Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Panoramica sui disturbi della cistifellea e delle vie biliari

Di

Ali A. Siddiqui

, MD, Thomas Jefferson University

Ultima revisione/verifica completa nov 2018| Ultima modifica dei contenuti nov 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Il fegato produce la bile, un liquido di colore giallo-verdastro, denso e appiccicoso, che facilita la digestione rendendo il colesterolo, i lipidi e le vitamine liposolubili più facilmente assorbibili dall’intestino. Aiuta inoltre ad eliminare dall’organismo alcuni prodotti di scarto (principalmente la bilirubina e il colesterolo in eccesso) e i metaboliti secondari dei farmaci.

Le vie biliari sono costituite da piccoli canali (dotti) che trasportano la bile dal fegato alla cistifellea e, in seguito, all’intestino tenue. La cistifellea è un organo piriforme di piccole dimensioni, localizzato sotto il fegato, in cui viene immagazzinata la bile. Quando la bile è necessaria, ad esempio durante un pasto, la cistifellea si contrae, spingendo la bile attraverso i dotti biliari fino all’intestino tenue.

Visione d’insieme del fegato, dei dotti biliari e della cistifellea

Visione d’insieme del fegato, dei dotti biliari e della cistifellea

Il flusso biliare può essere interrotto da:

Se i dotti biliari sono ostruiti, la cistifellea può infiammarsi (colecistite).

Inoltre, può insorgere dolore biliare senza calcoli biliari (dolore biliare acalcoloso).

Per ulteriori informazioni

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sull’epatite autoimmune
Video
Panoramica sull’epatite autoimmune
Modelli 3D
Vedi Tutto
All’interno del fegato
Modello 3D
All’interno del fegato

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE