Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Tumori della pelvi renale e degli ureteri

Di

J. Ryan Mark

, MD, Sidney Kimmel Cancer Center at Thomas Jefferson University

Ultima revisione/verifica completa ago 2019| Ultima modifica dei contenuti ago 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento
  • I tumori possono indurre la presenza di sangue nelle urine o dolore crampiforme al fianco.

  • La diagnosi avviene di solito mediante tomografia computerizzata.

  • Il trattamento consiste nell’asportazione del rene e dell’uretere interessati.

Il tumore può svilupparsi nelle cellule di rivestimento dell’area centrale del rene (pelvi renale, generalmente un tipo di tumore chiamato carcinoma a cellule transizionali) e nei sottili dotti che portano l’urina dal rene alla vescica (ureteri). I tumori della pelvi renale e dell’uretere sono molto meno comuni rispetto ai tumori che colpiscono il resto del rene o la vescica. Interessano probabilmente meno di 6.000 persone all’anno negli Stati Uniti.

Sintomi dei tumori della pelvi renale e degli ureteri

La comparsa di sangue nelle urine costituisce generalmente il primo sintomo. Più tardi, i sintomi possono includere dolore e bruciore durante la minzione, con urgente e frequente bisogno di urinare. In caso di ostruzione del flusso urinario, ad esempio a opera di un coagulo di sangue che ostruisce l’uretere, può insorgere dolore crampiforme al fianco (lo spazio tra le costole e l’anca) o a livello della parte inferiore dell’addome.

Diagnosi di tumori della pelvi renale e degli ureteri

  • Tomografia computerizzata o ecografia

Il cancro viene di norma rilevato mediante tomografia computerizzata Tomografia computerizzata Esistono diversi esami che possono essere utilizzati per la valutazione di una sospetta patologia dei reni o delle vie urinarie. (Vedere anche Panoramica sulle vie urinarie.) La radiografia... maggiori informazioni (TC) o ecografia Ecografia Esistono diversi esami che possono essere utilizzati per la valutazione di una sospetta patologia dei reni o delle vie urinarie. (Vedere anche Panoramica sulle vie urinarie.) La radiografia... maggiori informazioni . La TC e spesso l’ecografia sono d’aiuto ai medici nel distinguere altri problemi benigni di rene e uretere, come calcoli o coaguli di sangue. L’esame microscopico di un campione di urine può mettere in evidenza la presenza di cellule tumorali. Una sonda flessibile a fibre ottiche (ureteroscopio) viene fatta passare attraverso la vescica per visualizzare i tumori, prelevare campioni di tessuto per confermare la diagnosi e occasionalmente anche per trattare tumori di piccole dimensioni. Per stabilire l’estensione del tumore e se ha raggiunto sedi lontane, vengono effettuati esami TC dell’addome e della pelvi e radiografie del torace.

Prognosi dei tumori della pelvi renale e degli ureteri

Quando il tumore non è diffuso e può essere asportato completamente vi sono probabilità di curare il tumore. Se il cancro, tuttavia, è penetrato nella parete della pelvi renale o dell’uretere o in sedi distanti, le probabilità di guarigione sono praticamente inesistenti.

Trattamento dei tumori della pelvi renale e degli ureteri

  • Intervento chirurgico

Se il tumore non si è diffuso oltre l’area della pelvi renale e dell’uretere, il trattamento consueto consiste nell’asportazione totale del rene e dell’uretere (nefroureterectomia) insieme a una piccola parte della vescica. Tuttavia, in alcune situazioni, ad esempio, quando i reni non hanno una buona funzionalità o un soggetto ha solo un rene, questo di solito non viene asportato, dato che il soggetto diverrebbe dipendente dalla dialisi.

Per i tumori di grado elevato o di stadio avanzato, a volte viene somministrata la chemioterapia prima dell’intervento chirurgico.

Alcuni tumori della pelvi renale e dell’uretere possono essere trattati con un laser per distruggere le cellule tumorali o con un intervento utilizzato per rimuovere solo il tumore lasciando in sede il rene, la porzione sana dell’uretere e la vescica. Occasionalmente si instilla mitomicina C o il bacillo di Calmette-Guérin (BCG, un farmaco che stimola il sistema immunitario del soggetto) nell’uretere oppure si somministra un farmaco chemioterapico. Non è stata assodata l’efficacia dei trattamenti laser e dell’infusione di farmaci.

Dopo l’intervento viene eseguita periodicamente una cistoscopia (inserimento di una sonda flessibile a fibre ottiche, per esaminare l’interno della vescica), dato che soggetti che in passato hanno avuto questo tipo di tumore sono a rischio di sviluppare un tumore della vescica.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Nefrite tubulointerstiziale
I reni contengono tubuli, che sono strutture dei reni coinvolte nel filtraggio dei fluidi. La nefrite tubulointerstiziale è un’infiammazione che interessa i tubuli e i tessuti che li circondano, chiamati “tessuto interstiziale”. L’insorgenza della nefrite tubulointerstiziale può essere acuta (improvvisa) o cronica (graduale) e spesso causa insufficienza renale. Quale delle seguenti è la causa più comune di nefrite tubulointerstiziale acuta?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE