Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Panoramica sulla terapia sostitutiva renale

Di

L. Aimee Hechanova

, MD, Texas Tech University

Ultima modifica dei contenuti ago 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

La terapia sostitutiva renale vicaria la funzione non endocrina del rene nei pazienti con insufficienza renale e viene utilizzata occasionalmente in alcune forme di avvelenamento. Le tecniche comprendono l'emofiltrazione e l'emodialisi continue, l'emodialisi intermittente e la dialisi peritoneale. Tutte le metodiche scambiano i soluti e rimuovono i liquidi dal sangue utilizzando la dialisi e la filtrazione attraverso delle membrane permeabili.

La terapia sostitutiva renale non corregge le anomalie endocrine (ridotta produzione di eritropoietina e 1,25-diidrossivitamina D3) dell'insufficienza renale. Durante la dialisi, i soluti sierici (p. es., na, Cl, K, HCO3, Ca, Mg, fosfato, urea, creatinina, acido urico) si diffondono passivamente tra i compartimenti seguendo un gradiente di concentrazione (trasporto passivo). Durante la filtrazione, l'acqua sierica passa tra i compartimenti seguendo un gradiente di pressione idrostatica e portando con sé i soluti (trasporto convettivo). I due processi sono spesso usati in associazione (emodiafiltrazione). L'emoperfusione è una tecnica raramente utilizzata che rimuove le tossine facendo scorrere il sangue su un letto di materiale assorbente (di solito un composto di resina o di carbone attivo).

La dialisi e la filtrazione possono essere eseguite in modo intermittente o continuo. La terapia continua viene utilizzata quasi esclusivamente per il danno renale acuto. La terapia continua è a volte meglio tollerata rispetto alla terapia intermittente in pazienti instabili, perché soluti e acqua vengono rimossi più lentamente. Tutte le forme di terapia sostitutiva renale richiedono un accesso vascolare eccetto nella dialisi peritoneale; le metodiche continue richiedono un circuito diretto arterovenoso o veno-venoso.

La scelta della tecnica dipende da un insieme di fattori, tra cui la necessità primaria (p. es., rimozione di soluto o di acqua o di entrambi), l'indicazione di base (p. es., insufficienza renale acuta o cronica, avvelenamento), l'accesso vascolare, la stabilità emodinamica, la disponibilità, il grado di esperienza degli operatori e le preferenze del paziente e la capacità (p. es., per la dialisi a casa). La tabella Indicazioni e controindicazioni alle comuni terapie sostitutive renali elenca le indicazioni e le controindicazioni per le forme comuni di terapia sostitutiva renale.

Tabella
icon

Indicazioni e controindicazioni alle comuni terapie sostitutive renali

Terapia sostitutiva renale

Indicazioni

Controindicazioni

Insufficienza renale (acuta o cronica) associata a una delle seguenti condizioni che non possono essere gestite altrimenti:

Paziente non collaborante o emodinamicamente instabile

Stesse indicazioni come per l'emodialisi (ad eccezione dei casi di avvelenamento) nei pazienti che

  • Hanno un accesso vascolare inadeguato

    o

  • Preferiscono l'autoterapia

Assolute:

  • Perdita della funzione peritoneale

  • Aderenze che limitano il flusso di dializzato

  • Ferite addominali recenti

  • Fistole addominali

  • I difetti della parete addominale che impediscono una dialisi efficace o che aumentano il rischio di infezioni (p. es., un'ernia inguinale o diaframmatica irreparabile, una vescica ectopica)

  • Condizioni del paziente non suscettibili a dialisi

Relative:

Emoperfusione

Avvelenamento o intossicazioni (p. es., a causa di barbiturici, di molti antidepressivi, di etclorvinolo, meprobamato, paraquat, glutetimide, di metalli come il litio e il bario, o di dosi tossiche di aminoglicosidi o farmaci cardiovascolari)

Paziente non collaborante o emodinamicamente instabile

* Ai fini del calcolo della velocità di filtrazione glomerulare, vedi Velocità di filtrazione glomerulare.

VFG = velocità di filtrazione glomerulare.

L'assistenza ai pazienti che necessitano di terapia sostitutiva renale a lungo termine coinvolge idealmente il nefrologo, lo psichiatra, l'assistente sociale, il nutrizionista renale, gli infermieri addetti alla dialisi e l'équipe chirurgica per i trapianti, un chirurgo vascolare (o un altro chirurgo esperto in posizionamento del catetere peritoneale per dialisi) e il gruppo chirurgico dei trapianti. La gestione del paziente deve iniziare quando l'insufficienza renale terminale è attesa, ma prima che sia necessaria la terapia sostitutiva renale, in modo che l'assistenza possa essere coordinata; che il paziente possa essere istruito sulle diverse opzioni; in modo che si possano valutare i suoi bisogni e le risorse e che si possa creare l'accesso vascolare.

Una valutazione psicosociale è importante poiché la terapia sostitutiva renale rende il paziente socialmente ed emotivamente vulnerabile. Essa interrompe la routine a lavoro, a scuola, le attività del tempo libero; crea rabbia, frustrazione, tensione e sensi di colpa per lo stato di dipendenza; e altera l'immagine corporea per la riduzione della forza fisica, per la perdita o l'alterazione della funzione sessuale, per il diverso aspetto fisico dovuto all'accesso chirurgico, per il posizionamento del catetere da dialisi, per i segni degli aghi, per l'osteopatia o a causa delle altre deteriorazioni fisiche. Alcuni pazienti reagiscono a questi sentimenti non accettando o non cooperando con l'équipe che li sta trattando.

I tratti della personalità che migliorano la prognosi per un adeguamento favorevole a lungo termine comprendono l'adattabilità, l'indipendenza, l'autocontrollo, la tolleranza alle frustrazioni e l'ottimismo. Sono importanti anche la stabilità emotiva, il supporto familiare, un costante supporto da parte del personale di dialisi, nonché la partecipazione del paziente e della sua famiglia alle decisioni. I programmi che favoriscono l'indipendenza del paziente e il suo completo ritorno ai precedenti interessi sono molto efficaci nel ridurre i problemi psicosociali.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come fare il cateterismo uretrale nei maschi
Video
Come fare il cateterismo uretrale nei maschi
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema riproduttivo maschile
Modello 3D
Sistema riproduttivo maschile

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE