Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Disturbi dello spettro autistico

Di

Stephen Brian Sulkes

, MD, Golisano Children’s Hospital at Strong, University of Rochester School of Medicine and Dentistry

Ultima modifica dei contenuti apr 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

I disturbi dello spettro autistico sono disturbi dello sviluppo neurologico caratterizzati da compromissione delle relazioni sociali e della comunicazione, da comportamenti inusuali e stereotipati e da un rallentamento dello sviluppo intellettivo spesso con disabilità intellettive. I sintomi iniziano nella prima infanzia. La causa nella maggior parte dei bambini non è nota, nonostante ci siano prove a supporto di una componente genetica; in alcuni casi l'autismo può essere secondario a condizione medica. La diagnosi si basa sull'anamnesi dello sviluppo e sulla valutazione clinica. Il trattamento è rappresentato dalla terapia comportamentale e a volte da quella farmacologica.

I disturbi dello spettro autistico rappresentano una gamma di differenze dello sviluppo neurologico che sono considerate disturbi dello sviluppo neurologico.

I disturbi dello sviluppo neurologico sono neurologicamente condizioni che appaiono nella prima infanzia, di solito prima di entrare a scuola, e influenzano lo sviluppo del funzionamento personale, sociale, scolastico e/o lavorativo. Essi comprendono generalmente difficoltà con l'acquisizione, il mantenimento, o l'applicazione di competenze o di insiemi di informazioni specifiche. I disturbi del neurosviluppo possono comportare alterazioni dell'attenzione, della memoria, della percezione, del linguaggio oppure delle relazioni sociali. Altri disturbi dello sviluppo neurologico frequenti comprendono disturbo da deficit di attenzione/iperattività Disturbo da deficit di attenzione/iperattività Il disturbo da deficit di attenzione/iperattività è una sindrome caratterizzata da difficoltà di attenzione, di controllo dell'impulsività e del livello di attività. Si distinguono 3 tipi di... maggiori informazioni , disturbi di apprendimento Panoramica sui disturbi dell'apprendimento I disturbi dell'apprendimento sono condizioni che presentano una discrepanza tra i livelli di rendimento scolastico e le potenzialità dedotte dalle abilità intellettive effettive del soggetto... maggiori informazioni (p. es., dislessia Dislessia La dislessia è un termine generico che descrive un disturbo primario della lettura. La diagnosi si basa su valutazioni intellettive, educative, della fluenza fonemica, del linguaggio, mediche... maggiori informazioni ) e disabilità intellettuale Disabilità intellettiva La disabilità intellettiva è caratterizzata da un funzionamento intellettivo significativamente al di sotto della media (spesso espresso come un quoziente di intelligenza 70-75) associato a... maggiori informazioni .

Le stime attuali di prevalenza dei disturbi dello spettro autistico sono nella gamma di 1/68 negli Stati Uniti, con le gamme simili in altri paesi. L'autismo è circa 4 volte più frequente nei maschi. Nell'ultimo decennio, vi è stato un rapido aumento nel numero di diagnosi dei disturbi dello spettro autistico, in parte legato ai cambiamenti nei criteri diagnostici.

Eziologia

L'esatta eziologia dei disturbi dello spettro autistico resta sconosciuta nella maggior parte dei casi. Tuttavia, alcuni casi sono stati associati all'infezione congenita del virus della rosolia Rosolia congenita La rosolia congenita è un'infezione virale acquisita dalla madre durante la gravidanza. I segni sono anomalie congenite multiple che possono determinare la morte fetale. La diagnosi avviene... maggiori informazioni , al citomegalovirus Infezione congenita e perinatale da cytomegalovirus L'infezione da cytomegalovirus può essere acquisita nel periodo prenatale e perinatale ed è la più diffusa infezione virale congenita. I segni alla nascita, se presenti, sono la restrizione... maggiori informazioni  Infezione congenita e perinatale da cytomegalovirus , alla fenilchetonuria Fenilchetonuria La fenilchetonuria è un disturbo del metabolismo degli aminoacidi che provoca una sindrome clinica caratterizzata da disabilità intellettive associate ad anomalie cognitive e comportamentali... maggiori informazioni , alla sclerosi tuberosa complessa Sclerosi tuberosa complessa La sclerosi tuberosa complessa è un disturbo genetico a trasmissione dominante nel quale i tumori (usualmente amartomi) colpiscono diversi organi. La diagnosi richiede l'imaging dell'organo... maggiori informazioni  Sclerosi tuberosa complessa , o alla sindrome dell'X fragile Sindrome dell'X fragile La sindrome dell'X fragile è un'anomalia genetica in un cromosoma X che determina disabilità intellettiva e disturbi del comportamento. La diagnosi si basa sull'analisi del DNA molecolare. Il... maggiori informazioni .

Ci sono evidenze forti che supportano una componente genetica. Per i genitori di un bambino con disturbi dello spettro autistico il rischio di avere un figlio successivo con disturbi dello spettro autistico è da 50 a 100 volte maggiore. Il tasso di concordanza dell'autismo è elevato nei gemelli monozigoti. Studi su famiglie con più casi di autismo hanno suggerito la possibilità di differenti potenziali geni bersaglio, compresi quelli che codificano per i recettori di neurotrasmettitori (serotonina e acido gamma-aminobutirrico [GABA]) e controllo strutturale del sistema nervoso centrale (geni HOX). Cause ambientali sono state sospettate, ma non dimostrate. Esistono forti evidenze che le vaccinazioni non causino autismo, e lo studio principale che ha suggerito questa associazione è stato ritirato perché il suo autore ha falsificato dei dati (vedi anche vaccino morbillo-parotite-rosolia e autismo Vaccino morbillo-parotite-rosolia Nonostante i rigorosi sistemi di sicurezza dei vaccini presenti in atto negli Stati Uniti, alcuni genitori rimangono scettici sulla sicurezza e sui programmi di vaccinazione nei bambini. Queste... maggiori informazioni ).

Le differenze strutturali e funzionali del cervello probabilmente sono alla base di gran parte dell'eziologia dei disturbi dello spettro autistico. Alcuni bambini con disturbi dello spettro autistico hanno ventricoli aumentati di volume, alcuni presentano ipoplasia del verme cerebellare, e altri hanno alterazioni dei nuclei del tronco encefalico. Sono state anche segnalate differenze nella struttura dell'ippocampo.

Sintomatologia

I disturbi dello spettro autistico possono manifestarsi durante il primo anno di vita, ma, a seconda della gravità dei sintomi, la diagnosi può non essere chiara fino in età scolare.

Due caratteristiche principali caratterizzano i disturbi dello spettro autistico:

  • Deficit persistenti nella comunicazione sociale e nell'interazione

  • Ripetitività e settorialità nel comportamento, degli interessi e/o delle attività

Entrambe queste caratteristiche devono essere presenti in giovane età (anche se potrebbero non essere riconosciute al momento) e devono essere abbastanza gravi da pregiudicare in modo significativo la capacità del bambino di funzionare a casa, a scuola, o in altre situazioni. Le manifestazioni devono essere molto più evidenti rispetto a quanto atteso per un bambino di pari sviluppo; devono compromettere il rendimento scolastico o sociale.

Esempi di deficit nella comunicazione sociale e l'interazione comprendono i seguenti

  • Deficit di reciprocità sociale e/o emotiva (p. es., mancato inizio o risposta alle interazioni sociali o alla conversazione, nessuna condivisione di emozioni)

  • Deficit nella comunicazione sociale non verbale (p. es., difficoltà ad interpretare il linguaggio del corpo degli altri, i gesti e le espressioni; espressioni facciali ridotte e gesti e/o contatto con gli occhi)

  • Deficit nello sviluppare e mantenere relazioni (p. es., fare amicizia, regolando il comportamento di diverse situazioni)

Le prime manifestazioni notate dai genitori possono essere un ritardo nello sviluppo del linguaggio, difficoltà ad indicare le cose da lontano, e mancanza di interesse per i genitori o i giochi tipici.

Esempi di ripetitività e settorialità nel comportamento, degli interessi e/o delle attività comprendono

  • Movimenti o eloquio ripetitivi o stereotipati (p. es., battito di mano ripetuto o picchiettando un dito, ripetendo le frasi idiosincratiche o ecolalia, allineando i giocattoli)

  • Aderenza inflessibile a routine e/o rituali (p. es., avendo difficoltà estrema, con piccole variazioni di pasti o di abbigliamento, dopo aver avuto rituali di auguri stereotipati)

  • Interessi anormalmente intensi, molto limitati su ossessioni (p. es., la preoccupazione dell'aspirapolvere, i pazienti più anziani che scrivono gli orari di volo)

  • Estrema sovra o sotto-reazione agli stimoli sensoriali (p. es., l'estrema avversione per odori specifici, sapori, o texture, apparente indifferenza al dolore o alla temperatura)

Alcuni bambini mostrano autolesionismo. Circa il 25% dei bambini va incontro a una documentata perdita delle capacità precedentemente acquisite.

Tutti i bambini con disturbi dello spettro autistico hanno come minimo alcune difficoltà relative all'interazione, al comportamento e alla comunicazione sociale; tuttavia, la gravità dei problemi varia ampiamente.

Una teoria attuale comunemente sostenuta afferma che un problema fondamentale nei disturbi dello spettro autistico è la "cecità mentale" cioè, l'impossibilità di immaginare cosa un'altra persona possa pensare. Si ritiene che tale difficoltà conduca ad interazioni sociali anomale determinando successivamente un alterato sviluppo del linguaggio. Uno dei primi sintomi, che è anche l'indicatore più sensibile per l'autismo a 1 anno di età è l'incapacità di indicare gli oggetti a distanza per comunicare. Si ipotizza che il bambino non riesca ad immaginare che un'altra persona possa capire la cosa che è indicata; così, il bambino indica solo fisicamente l'oggetto desiderato oppure utilizza la mano dell'adulto come strumento. Ricerche recenti suggeriscono anche che le differenze nell'elaborazione sensoriale sono alla base dell'interazione sociale e delle differenze di comunicazione presenti nei bambini con disturbi dello spettro autistico.

Diagnosi

  • Valutazione clinica

La diagnosi di disturbi dello spettro autistico viene fatta clinicamente basandosi sui criteri nel Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Fifth Edition (DSM-5), e generalmente richiede il riscontro della compromissione dell'interazione sociale e della comunicazione, la presenza di ≥ 2 comportamenti o interessi settoriali, ripetitivi, stereotipati (come descritto sopra alla voce Sintomatologia Sintomatologia I disturbi dello spettro autistico sono disturbi dello sviluppo neurologico caratterizzati da compromissione delle relazioni sociali e della comunicazione, da comportamenti inusuali e stereotipati... maggiori informazioni ). Anche se le manifestazioni di disturbi dello spettro autistico possono variare notevolmente nella portata e gravità, categorizzazioni precedenti, come la sindrome di Asperger, disturbo disintegrativo dell'infanzia, e disturbi pervasivi dello sviluppo sono raccolti nei disturbi dello spettro autistico e non sono più distinti.

I test di riferimento ufficialmente ritenuti validi come l'Autism Diagnostic Observation Schedule -2 (ADOS-2), basato sui criteri del DSM-5, sono solitamente indicati dagli psicologi o da pediatri specializzati nello sviluppo comportamentale. I bambini con disturbi dello spettro autistico possono essere difficili da testare; spesso presentano miglior punteggio nelle valutazioni attitudinali che in quelle verbali nei test sul QI potendo mostrare in certe aree un livello intellettivo appropriato per l'età, mentre in altre un notevole ritardo. Tuttavia, una diagnosi affidabile dei disturbi dello spettro autistico sta diventando sempre più possibile in giovane età. Un test per la valutazione del QI condotto da un esaminatore esperto spesso è molto utile per formulare la prognosi.

Riferimento per la diagnosi

  • Chandler S, Charman T, Baird G, et al: Validation of the social communication questionnaire in a population cohort of children with autism spectrum disorders. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry 46(10):1324-1332, 2007. doi: 10.1097/chi.0b013e31812f7d8d.

Trattamento

  • Terapia comportamentale

  • Logopedia

  • Talvolta fisioterapia e terapia occupazionale

  • Terapia farmacologica

Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico è solitamente multidisciplinare, e studi recenti mostrano che è possibile ottenere dei benefici oggettivi utilizzando approcci comportamentali intensi finalizzati ad aumentare l'interazione sociale e la comunicazione. Gli psicologi e gli educatori tipicamente si focalizzano sull'analisi del comportamento e successivamente applicano strategie di gestione comportamentale agli specifici problemi di comportamento della persona, a casa e a scuola. Vedi anche the American Academy of Pediatrics' Identification, Evaluation, and Management of Children with Autism Spectrum Disorder.

La logopedia deve iniziare presto e utilizzare una gamma di mezzi, inclusi lo scrivere, lo scambio di immagini e strumenti di comunicazione supplementare come quelli in grado di stimolare la comunicazione attraverso simboli o immagini selezionati da un tablet o da altri strumenti o dalla stessa comunicazione. Fisioterapisti e terapisti occupazionali pianificano e implementano le strategie per aiutare i bambini affetti da specifici deficit nella funzione motoria, nella programmazione motoria e nello sviluppo sensorio.

Il trattamento farmacologico può essere d'aiuto per alleviare i sintomi. Ci sono prove che i farmaci antipsicotici atipici (p. es., risperidone, aripiprazolo) possano contribuire ad alleviare i problemi comportamentali, come per esempio comportamenti ritualistici, autolesivi, ed aggressivi. Altri farmaci sono a volte utilizzati per controllare sintomi specifici, tra cui gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina per i comportamenti ritualistici, stabilizzatori dell'umore (p. es., valproato) per l'autolesionismo e gli sfoghi, stimolanti ed altri farmaci per il deficit di attenzione/iperattività vengono impiegati per ridurre disattenzione, impulsività e iperattività.

Interventi sulla dieta, tra cui alcuni integratori vitaminici e una dieta senza glutine e caseina, non sono abbastanza utili da essere raccomandati; tuttavia, molte famiglie scelgono di utilizzarli, per la necessità di monitorare le carenze e gli eccessi della dieta. Altri approcci complementari e sperimentali alla terapia (p. es., comunicazione facilitata, terapia chelante, esercizio di integrazione uditiva, ossigenoterapia iperbarica) non hanno mostrato efficacia.

Punti chiave

  • I bambini hanno una combinazione di compromissione delle relazioni sociali e della comunicazione, modelli ripetitivi e stereotipati del comportamento e un rallentamento dello sviluppo intellettivo spesso accompagnati da disabilità intellettiva.

  • La causa è generalmente sconosciuta, ma sembra che vi sia una componente genetica; i vaccini non sono causali.

  • I test di screening comprendono il questionario della comunicazione sociale e la Modified Checklist for Autism in Toddlers, Revised, with Follow-Up (M-CHAT-R/F).

  • I test diagnostici formali vengono di solito eseguiti dagli psicologi o dai pediatri specializzati in pediatria dello sviluppo e del comportamento.

  • Il trattamento è solitamente multidisciplinare usando approcci comportamentali intensi finalizzati ad aumentare l'interazione sociale e la comunicazione.

  • I farmaci (p. es., antipsicotici atipici) possono essere efficaci per i disturbi comportamentali gravi (p. es., l'autolesionismo e aggressività).

Per ulteriori informazioni

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Panoramica sulle malformazioni congenite cardiovascolari
Quale delle anomalie genetiche familiari di seguito è responsabile del massimo rischio di ricorrenza di cardiopatia congenita (CHD) in una famiglia?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE