Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Tumori della pelvi renale e degli ureteri

Di

Thenappan Chandrasekar

, MD, Thomas Jefferson University

Revisionato dal punto di vista medico feb 2022
CONSULTA LA VERSIONE PER I PROFESSIONISTI

Il tumore può svilupparsi nelle cellule che rivestono dell’area centrale di raccolta dell’urina del rene (pelvi renale, generalmente un tipo chiamato carcinoma uroteliale della pelvi renale) e nei sottili dotti che portano l’urina dal rene alla vescica (ureteri).

  • I tumori possono indurre la presenza di sangue nelle urine o dolore crampiforme al fianco.

  • La diagnosi avviene di solito mediante tomografia computerizzata.

  • Il trattamento consiste nell’asportazione del rene e dell’uretere interessati.

I tumori della pelvi renale e dell’uretere sono molto meno comuni rispetto ai tumori che colpiscono il resto del rene o la vescica. Interessano probabilmente meno di 6.000 persone all’anno negli Stati Uniti.

Sintomi dei tumori della pelvi renale e degli ureteri

La comparsa di sangue nelle urine costituisce generalmente il primo sintomo. Più tardi, i sintomi possono includere dolore e bruciore durante la minzione, con urgente e frequente bisogno di urinare. In caso di ostruzione del flusso urinario, ad esempio a opera di un coagulo di sangue che ostruisce l’uretere, può insorgere dolore crampiforme al fianco (lo spazio tra le costole e l’anca) o a livello della parte inferiore dell’addome.

Diagnosi di tumori della pelvi renale e degli ureteri

  • Tomografia computerizzata o ecografia

  • Ureteroscopia

Il cancro viene di norma rilevato mediante tomografia computerizzata Tomografia computerizzata Esistono diversi esami che possono essere utilizzati per la valutazione di una sospetta patologia dei reni o delle vie urinarie. (Vedere anche Panoramica sulle vie urinarie.) La radiografia... maggiori informazioni (TC) o ecografia Ecografia Esistono diversi esami che possono essere utilizzati per la valutazione di una sospetta patologia dei reni o delle vie urinarie. (Vedere anche Panoramica sulle vie urinarie.) La radiografia... maggiori informazioni . La TC e spesso l’ecografia sono d’aiuto ai medici nel distinguere altri problemi benigni di rene e uretere, come calcoli o coaguli di sangue. L’esame microscopico di un campione di urine può mettere in evidenza la presenza di cellule tumorali. Una sonda flessibile dotata di videocamera alla sua estremità (ureteroscopio) viene fatta passare attraverso la vescica per visualizzare i tumori, prelevare campioni di tessuto per confermare la diagnosi e occasionalmente anche per trattare tumori di piccole dimensioni. Di solito, questa procedura viene eseguita in anestesia generale. Per stabilire l’estensione del tumore e se ha raggiunto sedi lontane, vengono effettuati esami TC dell’addome e della pelvi e radiografie o TC del torace.

Prognosi dei tumori della pelvi renale e degli ureteri

Quando il tumore non è diffuso e può essere asportato completamente vi sono probabilità di curare il tumore. Se il cancro, tuttavia, è penetrato nella parete della pelvi renale o dell’uretere o in sedi distanti, le probabilità di guarigione sono praticamente inesistenti.

Trattamento dei tumori della pelvi renale e degli ureteri

  • Intervento chirurgico

Se il tumore non si è diffuso oltre l’area della pelvi renale e dell’uretere, il trattamento consueto consiste nell’asportazione totale del rene e dell’uretere (nefroureterectomia) insieme a una piccola parte della vescica. Dopo l’intervento chirurgico, vengono spesso instillati nella vescica farmaci chemioterapici per aiutare a prevenire eventuali recidive nella vescica. Tuttavia, in alcune situazioni, ad esempio, quando i reni non hanno una buona funzionalità o un soggetto ha solo un rene, questo di solito non viene asportato, dato che il soggetto diverrebbe dipendente dalla dialisi.

Per i tumori di grado elevato o di stadio avanzato, a volte viene somministrata la chemioterapia prima dell’intervento chirurgico.

Alcuni tumori della pelvi renale e dell’uretere (ad esempio, alcuni tumori di basso grado e a basso rischio) possono essere trattati con il laser per distruggere le cellule tumorali o con un intervento utilizzato per rimuovere solo il tumore lasciando in sede il rene, la porzione sana dell’uretere e la vescica. Tuttavia, questi tumori presentano un rischio maggiore di recidiva e diffusione. Occasionalmente si instilla mitomicina C o il bacillo di Calmette-Guérin (BCG, un farmaco che stimola il sistema immunitario del soggetto) nell’uretere oppure si somministra un farmaco chemioterapico. Non è stata assodata l’efficacia dei trattamenti laser e dell’infusione di farmaci.

Dopo l’intervento viene eseguita periodicamente una cistoscopia (inserimento di una sonda flessibile a fibre ottiche, per esaminare l’interno della vescica), dato che soggetti che in passato hanno avuto questo tipo di tumore sono a rischio di sviluppare un tumore della vescica.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI CONSULTA LA VERSIONE PER I PROFESSIONISTI
CONSULTA LA VERSIONE PER I PROFESSIONISTI
PARTE SUPERIORE