Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Congiuntivite allergica

(Congiuntivite atopica; Cheratocongiuntivite atopica; Congiuntivite della febbre da fieno; Congiuntivite allergica perenne; Congiuntivite allergica stagionale; Cheratocongiuntivite primaverile)

Di

Melvin I. Roat

, MD, FACS, Sidney Kimmel Medical College at Thomas Jefferson University

Ultima modifica dei contenuti ott 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

La congiuntivite allergica è un'infiammazione congiuntivale acuta, intermittente o cronica in genere causata da allergeni presenti nell'aria. I sintomi comprendono prurito, lacrimazione, secrezione e iperemia congiuntivale. La diagnosi è clinica. Il trattamento si basa su antistaminici topici e stabilizzatori dei mastociti.

Eziologia

La congiuntivite allergica è dovuta a una reazione di ipersensibilità di tipo I ad antigeni specifici.

La congiuntivite allergica stagionale (congiuntivite della febbre da fieno) è causata da spore di muffa presenti nell'aria, da polline derivante da alberi, erbe o erbe spontanee. Tende a raggiungere l'acme durante la primavera, la tarda estate o all'inizio dell'autunno e a scomparire durante i mesi invernali, seguendo il ciclo vitale della pianta responsabile.

La congiuntivite allergica perenne (congiuntivite atopica, cheratocongiuntivite atopica) è provocata da acari della polvere, forfora di animali e da altri allergeni non stagionali. Questi allergeni, particolarmente quelli presenti in casa, tendono a causare sintomi tutto l'anno.

La cheratocongiuntivite primaverile è una tipologia più grave di congiuntivite, con ogni probabilità di origine allergica. È più diffusa tra i maschi dai 5 ai 20 anni che presentano anche eczema, asma o allergie stagionali. La cheratocongiuntivite primaverile in genere ricompare ogni primavera e scompare in autunno e in inverno. Molti bambini superano la condizione quando diventano giovani adulti.

Sintomatologia

Generale

Pazienti affetti da congiuntivite allergica riferiscono

  • Prurito oculare bilaterale da lieve a intenso

  • Iperemia congiuntivale

  • Fotosensibilità (fotofobia nei casi gravi)

  • Edema palpebrale

  • Secrezione acquosa o filamentosa

È frequente una contemporanea rinite. Molti pazienti soffrono di altre patologie atopiche, come eczema, rinite allergica e asma.

I segni caratteristicamente comprendono edema e iperemia congiuntivale e secrezione. La congiuntiva bulbare appare traslucida, bluastra e ispessita. Sono comuni la chemosi e una caratteristica dermatoblefarite con iperemia, edema e lichenificazione della prima parte superiore mediale e poi della palpebra inferiore. Il prurito cronico può portare a strofinamento cronico delle palpebre, iperpigmentazione perioculare e dermatoblefarite.

Congiuntivite allergica stagionale e perenne

In pazienti con congiuntivite allergica stagionale e perenne, le papille fini sulla congiuntiva tarsale superiore conferiscono a essa un aspetto vellutato. Nelle forme più gravi, possono comparire papille della congiuntiva tarsale più grandi, cicatrizzazione congiuntivale, neovascolarizzazione e cicatrizzazione corneale, con perdita variabile dell'acuità visiva.

Cheratocongiuntivite primaverile

Generalmente, è coinvolta la congiuntiva palpebrale superiore, ma è interessata talvolta la congiuntiva bulbare. Nella forma palpebrale, sono presenti papille squadrate, dure, appiattite, strettamente stipate, di colore da rosa chiaro a grigiastro, con aspetto ad acciottolato nella congiuntiva tarsale superiore. La congiuntiva bulbare non colpita è di colore bianco lattescente. Nella forma bulbare (limbare), la congiuntiva che circonda la cornea diventa ipertrofica e grigiastra. La secrezione può essere tenace e mucoide e contiene numerosi eosinofili.

Nel 3-11% dei pazienti, si sviluppa un'ulcera corneale, causando dolore e aumento della fotofobia. Si possono osservare altre alterazioni corneali (p. es., placche centrali) e depositi bianchi limbari di eosinofili (noduli di Horner-Trantas).

Diagnosi

La diagnosi di congiuntivite e la distinzione tra congiuntivite batterica, virale, e non infettiva ( Caratteristiche differenziali in una congiuntivite acuta) sono solitamente cliniche. Nella congiuntivite allergica, sono presenti eosinofili negli strisci congiuntivali, che si ottengono dalla congiuntiva tarsale inferiore o superiore; tuttavia, tale esame è indicato raramente.

Tabella
icon

Caratteristiche differenziali in una congiuntivite acuta

Eziologia

Secrezione/tipo cellulare

Edema palpebrale

Coinvolgimento linfonodale

Prurito

Purulenta/leucociti polimorfonucleati

Moderato

Generalmente assente

Assente

Cellule chiare/mononucleate

Minimo

Spesso presenti

Assente

Chiara, mucoide, filamentosa/eosinofili

Da moderato a grave

Assente

Da lieve a intenso

Trattamento

  • Misure sintomatiche

  • Antistaminici topici, FANS, stabilizzatori dei mastociti o una combinazione di essi

  • Corticosteroidi topici o ciclosporina per i casi recidivanti

  • Talvolta, antistaminici per uso orale

Evitare gli allergeni noti e l'uso di impacchi freddi e di sostituti lacrimali possono ridurre i sintomi della congiuntivite allergica; occasionalmente è utile la desensibilizzazione antigenica. Antistaminici topici da banco (p. es., ketotifen) sono utili per i casi lievi. Se questi farmaci sono insufficienti, antistaminici topici (p. es., olopatadina, bepotastina, azelastina), stabilizzatori dei mastociti (p. es., nedocromil, cromolina) o FANS (p. es., ketorolac) possono essere utilizzati separatamente o in combinazione. I corticosteroidi topici (p. es., loteprednolo, fluorometolone 0,1% o prednisolone acetato 0,12% a 1% in gocce 3 volte/die) possono essere utili nei casi resistenti o quando è importante un rapido sollievo dei sintomi. Poiché i corticosteroidi topici possono portare a una riacutizzazione dell'infezione oculare da virus herpes simplex latente, portando anche a ulcerazione corneale e perforazione, e se usati a lungo termine possono provocare glaucoma e cataratta, il loro impiego deve essere iniziato e monitorato da un oftalmologo. Le gocce topiche di ciclosporina possono essere utili. I corticosteroidi o le pomate a base di tacrolimus applicati sulla pelle sono molto efficaci nel trattamento della dermatite atopica palpebrale. Gli antistaminici orali (p. es., fexofenadina, cetirizina o idrossizina) possono essere utili, specialmente quando i pazienti manifestano altri sintomi allergici (p. es., rinorrea).

Nella congiuntivite allergica stagionale è meno probabile che sia necessario l'uso di farmaci multipli o cortisonici topici somministrati a cicli.

Punti chiave

  • La congiuntivite allergica è solitamente causata da allergeni presenti nell'aria e può essere stagionale o perenne.

  • I sintomi includono prurito, edema palpebrale, secrezione filamentosa o lacrimazione, e, talvolta, una storia di recidiva stagionale.

  • La diagnosi è generalmente clinica.

  • Il trattamento include lacrime artificiali e farmaci topici (generalmente antistaminici topici, vasocostrittori, FANS, stabilizzatori dei mastociti o una combinazione di essi).

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come eseguire la cantotomia laterale
Video
Come eseguire la cantotomia laterale
Glaucoma
Video
Glaucoma
All'interno dell'occhio ci sono due camere piene di liquido. Il fluido intraoculare, o liquido...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE