Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Ipertensione porto-polmonare

Di

Mark T. Gladwin

, MD, University of Pittsburgh School of Medicine;


Andrea R. Levine

, MD, University of Maryland School of Medicine

Ultima revisione/verifica completa gen 2019| Ultima modifica dei contenuti gen 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

L’ipertensione porto-polmonare è una condizione in cui la pressione sanguigna è elevata nelle arterie dei polmoni, che prendono il nome di arterie polmonari (ipertensione polmonare), e nella vena porta (che drena il sangue proveniente dal fegato) e non è possibile rilevare alcuna causa per l’ipertensione polmonare.

L’ipertensione polmonare può manifestarsi in soggetti affetti da varie patologie che comportano ipertensione portale, che è spesso una complicanza della cirrosi epatica. La combinazione di ipertensione polmonare e ipertensione portale è definita ipertensione porto-polmonare.

In presenza di ipertensione porto-polmonare si sviluppano dispnea e affaticamento. Possono anche insorgere dolore toracico, tosse con emissione di sangue (emottisi), distensione delle vene del collo e gambe gonfie.

Diagnosi

  • Ecocardiogramma e cateterismo cardiaco destro

Il medico sospetta l’ipertensione porto-polmonare nei soggetti con epatopatie e sulla base dei sintomi e riscontri all’esame obiettivo. I risultati dell’esame e dei test, come l’elettrocardiogramma (ECG), suggeriscono che il lato destro del cuore o il ventricolo destro è ingrossato e sovraccarico (cuore polmonare).

Per diagnosticare l’ipertensione porto-polmonare, il medico esegue un ecocardiografia e fa passare un catetere attraverso una vena del braccio o della gamba nel lato destro del cuore (cateterismo cardiaco destro) per misurare la pressione sanguigna nel ventricolo destro e nell’arteria principale dei polmoni (arteria polmonare).

Trattamento

  • Farmaci per ridurre la pressione sanguigna nelle arterie dei polmoni

Per ridurre la pressione sanguigna nelle arterie dei polmoni è necessario il trattamento. I farmaci che dilatano i vasi sanguigni (vasodilatori) sono spesso efficaci nel ridurre la pressione sanguigna. Tuttavia, la gravità dell’epatopatia di base è un importante fattore determinante dell’esito. I soggetti con ipertensione porto-polmonare potrebbero non essere in grado di sottoporsi a un trapianto di fegato in quanto il disturbo aumenta il rischio di decesso o di complicanze gravi dovute alla procedura.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Broncopneumopatia cronica ostruttiva
Video
Broncopneumopatia cronica ostruttiva
Durante la normale respirazione, l’aria passa attraverso il naso, nella trachea e quindi nelle...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Struttura dei polmoni
Modello 3D
Struttura dei polmoni

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE