Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Cannabinoidi sintetici

Di

Gerald F. O’Malley

, DO, Grand Strand Regional Medical Center;


Rika O’Malley

, MD, Albert Einstein Medical Center

Ultima revisione/verifica completa giu 2020| Ultima modifica dei contenuti giu 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

Cannabis è un sinonimo di marijuana. Il tetraidrocannabinolo (THC) è il principale principio attivo della marijuana. I cannabinoidi sintetici sono sostanze prodotte artificialmente simili al THC. Generalmente vengono spruzzate sul materiale vegetale secco e fumate oppure inalate sotto forma di liquido vaporizzato nelle sigarette elettroniche. Esistono varie famiglie chimiche di cannabinoidi sintetici, e vengono segnalati regolarmente nuovi composti.

Sintomi

I diversi cannabinoidi hanno effetti diversi, e numerosi degli effetti a breve e lungo termine restano sconosciuti. Tuttavia, esistono tre categorie principali di effetti:

  • Psichiatrici: confusione, agitazione, allucinazioni e psicosi (perdita del contatto con la realtà) potenzialmente irreversibili

  • Cardiovascolari: ipertensione, battito cardiaco rapido (tachicardia) e attacco cardiaco

  • Neurologici: vista offuscata, sudorazione profusa e convulsioni

Ulteriori effetti sono vomito, temperatura corporea elevata (ipertermia), decomposizione muscolare e insufficienza renale.

Diagnosi

  • Valutazione medica

In genere il medico pone la diagnosi in base ai farmaci assunti, riferiti dal paziente o da amici. Lo screening tossicologico sulle urine di routine non rileva i cannabinoidi sintetici, anche se esistono esami specifici per rilevare i cannabinoidi sintetici nel sangue, nelle urine o nei capelli.

I soggetti che mostrano segni di intossicazione acuta grave spesso devono essere sottoposti a esami per verificare la presenza di complicanze. In genere i medici eseguono delle analisi del sangue per verificare la conta ematica, gli elettroliti e la funzionalità renale, e fanno un elettrocardiogramma (ECG) per controllare il ritmo cardiaco. Inoltre potrebbero eseguire un’analisi delle urine per verificare la presenza di mioglobina, che indica decomposizione muscolare.

Trattamento

  • Sedativi per via endovenosa (EV)

  • Fluidi EV

Solitamente le terapie tipiche, che includono sedativi (benzodiazepine) e fluidi EV, oltre a cure di supporto, sono adeguate. I soggetti che presentano temperatura corporea pericolosamente elevata (ipertermia), frequenza cardiaca persistentemente elevata o agitazione e creatinina sierica elevata (che indica possibili problemi renali) vanno ricoverati e tenuti sotto osservazione per rilevare un’eventuale decomposizione muscolare e danni cardiaci e renali.

Per ulteriori informazioni

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE