Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Alimentazione con sondino

(nutrizione enterale con sondino)

Di

David R. Thomas

, MD, St. Louis University School of Medicine

Ultima revisione/verifica completa mar 2018| Ultima modifica dei contenuti apr 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

L’alimentazione con sondino può essere utilizzata per alimentare soggetti il cui apparato digerente funziona normalmente, ma che non riescono a mangiare abbastanza da coprire il proprio fabbisogno nutrizionale. Tali soggetti possono presentare:

  • Scarso appetito per lungo tempo

  • Denutrizione proteico-energetica grave (una carenza grave di calorie e proteine)

  • Coma o stato di coscienza notevolmente ridotto

  • Insufficienza epatica

  • Una lesione della testa o del collo o altra malattia che impedisce l’alimentazione per bocca

  • Una patologia grave (come le ustioni) che aumenta il fabbisogno nutrizionale

Se i soggetti sono gravemente malati o denutriti, prima di un intervento chirurgico possono essere alimentati attraverso un sondino.

Rispetto all’alimentazione per via endovenosa, l’alimentazione con sondino ha i seguenti vantaggi:

  • Preserva meglio la struttura e la funzionalità dell’apparato digerente.

  • Ha un costo inferiore.

  • Probabilmente causa meno complicanze, in particolare le infezioni.

Procedura

La posizione in cui viene inserito un sondino dipende dalla durata dell’alimentazione:

  • Per meno di 4-6 settimane: si introduce una sottile sonda di plastica attraverso il naso e la gola fino ad arrivare allo stomaco (sondino nasogastrico) o all’intestino tenue (sondino nasoduodenale). Se il naso è danneggiato, il sondino può essere inserito per via orale.

  • Per oltre 4-6 settimane: Il sondino viene inserito direttamente nello stomaco o nell’intestino tenue effettuando una piccola incisione nell’addome.

Inserimento di un sondino attraverso il naso

Il sondino nasogastrico e quello nasoduodenale, di solito, possono essere inseriti senza anestesia. Il sondino viene lubrificato, inserito nel naso e spinto nella gola. Una sonda può causare conati di vomito quando arriva nella gola, quindi si chiede al soggetto di deglutire oppure viene somministrata acqua con una cannuccia per agevolare la deglutizione. La deglutizione consente di ridurre o prevenire i conati di vomito e agevola il passaggio del sondino nella gola. Una volta attraversata la gola ed entrato nell’esofago, il sondino avanzerà con facilità fino allo stomaco o all’intestino tenue. A volte, il medico esegue esami, come una radiografia dell’addome, per accertarsi che il sondino sia posizionato correttamente.

Inserimento di un sondino direttamente nello stomaco o nell’intestino

Quando il sondino viene inserito direttamente nello stomaco o nell’intestino tenue, in genere si utilizza una sonda per gastrostomia endoscopica percutanea (Percutaneous Endoscopic Gastrostomy, PEG).

Prima dell’inserimento di un sondino PEG, al paziente viene somministrato un sedativo e, talvolta, un antidolorifico, generalmente per via endovenosa. Inoltre, è possibile nebulizzare uno spray anestetico sulla parte posteriore della gola per sopprimere il riflesso della tosse e del vomito. Dopodiché, il medico inserisce un endoscopio dalla bocca fino allo stomaco o all’intestino tenue. Sulla punta dell’endoscopio è presente una telecamera che consente al medico di visualizzare l’interno dello stomaco e stabilire dove posizionare il sondino PEG. A questo punto, il medico esegue una piccola incisione nell’addome e inserisce il sondino PEG. Prima della procedura il paziente deve essere a digiuno e l’assunzione di cibo e bevande viene limitata dopo il completamento dell’esame fino al ritorno del riflesso del vomito.

Se non è possibile posizionare un sondino PEG, è possibile eseguire una procedura chirurgica per consentire al medico di inserire il sondino di alimentazione direttamente nello stomaco o nell’intestino tenue. La procedura può essere eseguita in uno dei seguenti modi:

  • Utilizzando una sonda flessibile dotata di telecamera (laparoscopio), che richiede solo una piccola incisione appena sotto l’ombelico

  • Effettuando un’incisione relativamente grande nell’addome perché il medico ha la necessità di visualizzare l’area attraverso l’incisione per il corretto posizionamento della sonda

Dopo aver inserito la sonda per alimentazione

I soggetti con sondino di alimentazione devono sedere in posizione eretta o con la testata del letto sollevata durante l’alimentazione e per 1-2 ore successive. Questa posizione riduce il rischio di inalazione del cibo e ne agevola la mobilizzazione lungo l’apparato digerente per gravità.

Di solito, una quantità relativamente grande di cibo (chiamata bolo) viene somministrata diverse volte al giorno. Tuttavia, in caso di nausea, vengono somministrate quantità di cibo più piccole in modo continuato.

Formulazioni

Sono disponibili diverse formulazioni per l’alimentazione con sondino. Generalmente, si utilizza una formulazione che fornisce una dieta completa e bilanciata. Alcune formulazioni consentono di trattare carenze specifiche e possono contenere un unico nutriente, come proteine, grassi o carboidrati.

Esistono anche formulazioni speciali per le persone con bisogni specifici. Tra questi:

  • Formulazioni concentrate con una minore quantità di liquidi per i soggetti il cui apporto di liquidi è limitato

  • Formulazioni arricchite con fibre per soggetti con stipsi

  • Formulazioni senza lattosio per soggetti che presentano intolleranza al lattosio

Complicanze

Le complicanze dell’alimentazione con sondino sono comuni e possono essere gravi.

Tabella
icon

Potenziali problemi dell’alimentazione con sondino

Problema

Possibili effetti

Commenti

Correlati al sondino

Presenza del sondino nel naso o nella bocca

Fastidio

Danni al naso, alla gola o all’esofago

Un sondino nel naso o nella bocca, in particolare se di grandi dimensioni, può irritare i tessuti, causando dolore e talvolta sanguinamento. In questi casi, generalmente il sondino viene rimosso e si prosegue l’alimentazione con un tipo diverso di sondino di alimentazione.

Si può verificare l’ostruzione dei seni paranasali che aumenta la probabilità di infezioni.

Posizionamento scorretto del sondino inserito attraverso il naso o la bocca

Danni all’area interessata

Tosse e conati di vomito

Raramente, può accadere che il sondino inserito nel naso o nella bocca scenda nelle vie aeree invece che nell’esofago e, di conseguenza, il cibo può entrare nei polmoni. Quando il sondino viene posizionato nelle vie aeree, i soggetti coscienti e vigili manifestano tosse e conati di vomito.

Sostituzione scorretta del sondino collocato direttamente nello stomaco o nell’intestino

Se si sposta dalla propria posizione, il sondino deve essere rimosso e posizionato di nuovo. Se il sondino era stato originariamente inserito direttamente nello stomaco o nell’intestino, il suo reinserimento è più difficile e il sondino potrebbe essere posto al di fuori dell’apparato digerente, quindi il cibo può entrare nello spazio intorno agli organi addominali (cavità addominale). Di conseguenza, la membrana che riveste tale spazio può infettarsi: tale infezione grave prende il nome di peritonite.

Ostruzione di un sondino

Alimentazione inadeguata

Formulazioni dense o pillole possono ostruire un sondino. A volte, è possibile risolvere l’ostruzione aggiungendo determinati enzimi o sostanze formulate per la scomposizione del cibo.

Espulsione accidentale di un sondino

Alimentazione inadeguata

Spesso il sondino viene espulso accidentalmente. Se il sondino è ancora necessario per la nutrizione, deve essere sostituito.

Correlati alla formulazione

Intolleranza alla formulazione

Diarrea, disturbi digestivi, nausea e vomito

La formulazione causa sintomi digestivi intollerabili in un numero di persone che può arrivare al 20% dei soggetti alimentati attraverso un sondino e nel 50% di quelli con una malattia grave. Tali sintomi sono più comuni quando l’alimentazione viene somministrata in grandi quantità (dette boli) diverse volte al giorno piuttosto che continuativamente in un periodo di tempo prolungato.

Diarrea

Frequenti feci morbide

Molte formulazioni utilizzate nell’alimentazione con sondino contengono sorbitolo che può provocare o peggiorare la diarrea. Quando si verifica la diarrea, molti nutrienti attraversano l’apparato digerente senza essere assorbiti.

Squilibrio dei nutrienti

Alterazioni dei livelli degli elettroliti

Livelli ematici di zucchero estremamente alti (iperglicemia)

Eccessiva quantità di liquidi nell’organismo (sovraccarico di volume)

Il medico misura regolarmente il peso (per escludere la presenza di una quantità eccessiva di acqua) e i livelli di elettroliti, zucchero e altre sostanze nel sangue, per poi adeguare la formulazione come opportuno.

Altri

Flusso retrogrado del contenuto gastrico nell’esofago (reflusso)

Eccesso di secrezioni nella bocca e nella gola

Inalazione (aspirazione) della formulazione nei polmoni, che causa tosse e soffocamento, e aumenta il rischio di infezioni

Se i soggetti presentano uno qualunque di questi problemi, possono inalare la formula nei polmoni anche se il sondino è posizionato correttamente e la testata del letto è sollevata.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica su vitamine e minerali
Video
Panoramica su vitamine e minerali
Per la sua salute il corpo umano ha bisogno di varie vitamine e minerali. Molte di queste...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE