Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Tachicardia ventricolare

Di

L. Brent Mitchell

, MD, Libin Cardiovascular Institute of Alberta, University of Calgary

Ultima revisione/verifica completa lug 2019| Ultima modifica dei contenuti lug 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La tachicardia ventricolare è un ritmo cardiaco che si origina nei ventricoli (le camere inferiori del cuore) e che produce una frequenza cardiaca di almeno 120 battiti al minuto (la normale frequenza cardiaca è di solito compresa tra 60 e 100 battiti al minuto).

  • Quasi sempre, il soggetto presenta palpitazioni e altri sintomi di insufficienza cardiaca (ad esempio, mancanza di respiro, fastidio toracico e/o svenimento).

  • L’elettrocardiogramma serve a porre la diagnosi.

  • Possono trovare impiego farmaci e procedure volti a distruggere le aree ventricolari interessate dall’alterazione, ma generalmente è necessario l’inserimento di un defibrillatore impiantabile automatico.

La tachicardia ventricolare può essere intesa come una sequenza di battiti ventricolari prematuri consecutivi. A volte si verificano solo alcuni battiti di questo tipo e, poi, si ripristina il ritmo normale. Una tachicardia ventricolare che dura più di 30 secondi viene chiamata tachicardia ventricolare sostenuta.

La tachicardia ventricolare sostenuta insorge generalmente in soggetti con cardiopatia strutturale, come attacco cardiaco, insufficienza cardiaca o cardiomiopatia. Risulta più comune tra gli anziani. Di rado, tuttavia, la tachicardia ventricolare si manifesta in soggetti giovani in assenza di cardiopatia organica. Questi soggetti possono presentare una cardiopatia denominata sindrome del QT lungo, che può essere ereditaria o causata da determinati farmaci. Inoltre può essere causata da altre rare malattie ereditarie come la sindrome di Brugada (una canalopatia cardiaca).

Sintomi

I soggetti con tachicardia ventricolare lamentano quasi sempre la consapevolezza del battito cardiaco (palpitazioni). Possono presentare debolezza, sensazione di stordimento e/o fastidio toracico.

La tachicardia ventricolare sostenuta può essere pericolosa, perché i ventricoli non possono riempirsi adeguatamente e non riescono a svolgere una normale funzione di pompa. La pressione arteriosa tende a ridursi e ne consegue insufficienza cardiaca. La tachicardia ventricolare sostenuta è altresì pericolosa perché può peggiorare fino alla fibrillazione ventricolare, una forma di arresto cardiaco. Talvolta la tachicardia ventricolare causa pochi sintomi, anche a frequenze di 200 battiti al minuto, ma può essere ugualmente estremamente pericolosa.

Diagnosi

  • Elettrocardiogramma

L’elettrocardiogramma (ECG) può essere d’aiuto per diagnosticare una tachicardia ventricolare e per valutare se sia necessaria una terapia.

Trattamento

  • Ripristino del normale battito cardiaco

  • Prevenzione di ulteriori episodi

Trattamento immediato

La tachicardia ventricolare viene trattata se sintomatica o, quando gli episodi durano più di 30 secondi, anche in assenza di sintomi.

I soggetti sintomatici, in particolare in presenza di ipotensione arteriosa, richiedono una procedura di cardioversione immediata (shock elettrico volto a convertire il cuore al normale ritmo).

I soggetti asintomatici con manifestata tachicardia ventricolare di durata superiore a 30 secondi devono essere trattati o con cardioversione o con farmaci endovenosi.

La cardioversione è dolorosa, pertanto è necessario sedare il paziente, ma è quasi sempre efficace e, salvo il dolore, è associata a scarsi effetti collaterali.

La terapia farmacologica non è fastidiosa, ma non è altrettanto efficace della cardioversione nell’interrompere l’aritmia ed è associata a con maggiore probabilità a effetti collaterali. I farmaci più comunemente usati sono l’amiodarone, la lidocaina e la procainamide (vedere la tabella Alcuni farmaci utilizzati per trattare le aritmie).

Trattamento a lungo termine

L’obiettivo a lungo termine è prevenire il decesso improvviso, anziché limitarsi a risolvere l’alterazione ritmica. In soggetti con tachicardia ventricolare che presentano una cardiopatia di base, in particolare se il cuore non svolge correttamente la sua funzione di pompa, spesso si opta per l’impianto del defibrillatore-cardioversore impiantabile (ICD, piccolo dispositivo in grado di rilevare eventuali aritmie ed erogare uno shock volto a correggerle). Tale procedura è analoga all’impianto di un pacemaker artificiale.

Si può ricorrere ad alcune procedure per distruggere la piccola area anomala all’interno dei ventricoli, identificata mediante ECG, che generalmente è responsabile per la tachicardia ventricolare sostenuta. Esse comprendono l’ablazione con catetere (erogazione di energia a una frequenza specifica attraverso un catetere inserito nel cuore) o l’intervento a cuore aperto.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Rigurgito valvolare
Video
Rigurgito valvolare
Il cuore è un muscolo che, battendo, pompa il sangue in tutto l’organismo. All’interno del...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Insufficienza cardiaca sinistra: Edema polmonare
Modello 3D
Insufficienza cardiaca sinistra: Edema polmonare

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE