Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Masse cervicali

Di

Marvin P. Fried

, MD, Montefiore Medical Center, The University Hospital of Albert Einstein College of Medicine

Ultima modifica dei contenuti apr 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

I pazienti o i loro familiari possono notare una massa nel collo, o questa può essere scoperta durante una visita di routine. Una massa del collo può essere non dolente o dolente a seconda della sua causa. Quando una massa del collo non è dolente, può passare molto tempo prima che i pazienti richiedano assistenza medica.

Eziologia della massa del collo

Tabella
icon

Le cause più frequenti di una massa del collo nei pazienti giovani comprendono:

  • Adenite reattiva

  • Infezione linfonodale batterica primitiva

  • Infezioni sistemiche

Le patologie congenite possono causare una massa del collo, tipicamente di lunga durata. Le più frequenti sono cisti del dotto tireoglosso, cisti della scissura branchiale e cisti dermoidi o sebacee.

Le masse tumorali sono più diffuse tra i pazienti anziani, ma possono comparire anche nei più giovani. Queste masse possono rappresentare una localizzazione primitiva tumorale o un coinvolgimento linfonodale secondario da un carcinoma a localizzazione primitiva locale, regionale, o a distanza. Circa il 60% delle masse localizzate a livello del triangolo sopraclaveare sono metastasi da localizzazioni primitive distanti. Nelle altre sedi del collo, l'80% delle linfoadenopatie cancerose cervicali origina dal tratto respiratorio o digestivo superiore. Le sedi probabili di origine sono il margine postero-laterale della lingua e il pavimento della bocca, seguiti da rinofaringe, tonsilla palatina, superficie laringea dell'epiglottide e ipofaringe compresi i seni piriformi.

Valutazione della massa del collo

Anamnesi

L'anamnesi della malattia attuale deve mettere in evidenza quanto a lungo la massa è stata presente e se essa è dolente. Importanti sintomi acuti associati comprendono mal di gola, sintomi di infezioni delle alte vie respiratorie e mal di denti.

La rassegna dei sistemi deve indagare sulla disfagia o disfonia e su sintomi di malattie croniche (p. es., febbre, perdita di peso, malessere generale). Cancri a localizzazione regionale e a distanza che causano metastasi al collo occasionalmente si manifestano con sintomi nella loro sede di origine (p. es., tosse nel cancro polmonare, disfagia nel cancro esofageo). Poiché numerosi cancri possono metastatizzare al collo, una completa rassegna dei sistemi è importante per identificarne l'origine.

L'anamnesi patologica remota deve indagare su HIV o tubercolosi note e fattori di rischio per entrambe. Sono valutati i fattori di rischio per il cancro, tra cui il consumo di alcol o l'uso di tabacco (tabacco da fiuto o da masticare in particolare), apparecchi per odontoiatria mal montati, e candidosi orale cronica. Anche la scarsa igiene orale può rappresentare un rischio.

Esame obiettivo

La massa del collo viene palpata per determinarne la consistenza (ossia, se soffice e fluttuante, teso-elastica, o dura), e la presenza e il grado di dolorabilità. Si deve anche determinare se la massa è liberamente mobile o appare fissa alla cute o ai tessuti sottostanti.

Cuoio capelluto, orecchie, cavità nasali, cavità orale, rinofaringe, orofaringe, ipofaringe, e laringe sono attentamente esaminati alla ricerca di segni di infezione ed ogni altra lesione visibile. I denti sono percossi per rilevare la dolorabilità selettiva dell'infezione di una radice. Si palpano alla ricerca di masse la base della lingua, il pavimento della bocca, la tiroide e le ghiandole salivari.

Sono palpate mammelle e prostata per rilevare eventuali masse, e la milza per valutarne l'ingrossamento. Sono controllate le feci alla ricerca di sangue occulto, che suggerisce un cancro del tratto gastrointestinale.

Si palpano le altre stazioni linfonodali (p. es., ascellari, inguinali).

Segni d'allarme

I seguenti reperti destano una particolare preoccupazione:

  • Massa dura, fissa

  • Paziente anziano

  • Presenza di lesioni orofaringee (diverse da faringite semplice o infezioni dentali)

  • Un'anamnesi di raucedine o disfagia persistente

Interpretazione dei reperti

Una massa cronica in pazienti giovani suggerisce una cisti. Una massa non mediana in pazienti anziani, in particolare con fattori di rischio, va considerata un cancro fino a prova contraria; una massa mediana è probabilmente di origine tiroidea (benigna o maligna).

Dolore, dolorabilità o entrambi in una massa suggeriscono una causa infiammatoria (in particolare un'infezione), mentre una massa non dolorante suggerisce una cisti o un tumore. Una massa dura, fissa, non dolente suggerisce un cancro, mentre una consistenza teso-elastica e la mobilità suggeriscono altro.

Chiazze mucose rosse e bianche (eritroplachia e leucoplachia) nell'orofaringe possono essere lesioni maligne responsabili di masse nel collo.

Si può notare difficoltà alla deglutizione con l'ingrossamento della tiroide o cancro che origina in varie sedi nel collo. La disfonia suggerisce un cancro che coinvolge laringe o nervo laringeo ricorrente.

Esami

Se la natura della massa del collo è chiaramente evidente (p. es., linfoadenopatia conseguente a recente faringite) o compare in un paziente giovane sano con una tumefazione dolente recente e nessun altro segno clinico, non è necessario alcun esame immediato. Tuttavia, il paziente va rivalutato regolarmente; se la massa non si riassorbe, è necessaria un'ulteriore valutazione.

La maggior parte degli altri pazienti deve essere sottoposta a emocromo e RX torace. I pazienti con reperti che suggeriscono cause specifiche devono anche essere sottoposti a esami per tali patologie (vedi tabella Alcune cause della massa del collo Alcune cause di masse cervicali I pazienti o i loro familiari possono notare una massa nel collo, o questa può essere scoperta durante una visita di routine. Una massa del collo può essere non dolente o dolente a seconda della... maggiori informazioni ).

Se l'esame obiettivo rivela una lesione orale o nasofaringea che non inizia a rimarginarsi entro 2 settimane, gli esami devono comprendere TC o RM e agobiopsia con ago sottile della lesione.

In pazienti giovani senza fattori di rischio per cancro di testa e collo e senza altre lesioni evidenti, si può dover eseguire una biopsia della massa del collo.

Pazienti anziani, in particolare quelli con fattori di rischio per cancro, devono dapprima essere sottoposti a ulteriori esami per identificare la sede primitiva; la biopsia della massa del collo può semplicemente rivelare un carcinoma squamocellulare indifferenziato senza chiarirne l'origine. Tali pazienti devono essere sottoposti a laringoscopia diretta, broncoscopia ed esofagoscopia con biopsia di tutte le regioni sospette. I campioni identificati come il carcinoma a cellule squamose devono essere testati per il papillomavirus umano. Si esegue una TC dell'encefalo, collo e torace ed eventualmente una scintigrafia tiroidea. Gli ultrasuoni sono preferiti per i bambini per evitare l'esposizione a radiazioni e possono essere usati negli adulti se si sospetta una massa tiroidea. Se non si individua un tumore primitivo, si deve eseguire un agoaspirato con ago sottile della massa del collo, che è preferibile a una biopsia incisionale perché non lascia una massa sezionata nel collo. Se la massa del collo è tumorale e non è stato identificato un tumore primitivo, si devono prendere in considerazione biopsie random di rinofaringe, tonsille palatine e base della lingua.

Trattamento delle masse cervicali

Il trattamento di una massa del collo è diretto alla causa.

Punti chiave sulla massa cervicale

  • Una massa cervicale acuta in pazienti giovani è in genere benigna.

  • Una massa cervicale in un paziente anziano suscita il timore di un cancro.

  • È importante un approfondito esame orofaringeo.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Anosmia
Un uomo di 54 anni si presenta in ambulatorio perché ha perso il senso dell’olfatto negli ultimi 3 mesi. Il paziente riferisce di aver avuto anche degli episodi intermittenti durante i quali ha riscontrato difficoltà nel parlare e deglutire. Dopo l’esame obiettivo, quale tra questi è il successivo passo più appropriato nella diagnosi?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE