Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Paralisi del terzo nervo cranico (nervo oculomotore)

Di

Michael Rubin

, MDCM, New York Presbyterian Hospital-Cornell Medical Center

Ultima revisione/verifica completa set 2020| Ultima modifica dei contenuti set 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

Una paralisi del 3° nervo cranico può compromettere i movimenti dell’occhio, la risposta della pupilla alla luce o entrambi.

  • Queste paralisi possono insorgere quando viene esercitata una pressione sul nervo o se questo non riceve sangue sufficiente.

  • Le persone presentano visione doppia quando guardano in una determinata direzione, palpebre cadenti e pupille allargate (dilatate).

  • Il medico effettua un esame neurologico e una tomografia computerizzata (TC) o una risonanza magnetica per immagini (RMI) dell’encefalo.

  • Il trattamento dipende dalla causa.

La paralisi può variare da parziale a completa.

Le cause più comuni della paralisi del 3° nervo cranico sono

  • Pressione sul (compressione del) nervo

  • Afflusso di sangue inadeguato al nervo

La compressione tende a derivare da disturbi gravi, come

L’ernia si verifica quando il cervello viene spinto verso il basso attraverso una piccola apertura naturale negli strati di tessuto che suddividono il cervello in compartimenti. L’ernia può derivare da un’emorragia (a volte dovuta a un trauma cranico), da un tumore o dalla presenza di una massa di altro tipo nel cervello.

Un afflusso di sangue inadeguato è più comune e in genere meno grave. Solitamente è causato da:

Sintomi

L’occhio colpito ruota leggermente verso l’esterno e verso il basso quando quello non colpito guarda in avanti, causando uno sdoppiamento della vista. L’occhio colpito può ruotare verso l’interno molto lentamente e può spostarsi solo fino al centro quando si guarda verso l’interno. Non riesce a spostarsi verso l’alto e verso il basso. Dal momento che il 3° nervo cranico solleva anche le palpebre e controlla le pupille, le palpebre cadono. La pupilla può essere normale o ingrandita (dilatata) e potrebbe non restringersi (costrizione) in risposta alla luce. La pupilla spesso è colpita quando la causa è la compressione del nervo.

Il disturbo che causa la paralisi può peggiorare, provocando una situazione grave, potenzialmente letale. Ad esempio, può manifestarsi improvvisamente una cefalea intensa, oppure una persona può diventare sempre più sonnolenta o meno reattiva. In questi casi, la causa può essere la rottura di un aneurisma, che in seguito sanguina. Può subentrare il coma. In queste persone, la dilatazione di entrambe le pupille e la mancanza di reazione alla luce di entrambe le pupille indica un coma profondo e un’eventuale morte cerebrale.

Diagnosi

  • Esame neurologico

  • Risonanza magnetica per immagini o tomografia computerizzata

  • A volte altri esami

La diagnosi della paralisi del 3° nervo cranico si basa sui risultati di un esame neurologico.

Di solito vengono eseguite una risonanza magnetica per immagini (RMI) o una tomografia computerizzata (TC) dell’encefalo per identificare la causa.

Se è colpita la pupilla o se i sintomi suggeriscono una patologia di base grave, la RMI o la TC dell’encefalo viene effettuata immediatamente.

Se si sospetta la rottura di un aneurisma, si esegue immediatamente una TC (o RMI). Se la TC (o la RMI) non rileva sangue, si effettua una rachicentesi (puntura lombare), un’angiografia con risonanza magnetica, un’angioTC o un’angiografia cerebrale.

Trattamento

  • Trattamento della causa

Il trattamento della paralisi del 3° nervo cranico dipende dalla causa. È necessario un trattamento di emergenza se la causa è una patologia potenzialmente letale.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Disfunzione cerebrale in base alla sede
Poiché aree diverse del cervello controllano funzioni differenti, la sede del danno cerebrale determina la conseguente disfunzione. Quale dei seguenti sintomi può causare un danno alla parte frontale del lobo frontale?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE