Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Neuropatie autonomiche

Di

Phillip Low

, MD, College of Medicine, Mayo Clinic

Ultima revisione/verifica completa apr 2020| Ultima modifica dei contenuti apr 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

Le neuropatie autonomiche sono disturbi che colpiscono i nervi periferici che regolano automaticamente (senza sforzo cosciente) i processi corporei (nervi autonomi).

  • Le cause includono diabete, amiloidosi, disturbi autoimmuni, cancro, consumo eccessivo di alcol e alcuni farmaci.

  • Le persone possono avere un senso di capogiro quando si alzano in piedi, problemi urinari, stipsi e vomito, e gli uomini possono avere disfunzioni erettili.

  • Il medico effettua un esame obiettivo e vari esami per controllare il malfunzionamento del sistema nervoso autonomo e le cause possibili.

  • Se possibile, la causa viene corretta o trattata.

Il sistema nervoso è costituito da parti centrali e periferiche. Il sistema nervoso centrale comprende l’encefalo e il midollo spinale. Il sistema nervoso periferico include i nervi che collegano i tessuti del corpo all’encefalo e al midollo spinale. I nervi periferici includono i seguenti:

  • i nervi autonomi che regolano automaticamente (inconsciamente) i processi corporei.

  • i nervi somatici, che si connettono con i muscoli a controllo volontario (cosciente) oppure con i recettori sensoriali nella pelle.

Le neuropatie autonomiche sono un tipo di neuropatia periferica, un disturbo nel quale i nervi periferici sono danneggiati in tutto il corpo. Nelle neuropatie autonomiche c’è molto più danno ai nervi autonomi che ai nervi somatici.

Cause

Le cause comuni di neuropatie autonomiche comprendono:

  • Amiloidosi (accumulo di una proteina anomala nei tessuti)

  • Malattie autoimmuni (quando il sistema immunitario considera erroneamente i tessuti del corpo come estranei e li attacca)

Le infezioni virali possono scatenare una reazione autoimmune che provoca la distruzione dei nervi autonomi.

Alcuni degli anticorpi prodotti dal sistema immunitario attaccano la superficie di una fibra nervosa o i tessuti che la avvolgono e le consentono di condurre gli impulsi in modo rapido e preciso (Questi tessuti sono detti guaina mielinica).

In rari casi, gli anticorpi prodotti dal sistema immunitario attaccano i recettori dell’acetilcolina (la parte delle cellule nervose che consente loro di rispondere all’acetilcolina). L’acetilcolina è uno dei messaggeri chimici (neurotrasmettitori) usati per comunicare all’interno del sistema nervoso autonomo.

Altre cause di neuropatie autonomiche includono cancro, farmaci, consumo eccessivo di alcol e tossine.

Sintomi

Un sintomo comune di neuropatia autonoma è

Di conseguenza, la persona ha capogiri o si sente svenire.

Gli uomini possono avere difficoltà a iniziare e a mantenere un’erezione (disfunzione erettile). Alcune persone urinano involontariamente (incontinenza urinaria), spesso perché la vescica è iperattiva. Altre hanno difficoltà a svuotare la vescica (ritenzione urinaria) perché questa è ipoattiva. Dopo mangiato, altre si sentono prematuramente sazie o addirittura vomitano perché lo stomaco si svuota molto lentamente (gastroparesi). Può verificarsi stipsi grave.

Quando sono danneggiati anche i nervi somatici, le persone possono perdere sensibilità o avere una sensazione di formicolio (come punture di spilli) alle mani e ai piedi, oppure i muscoli possono indebolirsi.

Diagnosi

  • Visita medica

  • A volte esami del sangue

Il medico può sospettare un disturbo del sistema autonomo in base alla sintomatologia. Vengono effettuati un esame obiettivo e alcuni esami per cercare segni di disturbi del sistema nervoso autonomo e le cause possibili (come diabete o amiloidosi).

In certi casi vengono fatti degli esami del sangue per verificare la presenza degli anticorpi verso i recettori dell’acetilcolina, che indicano una reazione autoimmune. A volte le persone con neuropatia autonoma dovuta a una reazione autoimmune hanno questi anticorpi.

Trattamento

  • Trattamento della causa, se identificata

  • A volte immunosoppressori

  • Per i sintomi gravi, a volte immunoglobulina o plasmaferesi

Se identificato, viene trattata la causa del disturbo autonomico. Le neuropatie dovute a una reazione autoimmune sono in certi casi trattate con farmaci che sopprimono il sistema immunitario (immunosoppressori) e diminuiscono la reazione, come l’azatioprina, il ciclofosfamide o il prednisone.

Se i sintomi sono gravi, può essere somministrata l’immunoglobulina (una soluzione che contiene anticorpi diversi ottenuti dal sangue di soggetti con un sistema immunitario normale) per via endovenosa, oppure può essere effettuata una plasmaferesi. Nella plasmaferesi, il sangue viene prelevato, filtrato per rimuovere gli anticorpi anormali, poi ritrasfuso nella persona.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Panoramica sul dolore
Quale delle seguenti affermazioni riguardo al dolore e alle persone anziane è corretta?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE