono usati stimoli per la vista (come una luce lampeggiante) per attivare alcune aree del cervello. Viene quindi eseguito un elettroencefalogramma per rilevare la risposta agli stimoli. Sulla base di queste risposte, i medici possono determinare come stia funzionando il nervo ottico.

Possono essere eseguiti degli esami del sangue per rilevare anticorpi specifici all’aquaporina 4 e alla glicoproteina oligodendrocita mielinica al fine di distinguere il disturbo dello spettro della neuromielite ottica dalla sclerosi multipla. (Gli anticorpi sono proteine prodotte dal sistema immunitario per contribuire a difendere l’organismo dall’attacco di particolari agenti.)

Trattamento

  • Corticosteroidi

  • Plasmaferesi

  • Farmaci che sopprimono il sistema immunitario

Non esistono cure per il disturbo dello spettro della neuromielite ottica. Tuttavia, i trattamenti possono interrompere gli episodi, controllare i sintomi e prevenire le recidive.

Vengono spesso usati un corticosteroide (come metilprednisolone) e un farmaco che sopprime il sistema immunitario (un immunosoppressivo, come azatioprina) per interrompere e prevenire gli episodi. Può essere usato rituximab (un anticorpo monoclonale usato come immunosoppressore e farmaco chemioterapico) per ridurre il numero di anticorpi anormali e controllare il disturbo.

La plasmaferesi può aiutare le persone che non rispondono ai corticosteroidi. Per questo trattamento, viene prelevato del sangue, gli anticorpi anomali vengono eliminati e il sangue viene ri-trasfuso nella persona.

Il trattamento dei sintomi è simile a quello della sclerosi multipla. Baclofene o tizanidina possono alleviare gli spasmi muscolari.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Anatomia della colonna vertebrale
Video
Anatomia della colonna vertebrale
La colonna vertebrale è una serie di ossa che forma lo scheletro assiale, un’impalcatura che...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Angioplastica con stent
Modello 3D
Angioplastica con stent

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE