Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Dolore della mammella

(Mastalgia)

Di

Mary Ann Kosir

, MD, Wayne State University School of Medicine

Ultima revisione/verifica completa set 2020| Ultima modifica dei contenuti set 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Molte donne soffrono di dolore alla mammella, che può interessare uno o entrambi i seni.

Cause del dolore della mammella

Le cause probabili del dolore dipendono da dove è localizzato, ossia se si trova in un punto particolare oppure in tutta la mammella.

Se è circoscritto a una zona, può trattarsi di

Se il dolore interessa tutta la mammella, le possibili cause sono

Le variazioni nei livelli di ormoni femminili estrogeni e progesterone possono provocare dolore alle mammelle. Questi aumentano poco prima o durante la mestruazione e durante la gravidanza. Aumentando, provocano un ingrossamento delle ghiandole e dei dotti mammari che trattengono i liquidi nelle mammelle che, a loro volta, si gonfiano e talvolta causano dolore. Il dolore è solitamente diffuso e rende le mammelle dolenti al tatto. Il dolore legato al periodo mestruale può presentarsi e scomparire per mesi o anni. Anche l’assunzione di pillole anticoncezionali (contraccettivi orali) o la terapia ormonale dopo la menopausa possono aumentare i livelli di ormoni e provocare questo tipo di dolore.

Valutazione del dolore della mammella

Segnali d’allarme

tuttavia alcuni sintomi e caratteristiche possono essere fonte di preoccupazione:

  • dolore intenso, arrossamento e gonfiore

Quando rivolgersi a un medico

Le donne che presentano segnali d’allarme potrebbero avere un’infezione mammaria e dovrebbero consultare un medico entro uno o due giorni.

Che cosa fa il medico

Il medico chiede alla paziente di descrivere il dolore. Chiede se il dolore si presenta in precisi periodi del mese (collegati al ciclo mestruale) Si informe inoltre di altri sintomi, dei disturbi e dei farmaci (come le pillole anticoncezionali) che possono suggerire un’eventuale causa,

Esamina le mammelle e i tessuti vicini per eventuali anomalie, come alterazioni della cute, noduli e sensibilità. Se non sono presenti anomalie, il dolore è probabilmente dovuto a variazioni ormonali o a mammelle voluminose.

Se la donna segnala sintomi che indicano una gravidanza, come un ciclo mestruale saltato e nausea al mattino, si procede a un test di gravidanza. Altri esami possono basarsi sugli altri sintomi della donna.

Trattamento del dolore della mammella

Il dolore lieve alla fine si risolve spontaneamente, anche senza trattamento.

Per le forme gravi di dolore mestruale si può usare danazolo (un ormone di origine sintetica correlato al testosterone) o tamoxifene (un farmaco utilizzato nel trattamento del cancro della mammella). Questi farmaci inibiscono l’attività degli ormoni femminili estrogeni e progesterone, che possono rendere i seni gonfi e dolenti. Se assunti per periodi prolungati, questi farmaci hanno effetti collaterali, vanno quindi adottati per brevi periodi.

Quanto al dolore alle mammelle durante la gravidanza, può essere utile indossare un reggiseno che offra un buon sostegno e assumere paracetamolo, o entrambe le soluzioni.

È possibile alleviare i sintomi anche sospendendo l’uso di pillole anticoncezionali o le terapie ormonali.

È stato dimostrato che l’olio di enotera, un integratore alimentare, può contribuire ad alleviare il dolore durante le mestruazioni o la gravidanza in alcune donne.

Eventuali disturbi specifici identificati come causa devono essere trattati. Ad esempio, in caso di cisti, il drenaggio del liquido al suo interno allevia generalmente il dolore.

Punti principali sul dolore della mammella

  • La causa del dolore mammario dipende dal fatto che sia localizzato (in genere causato da cisti) oppure che interessi l’intera mammella (causato da variazioni ormonali, alterazioni fibrocistiche o mammelle grandi).

  • Il dolore è il primo sintomo di cancro della mammella solo in poche donne.

  • Se il dolore è molto intenso o se dura da oltre un mese) è opportuno rivolgersi a un medico

  • che deciderà se eseguire o meno degli esami in base agli altri sintomi della paziente.

  • Il trattamento dipende dalla causa, tuttavia talvolta farmaci come il paracetamolo o i FANS possono aiutare ad alleviare il dolore.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE