Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Malattia da graffio di gatto

(Febbre da graffio di gatto)

Di

Larry M. Bush

, MD, FACP, Charles E. Schmidt College of Medicine, Florida Atlantic University;


Maria T. Vazquez-Pertejo

, MD, FCAP, Wellington Regional Medical Center

Ultima modifica dei contenuti feb 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

La malattia da graffio di gatto è un'infezione causata dai batteri Gram-negativi Bartonella henselae. I sintomi consistono in una papula locale con linfoadenite regionale. La diagnosi è clinica e viene confermata mediante biopsia o test sierologici. Il trattamento consiste nell'applicazione locale di calore, analgesici e talvolta antibiotici.

Il gatto domestico, in particolare i cuccioli, è il principale serbatoio di B. henselae. La prevalenza di anticorpi contro B. henselae nei gatti negli Stati Uniti varia dal 14 al 50%.

Circa il 99% dei pazienti con la malattia da graffio di gatto riferisce contatti con gatti, la maggior parte dei quali è sana. La localizzazione specifica del microrganismo nel gatto non è chiara; tuttavia, i periodi di batteriemia asintomatica si verificano ciclicamente. L'infezione si trasmette all'uomo tramite un morso o un graffio. La pulce del gatto trasmette l'infezione tra i gatti e può essere la causa della malattia negli esseri umani che non hanno avuto contatto con i gatti, anche se questa teoria non è dimostrata. I bambini ne sono affetti più di frequente.

Sintomatologia

A distanza di 3-10 giorni dal morso o dal graffio, la maggior parte dei pazienti con malattia da graffio di gatto sviluppa una papula eritematosa, crostosa (raramente una pustola) nel sito del graffio. Entro 2 settimane si sviluppa una linfoadenopatia regionale. All'inizio i linfonodi sono fissi e di consistenza molle, successivamente diventano fluttuanti e possono drenare con formazione di fistole. Febbre, malessere, cefalea e anoressia possono accompagnare la linfoadenopatia.

Manifestazioni insolite si verificano in 11-12% dei pazienti:

  • Sindrome oculoghiandolare di Parinaud (congiuntivite associata a nodi preauricolari palpabili) nel 6%

  • Manifestazioni neurologiche (encefalopatia, convulsioni, neuroretinite [causa perdita acuta della vista unilaterale], mielite, paraplegia, arterite cerebrale) nel 2%

  • Malattia granulomatosa epatosplenica nel < 1%

I pazienti possono anche presentarsi con una febbre di origine sconosciuta. La B. henselae è una delle cause più comuni di endocardite con coltura negativa, generalmente in pazienti con precedente malattia cardiaca valvolare. Nei pazienti immunodepressi, il B. henselae può causare angiomatosi e peliosi bacillare. Nei pazienti con AIDS può verificarsi una grave malattia disseminata.

La linfoadenopatia scompare spontaneamente nell'arco di 2-5 mesi. La completa guarigione è un evento usuale, tranne nei casi di grave malattia neurologica o epatosplenica, che può essere fatale o lasciare reliquati.

Diagnosi

  • Test sierologici in fase acuta e in convalescenza o test PCR (reazione a catena della polimerasi)

  • Talvolta biopsia linfonodale

La diagnosi di malattia da graffio di gatto è tipicamente confermata dalla positività del titolo anticorpale nel siero (è raccomandato testare i sieri nella fase acuta e convalescente a distanza di 6 settimane) o dalla PCR (reazione a catena della polimerasi) su campioni di aspirati linfonodali.

Poiché una simile linfoadenopatia può essere causata da altre infezioni (p. es., tularemia, infezioni da micobatteri, brucellosi, infezione fungina, linfogranuloma venereo), è necessario effettuare un test per i microrganismi coinvolti, se la diagnosi non è chiaramente ascrivibile alla malattia da graffio di gatto.

La biopsia dei linfonodi può essere effettuata se viene sospettato il cancro o se la diagnosi di malattia da graffio di gatto deve essere confermata. La diagnosi viene suggerita dai caratteristici riscontri istopatologici (p. es., granulomi suppurativi) o dall'individuazione dei microrganismi mediante immunofluorescenza.

I pazienti immunocompromessi e quelli con patologie sistemiche devono eseguire emocolture (che richiedono un'incubazione prolungata). Gli aspirati linfonodali danno raramente colture positive. Tuttavia, la Bartonella spp può essere isolata da colture di campioni di biopsie linfonodali. Sono spesso necessari dei terreni di coltura speciali.

Trattamento

  • Calore locale e analgesici

  • Talvolta antibiotici per i pazienti immunocompromessi

Il trattamento di malattia da graffio di gatto nei pazienti immunocompromessi consiste nell'applicazione locale di calore e analgesici per questa malattia tipicamente autolimitata. Se il linfonodo è fluttuante, l'aspirazione con una siringa in genere allevia il dolore.

La terapia antibiotica non dà chiari benefici e generalmente non deve essere somministrata nelle infezioni localizzate in pazienti immunocompetenti. Tuttavia, azitromicina o doxiciclina sono spesso somministrate per ridurre adenopatie e forse per abbassare il rischio di diffusione sistemica. Fluorochinoloni, rifampicina, gentamicina o doxiciclina possono essere utilizzati in caso di batteriemia nei pazienti con AIDS. Per eliminare la batteriemia è in genere necessaria una terapia prolungata (p. es., settimane o mesi). Le suscettibilità agli antibiotici in vitro spesso non correlano con i risultati clinici.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sul COVID-19
Video
Panoramica sul COVID-19
Modelli 3D
Vedi Tutto
SARS-CoV-2
Modello 3D
SARS-CoV-2

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE