Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Bronchite acuta

Di

Sanjay Sethi

, MD, University at Buffalo SUNY

Ultima modifica dei contenuti mar 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

La bronchite acuta è l'infiammazione dell'albero tracheobronchiale, di solito secondaria a un'infezione delle alte vie respiratorie, che si verifica in pazienti senza disturbi polmonari cronici. La causa è quasi sempre un'infezione virale. Raramente viene identificato l'agente patogeno. Il sintomo più comune è la tosse con o senza febbre e la possibile produzione di escreato. La diagnosi si basa sui reperti clinici. La terapia è di supporto; gli antibiotici sono spesso non necessari. La prognosi è ottima.

La bronchite acuta accompagna frequentemente le infezioni delle alte vie respiratorie da rhinovirus, virus parainfluenzale, virus influenzale A o B, virus respiratorio sinciziale, coronavirus, o il metapneumovirus umano. I batteri, come il Mycoplasma pneumoniae, il Bordetella pertussis e il Chlamydia pneumoniae, causano meno del 5% dei casi; questi a volte si verificano nelle epidemie.

L'infiammazione acuta dell'albero tracheobronchiale nei pazienti con disturbi bronchiali cronici (p. es., la broncopneumopatia cronica ostruttiva, bronchiectasie, fibrosi cistica) è considerata una riacutizzazione della patologia di base piuttosto che bronchite acuta. In questi pazienti l'eziologia, il trattamento e l'esito differiscono da quelli affetti da bronchite acuta.

Consigli ed errori da evitare

  • La tosse acuta in pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva, bronchiectasie o fibrosi cistica in genere deve essere considerata una riacutizzazione della patologia di base piuttosto che una semplice bronchite acuta.

Sintomatologia

I sintomi sono: tosse non produttiva o moderatamente produttiva associata o preceduta da sintomi di infezioni delle alte vie respiratorie, solitamente > 5 giorni. La dispnea soggettiva è conseguenza del dolore toracico o del senso di costrizione associato alla respirazione, non dell'ipossia.

I segni sono spesso assenti, ma possono comprendere ronchi e sibili sparsi. L'escreato può essere chiaro, purulento o contenere occasionalmente sangue. Le caratteristiche dell'espettorato non corrispondono a una particolare eziologia (ossia, virale o batterica). Può essere presente febbricola, ma la febbre elevata o prolungata è insolita e deve far sospettare l'influenza o la polmonite.

Alla risoluzione, la tosse è l'ultimo sintomo a regredire e spesso può persistere dalle 2 alle 3 settimane o persino più a lungo.

Diagnosi

  • Valutazione clinica

  • A volte la RX torace per escludere altre patologie

La diagnosi si basa sulle manifestazioni cliniche. In genere non sono necessari esami. Tuttavia, i pazienti che lamentano dispnea devono essere valutati con pulsossimetria per escludere l'ipossiemia. La RX torace deve essere eseguita se i dati obiettivi suggeriscono una malattia grave o una polmonite (p. es., condizioni cliniche generali scadute, variazioni dello stato mentale, febbre alta, tachipnea, ipossiemia, crepitii, segni di consolidamento o versamento pleurico). I pazienti anziani sono un'eccezione, in quanto potrebbero avere una polmonite senza febbre e segni auscultatori, manifestando invece un alterato stato mentale e tachipnea.

La valutazione dell'escreato con la colorazione di Gram di solito non è necessaria. Campioni del rinofaringe possono essere testati per l'influenza e la pertosse se queste eziologie sono clinicamente sospettate (p. es., per la pertosse, tosse persistente e parossistica dopo 10-14 giorni di malattia, solo a volte accompagnata dalla caratteristica sonorità e/o con conati di vomito, impone una conferma diagnostica). Il test del pannello virale di solito non è raccomandato perché i risultati non influenzano il trattamento.

Nel 75% dei pazienti la tosse si risolve nel giro di 2 settimane. I pazienti con tosse persistente devono essere sottoposti a una RX torace. La decisione di valutare per cause non infettive, tra cui gocciolamento retronasale e malattia da reflusso gastroesofageo, di solito può essere presa sulla base della presentazione clinica. La diagnosi differenziale con la variante tussigena dell'asma può richiedere test di funzionalità respiratoria.

Trattamento

  • Sollievo dei sintomi (p. es., acetaminofene [paracetamolo], idratazione, eventualmente antitussivi)

  • beta-agonisti per via inalatoria in caso di respiro sibilante

Nei pazienti altrimenti sani, la bronchite acuta rappresenta la principale causa di un uso eccessivo di antibiotici. La quasi totalità dei pazienti necessita solo di trattamento sintomatico, come acetaminofene (paracetamolo) e idratazione. Le evidenze a sostegno dell'efficacia dell'utilizzo di altri trattamenti sintomatici, come antitussivi, mucolitici e broncodilatatori di routine sono deboli. I sedativi della tosse devono essere considerati solo se la tosse interferisce con il sonno. I pazienti con respiro sibilante possono trarre beneficio dall'inalazione di beta2-agonisti (p. es., albuterolo) per qualche giorno. Un utilizzo più ampio di b2-agonisti non è raccomandato perché sono comuni gli effetti avversi come tremori, nervosismo e agitazione.

Sebbene benefici sintomatici modesti si verifichino con l'uso di antibiotici nella bronchite acuta, la natura autolimitante della bronchite acuta e il rischio di effetti avversi e la resistenza agli antibiotici depongono contro l'uso diffuso di antibiotici. Gli antibiotici orali non sono in genere utilizzati se non in pazienti affetti da pertosse o durante epidemie a nota eziologia batterica. Un macrolide come l'azitromicina 500 mg per via orale 1 volta, poi 250 mg per via orale 1 volta/die per 4 giorni o claritromicina 500 mg per via orale 2 volte/die per 7 giorni è raccomandato.

Consigli ed errori da evitare

  • Trattare la maggior parte dei casi di bronchite acuta nei pazienti sani senza utilizzare antibiotici.

Punti chiave

  • La bronchite acuta è virale in > 95% dei casi, spesso parte di un'infezione delle alte vie respiratorie.

  • La diagnosi di bronchite acuta è clinica; eseguire la RX torace e/o altri test solo nei pazienti che hanno manifestazioni più gravi della malattia.

  • Trattare la maggior parte dei pazienti solo per alleviare i sintomi.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Toracentesi con guida ecografica
Video
Toracentesi con guida ecografica
Modelli 3D
Vedi Tutto
Pneumotorace
Modello 3D
Pneumotorace

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE