Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Infezioni da Haemophilus

(Infezioni da Haemophilus)

Di

Larry M. Bush

, MD, FACP, Charles E. Schmidt College of Medicine, Florida Atlantic University;


Maria T. Vazquez-Pertejo

, MD, Wellington Regional Medical Center

Ultima modifica dei contenuti feb 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

I batteri Gram-negativi Haemophilus spp causano numerose infezioni lievi e gravi tra cui batteriemie, meningiti, polmoniti, sinusiti, otiti medie, celluliti ed epiglottiti. La diagnosi si basa sulla coltura e sulla sierotipizzazione. Il trattamento si basa sulla terapia antibiotica.

Molti Haemophilus spp costituiscono la normale flora delle alte vie respiratorie e raramente causano malattia. I ceppi patogeni entrano nell'apparato respiratorio attraverso l'inalazione di goccioline o per contatto diretto. Nella popolazione non immune la diffusione è rapida. I bambini, in particolare maschi, neri e nativi americani, sono a più alto rischio di infezioni gravi. Condizioni di vita di sovraffollamento e permanenza in centri di assistenza diurna predispongono all'infezione, così come gli stati di immunodeficienza, l'asplenia e la drepanocitosi.

Vi sono numerose specie patogene di Haemophilus; il più comune è H. influenzae, che ha 6 distinti sierotipi (da A a F) e numerosi ceppi non capsulati e non tipizzabili. Prima dell'utilizzo del vaccino coniugato per H. influenzae di tipo b (Hib), gran parte dei casi di malattia grave, invasiva erano causati dal tipo b.

Malattie causate da Haemophilus spp

L'H. influenzae causa molte infezioni pediatriche tra cui meningite, batteriemia, artrite settica, polmonite, tracheobronchite, otite media, congiuntivite, sinusite ed epiglottite acuta. Queste infezioni, come pure l'endocardite e le infezioni delle vie urinarie, possono presentarsi anche negli adulti, seppur più raramente. Queste patologie sono trattate altrove nel MANUALE.

Ceppi non tipizzabili di H. influenzae causano principalmente infezioni mucose (p. es., otite media, sinusite, congiuntivite, bronchite). Occasionalmente, i ceppi non capsulati causano infezioni invasive nei bambini, ma possono causare fino alla metà delle infezioni gravi da H. influenzae negli adulti.

L'H. influenzae biogruppo aegyptius (precedentemente noto come H. aegyptius) può causare congiuntivite mucopurulenta e febbre purpurica brasiliana batteriemica. L'H. ducreyi causa il cancroide. H. parainfluenzae ed H. aphrophilus costituiscono cause rare di batteriemia, endocardite e ascesso cerebrale.

Diagnosi

  • Esami colturali

  • Talvolta sierotipizzazione

La diagnosi di infezione da Haemophilus si basa sull'esame colturale del sangue e dei liquidi corporei. I ceppi coinvolti nelle patologie invasive devono essere sierotipizzati.

Trattamento

  • Vari antibiotici a seconda della sede e della gravità dell'infezione

La terapia dell'infezione da Haemophilus dipende dalla natura e dalla sede dell'infezione, ma, per la malattia invasiva, vengono impiegati inibitori beta-lattamici/beta-lattamasi, fluorochinolonici e cefalosporine di 2a e 3a generazione. Il vaccino Hib coniugato ha ridotto marcatamente il tasso di batteriemia.

I bambini con gravi patologie vengono ricoverati in isolamento di contatto e respiratorio per 24 h dopo l'inizio della terapia antibiotica.

La scelta dell'antibiotico dipende strettamente dalla sede dell'infezione e richiede l'esecuzione di un antibiogramma; molti ceppi isolati negli Stati Uniti producono beta-lattamasi (p. es., > 50% è resistente ad ampicillina).

Per le patologie invasive, tra cui la meningite, vengono raccomandati cefotaxime e ceftriaxone. Nelle infezioni meno gravi, sono generalmente efficaci cefalosporine orali (tranne le cefalosporine di prima generazione come la cefalexina), azitromicina o altri macrolidi e amoxicillina/clavulanato. (Vedi le voci delle singole malattie per le raccomandazioni specifiche.)

Cefotaxime e ceftriaxone sono in grado di eliminare la trasmissione di H. influenzae, attraverso la via respiratoria mentre non sono altrettanto affidabili altri antibiotici usati per l'infezione sistemica. Così, ai bambini con infezioni sistemiche, che non sono stati trattati con cefotaxime o ceftriaxone, deve essere somministrata la rifampicina immediatamente dopo aver completato il trattamento e prima che essi riprendano i contatti con gli altri bambini.

Prevenzione

I vaccini Hib coniugati sono disponibili per i bambini 2 mesi di età e hanno ridotto le infezioni invasive (p. es., meningiti, epiglottiti, batteriemia) del 99%. Un primo ciclo è prescritto all'età di 2, 4, e 6 mesi o all'età di 2 e 4 mesi a seconda del vaccino prodotto. Il richiamo è indicato all'età di 12-15 mesi.

I contatti familiari possono essere portatori asintomatici di H. influenzae. I contatti familiari non immunizzati o che non hanno completato il ciclo vaccinale < 4 anni sono a rischio di malattia e devono ricevere una dose di vaccino. Inoltre, tutti i familiari (eccetto le donne in gravidanza) devono sottoporsi alla profilassi con rifampicina orale 600 mg (20 mg/kg per i bambini ≥ 1 mese; 10 mg/kg per i bambini < 1 mese) per via orale 1 volta/die per 4 giorni.

Gli infermieri o i contatti dei centri di assistenza diurna devono sottoporsi a profilassi se si sono verificati 2 casi di malattia invasiva in 60 giorni. Se si è verificato un unico caso il beneficio della profilassi non è stato ancora stabilito.

Punti chiave

  • Diverse specie di Haemophilus sono patogene; la più comune è H. influenzae.

  • H. influenzae provoca molti tipi di infezione mucosa e, meno comunemente, un'infezione invasiva soprattutto nei bambini.

  • Le scelte dell'antibiotico dipendono dalla sede di infezione e richiedono prove di sensibilità.

  • I vaccini coniugati contro l'H. influenzae di tipo b (Hib), somministrati come una parte della vaccinazione infantile di routine per i bambini 2 mesi, hanno ridotto le infezioni invasive del 99%.

  • Stretti contatti possono essere portatori asintomatici di H. influenzae e in questi casi è indicata la profilassi con rifampicina.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sul COVID-19
Video
Panoramica sul COVID-19
Modelli 3D
Vedi Tutto
SARS-CoV-2
Modello 3D
SARS-CoV-2

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE