Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Ostruzione delle arterie centrali e delle branche arteriose della retina

(Occlusione arteriosa centrale, Occlusione della branca arteriosa)

Di

Sonia Mehta

, MD, Vitreoretinal Diseases and Surgery Service, Wills Eye Hospital, Sidney Kimmel Medical College at Thomas Jefferson University

Ultima revisione/verifica completa giu 2020| Ultima modifica dei contenuti giu 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

Un’arteria nella retina (la membrana trasparente, sensibile alla luce sulla parte posteriore dell’occhio) può ostruirsi, causando una perdita della vista improvvisa ma indolore.

  • Il medico in genere formula la diagnosi osservando l’occhio con un oftalmoscopio e talvolta eseguendo degli esami.

  • I trattamenti di solito non ripristinano la visione.

L’arteria centrale della retina è il vaso principale che irrora il sangue alla retina. Questa arteria può bloccarsi completamente a causa di embolia o trombosi (formazione di un coagulo di sangue nell’arteria). L’ostruzione può interessare l’arteria centrale o le sue branche.

Talvolta, la causa dell’ostruzione non è nota.

Sintomi

L’occhio interessato presenta una grave perdita della vista nell’intero campo visivo, improvvisa ma indolore. Talvolta, è interessata solo una parte del campo visivo.

L’ostruzione dell’arteria retinica centrale può anche causare la formazione di vasi sanguigni anomali sulla retina o sull’iride. Talvolta, questi vasi sanguinano o causano un tipo doloroso di glaucoma (detto glaucoma neovascolare). Nel glaucoma neovascolare, le alterazioni dei vasi sanguigni formatesi nell'iride chiudono lo spazio tra l'iride e la cornea, bloccando il drenaggio del liquido dall'occhio e causando l'accumulo di pressione al suo interno (glaucoma Glaucoma I glaucomi sono un gruppo di disturbi oculari caratterizzati dal danno progressivo del nervo ottico (spesso, ma non sempre, associato a un’elevata pressione oculare), che porta alla perdita... maggiori informazioni ).

Diagnosi

  • Valutazione medica dell’occhio

  • Fluorangiografia

  • Tomografia a coerenza ottica

  • Talvolta ecocardiogramma, eco-Doppler e/o esami del sangue

Con un oftalmoscopio, il medico può vedere le alterazioni dei vasi sanguigni e la retina. Se l’arteria retinica centrale è ostruita, la retina può sembrare pallida.

Prognosi

Se l’ostruzione interessa una branca dell’arteria retinica centrale, il paziente può preservare una visione buona/sufficiente.

Se l’ostruzione interessa l’arteria retinica centrale, spesso la perdita della vista è profonda, anche con trattamento.

Una volta che il tessuto retinico si danneggia in modo permanente, cosa che può succedere anche dopo soli 90 minuti dall’ostruzione, di solito la perdita della vista è permanente.

Se l’occlusione dell’arteria retinica è stata causata da un’arterite a cellule giganti Arterite a cellule giganti L’arterite a cellule giganti è un’infiammazione cronica delle grandi e medie arterie di testa, collo e tronco. Le parti comunemente colpite sono le arterie temporali, che scorrono lungo le tempie... maggiori informazioni , una diagnosi e un trattamento tempestivi possono consentire di recuperare parte della vista persa e proteggere l’altro occhio da eventuali danni.

I soggetti con occlusione dell'arteria retinica possono presentare occlusioni che colpiscono altre arterie che irrorano il cervello. Queste ostruzioni aumentano il rischio di ictus Panoramica sull’ictus Un ictus si manifesta quando un’arteria che irrora il cervello si ostruisce o si rompe, causando la morte di un’area di tessuto cerebrale dovuta alla mancanza di afflusso ematico (infarto cerebrale)... maggiori informazioni , in particolare nelle settimane successive a un’occlusione dell'arteria retinica centrale.

Trattamento

  • Prevenzione attraverso il controllo dei fattori di rischio

  • A volte, misure per abbassare la pressione oculare, tra cui colliri, massaggio oculare o rimozione del liquido dall’occhio con un ago

  • A volte, trattamento laser dei vasi sanguigni anomali o emorragici

  • Per l’arterite a cellule giganti, corticosteroidi

Poiché i trattamenti tendono a non essere efficaci, è auspicabile prevenire tali ostruzioni controllando i fattori di rischio (per esempio, ipertensione arteriosa, diabete e altri fattori di rischio per l’aterosclerosi).

Il trattamento immediato spesso è somministrato nel tentativo di sbloccare l’arteria retinica. Tuttavia, raramente i trattamenti sono efficaci. La pressione intraoculare talvolta può essere abbassata somministrando farmaci che riducono la pressione arteriosa (come timololo in collirio o acetazolamide per via orale) o massaggiando con le dita in modo intermittente le palpebre chiuse.

Altrimenti, una procedura nota come paracentesi della camera anteriore può contribuire a ridurre la pressione all’interno dell’occhio. In questa procedura, vengono versate delle gocce nell’occhio per anestetizzarlo e poi viene inserito un ago nella camera anteriore per estrarre una piccola quantità di liquido; in questo modo si riduce la pressione all’interno dell’occhio.

La riduzione della pressione tramite massaggio o tramite la paracentesi della camera anteriore può mobilizzare un trombo o un embolo e permettergli di entrare in un ramo minore del vaso, riducendo in questo modo l’area del danno retinico.

Ai soggetti con sospetta arterite a cellule giganti si somministrano al più presto corticosteroidi ad alto dosaggio per bocca o in vena.

Il trattamento laser può essere usato per distruggere i vasi anomali trattando o prevenendo il glaucoma neovascolare, prevenendo un’ulteriore perdita della vista dovuta a emorragia all’interno dell’occhio o entrambi. Tuttavia, il trattamento del glaucoma neovascolare è difficile.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Mosche volanti nell’occhio
Quale dei seguenti è la causa più comune di corpi mobili (mosche volanti) nell’occhio?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE