Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Leucocitosi linfocitica

Di

Mary Territo

, MD, David Geffen School of Medicine at UCLA

Ultima revisione/verifica completa gen 2020| Ultima modifica dei contenuti gen 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

Esistono tre tipi di linfociti

  • cellule B (linfociti B)

  • cellule T (linfociti T)

  • cellule natural killer

Tutti e tre i tipi possono aumentare in risposta a infezioni o tumori. In alcuni casi, tuttavia, aumenta solo un tipo specifico di linfociti.

La causa più comune di aumento del numero di linfociti è

Anche alcune infezioni batteriche, come la tubercolosi Tubercolosi (TB) La tubercolosi è un’infezione cronica contagiosa causata da Mycobacterium tuberculosis, un batterio che si trasmette per via aerea. Di solito colpisce i polmoni. La tubercolosi si trasmette... maggiori informazioni Tubercolosi (TB) , possono determinare un aumento del numero dei linfociti. Alcuni tipi di tumori, come il linfoma Panoramica sui linfomi I linfomi sono tumori dei linfociti, che si localizzano nel sistema linfatico e negli organi che generano il sangue. I linfomi sono tumori che interessano globuli bianchi specifici, noti come... maggiori informazioni Panoramica sui linfomi e la leucemia linfatica Panoramica sulle leucemie Le leucemie sono tumori dei globuli bianchi o delle cellule che diventeranno globuli bianchi. I globuli bianchi originano dalle cellule staminali del midollo osseo. Talvolta può succedere che... maggiori informazioni acuta o cronica, provocano un incremento del numero dei linfociti, dovuto sia all’immissione in circolo di linfociti immaturi (linfoblasti) sia al rilascio di cellule linfomatose nel torrente ematico. Anche nel morbo di Graves Ipertiroidismo L’ipertiroidismo è una condizione di iperattività della tiroide che determina un aumento dei livelli degli ormoni tiroidei e, quindi, l’accelerazione delle funzioni vitali dell’organismo. La... maggiori informazioni Ipertiroidismo e nel morbo di Crohn Morbo di Crohn Il morbo di Crohn è una malattia infiammatoria intestinale nella quale l’infiammazione cronica coinvolge tipicamente la parte inferiore dell’intestino tenue, l’intestino crasso o entrambi, ma... maggiori informazioni Morbo di Crohn si può verificare un aumento del numero dei linfociti nel circolo ematico.

In genere, l’aumento del numero di linfociti non causa sintomi. Tuttavia, nei soggetti affetti da linfoma e da determinate leucemie, l’aumento dei linfociti può causare febbre, sudorazione notturna e calo ponderale. Inoltre, possono insorgere sintomi associati a un’infezione o ad altre malattie che hanno causato l’aumento dei linfociti, anziché all’aumento di linfociti stesso.

Se si sospetta un’infezione si procederà con gli esami del sangue. Quando si rileva un aumento del numero dei linfociti, è bene esaminare un campione di sangue al microscopio per determinare se i linfociti si presentano in forma attivata (come accade in risposta alle infezioni virali) o se appaiono immaturi o alterati (come nel caso di alcune leucemie o linfomi). È possibile identificare anche il tipo specifico di linfocita (cellule T, cellule B o cellule natural killer) soggetto ad aumento per determinare il problema scatenante.

Il trattamento della leucocitosi linfocitica dipende dalla causa.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Esame del midollo osseo
Talvolta deve essere esaminato un campione di midollo osseo. Per ottenere un campione di midollo osseo, il medico inserisce un ago nell’osso e preleva una piccola quantità di midollo. Il campione viene quindi esaminato con il microscopio e analizzato. Quale delle seguenti opzioni risulta difficile da attuare usando un campione di midollo osseo?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE