Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Linfoma di Burkitt

(Burkitt's Lymphoma)

Di

Peter Martin

, MD, Weill Cornell Medicine;


John P. Leonard

, MD, Weill Cornell Medicine

Ultima revisione/verifica completa lug 2020| Ultima modifica dei contenuti lug 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Il linfoma di Burkitt è un tipo di linfoma non-Hodgkin molto aggressivo che origina dalle cellule B (linfociti B).

I linfomi (vedere anche Panoramica sul linfoma) sono tumori che interessano un tipo specifico di globuli bianchi, noti come linfociti. Queste cellule combattono le infezioni. I linfomi possono svilupparsi sia a partire dai linfociti B sia T. I linfociti T svolgono un ruolo fondamentale nel regolare il sistema immunitario e nel combattere le infezioni virali. I linfociti B producono anticorpi, essenziali per combattere alcune infezioni.

Può insorgere a qualsiasi età, ma è più comune nei bambini e nei giovani adulti, in particolare nei soggetti maschi. Diversamente da altri linfomi, il linfoma di Burkitt ha una distribuzione geografica specifica: è particolarmente diffuso nell’Africa centrale e più raro negli Stati Uniti. L’infezione da virus di Epstein-Barr è associata al linfoma di Burkitt. È anche più comune nei soggetti con infezione da HIV.

Il linfoma di Burkitt evolve e si diffonde rapidamente, spesso fino a interessare il midollo osseo, il sangue e il sistema nervoso centrale. Si manifestano allora debolezza e affaticamento. Una grande quantità di cellule linfomatose può accumularsi nei linfonodi e negli organi addominali, causando gonfiore. Le cellule linfomatose possono invadere l’intestino tenue, causando occlusione o sanguinamento. Collo e mandibola possono gonfiarsi, talvolta in modo dolente. Per formulare la diagnosi, si effettua una biopsia del tessuto anomalo e si prescrivono altre indagini per la stadiazione della malattia.

Se non trattato, il linfoma di Burkitt risulta rapidamente letale. Raramente si può ricorrere a intervento chirurgico per rimuovere parti di intestino ostruite, sanguinanti o rotte. La chemioterapia intensiva, che include somministrazione di farmaci chemioterapici nel liquido che circonda il cervello e nel midollo spinale per prevenire la diffusione a queste aree, può risultare curativa in oltre l’80% dei casi.

Ulteriori informazioni

Di seguito si riporta una risorsa in lingua inglese che può essere utile. Si prega di notare che IL MANUALE non è responsabile del contenuto di questa risorsa.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Esame del midollo osseo
Talvolta deve essere esaminato un campione di midollo osseo. Per ottenere un campione di midollo osseo, il medico inserisce un ago nell’osso e preleva una piccola quantità di midollo. Il campione viene quindi esaminato con il microscopio e analizzato. Quale delle seguenti opzioni risulta difficile da attuare usando un campione di midollo osseo?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE