Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Acne

(Acne Vulgaris)

Di

Jonette E. Keri

, MD, PhD, University of Miami, Miller School of Medicine

Ultima revisione/verifica completa dic 2018| Ultima modifica dei contenuti dic 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

L’acne è un disturbo comune della pelle, caratterizzato dalla presenza di brufoli e altre anomalie sul viso e sulla parte superiore del tronco.

  • L’acne è causata dall’accumulo di cellule epidermiche morte, di batteri e di sebo secco che blocca i follicoli piliferi cutanei.

  • Sulla pelle, solitamente sul viso, sul torace, sulle spalle o sulla schiena, si formano protuberanze quali punti neri, punti bianchi, brufoli, cisti e talvolta ascessi.

  • Per diagnosticare l’acne, i medici esaminano la pelle.

  • I trattamenti comuni includono antibiotici e preparati applicati sulla cute per l’acne lieve, gli antibiotici assunti per bocca per l’acne moderata e l’isotretinoina assunta per bocca per l’acne grave.

L’acne è la malattia cutanea più comune negli Stati Uniti e, nel corso della vita, interessa l’80% della popolazione.

Cause

L’acne è provocata da un’interazione tra ormoni, sostanze cutanee oleose e batteri, che determina un’infiammazione dei follicoli piliferi (i pori della pelle in cui crescono i peli). L’acne è caratterizzata da molti tipi di anomalie (lesioni) cutanee. Variano per dimensioni e gravità e alcune vanno più in profondità di altre nella pelle:

  • Punti neri (comedoni aperti)

  • Punti bianchi (comedoni chiusi)

  • Foruncoli (comedoni chiusi infiammati)

  • Protuberanze solide, rialzate (papule)

  • Protuberanze superficiali contenenti pus (pustole)

  • Protuberanze solide più profonde, contenenti pus (noduli)

  • Sacche più grosse contenenti pus (cisti)

  • A volte, sacche ancora più grosse e più profonde, contenenti pus (ascessi)

Sia le cisti sia gli ascessi sono sacche piene di pus, ma gli ascessi sono relativamente più grandi e profondi.

Le ghiandole sebacee, che secernono una sostanza oleosa (sebo), si trovano nel derma, lo strato medio della cute. Queste ghiandole sono attaccate ai follicoli piliferi. Il sebo, insieme alle cellule cutanee morte, risale dalla ghiandola sebacea e dal follicolo pilifero verso la superficie cutanea attraverso i pori.

L’acne si produce quando una raccolta di sebo secco, cellule cutanee morte e batteri, ostruisce i follicoli piliferi, impedendo al sebo di fuoriuscire attraverso i pori.

Se l’ostruzione non è completa, si sviluppa un punto nero (comedone aperto).

Se l’ostruzione è completa, si sviluppa un punto bianco (comedone chiuso).

Un foruncolo è un punto bianco infiammato. Il follicolo pilifero ostruito, pieno di sebo, facilita la moltiplicazione del batterio propionibacterium acnes, che è normalmente presente nei follicoli piliferi. Questo batterio degrada il sebo e lo trasforma in sostanze che irritano la pelle. L’infiammazione che ne risulta provoca le protuberanze comunemente conosciute come brufoli dell’acne. Un’infiammazione più profonda causa cisti e a volte un ascesso.

Il fattore scatenante più comune dell’acne è

L’acne si sviluppa soprattutto durante la pubertà, quando le ghiandole sebacee sono stimolate dall’aumento dei livelli ormonali, soprattutto degli androgeni, (come il testosterone), determinando un’eccessiva produzione di sebo. Verso i 20-25 anni di età, i livelli ormonali solitamente diminuiscono, con la conseguente riduzione o scomparsa dell’acne. Tuttavia, fino al 40% delle donne può presentare acne fino a un’età superiore ai 40 anni.

Allo stesso modo, altre patologie che comportano variazioni ormonali possono determinare la comparsa dell’acne:

  • Gravidanza o mestruazione

  • Sindrome dell’ovaio policistico

  • Determinati farmaci

  • Alcuni prodotti applicati sulla pelle

  • Indumenti troppo stretti

  • Elevata umidità e sudorazione

Nelle donne giovani l’acne può comparire durante il periodo mestruale e migliorare o peggiorare notevolmente durante la gravidanza. La sindrome dell’ovaio policistico (polycystic ovary syndrome, PCOS) è un disturbo ormonale che può alterare il ciclo mestruale e scatenare o peggiorare l’acne. L’utilizzo di alcuni farmaci, in particolare i corticosteroidi e glisteroidi anabolizzanti, può peggiorare l’acne o causarne le riacutizzazioni. Alcuni cosmetici, detergenti e lozioni possono peggiorare l’acne ostruendo i pori. L’abbigliamento troppo attillato, l’umidità abbondante e la sudorazione possono scatenare l’acne.

Poiché la gravità dell’acne varia naturalmente nella maggior parte delle persone, a volte in peggio, a volte in meglio, risulta difficile individuare i fattori in grado di scatenarla. L’acne spesso peggiora d’inverno e migliora d’estate, forse a causa degli effetti antinfiammatori della luce solare. Comunque, non esiste alcuna relazione tra l’acne e l’inadeguato lavaggio del viso, la masturbazione, l’attività sessuale o la maggior parte dei tipi di alimenti (ad esempio, cioccolato o cibi grassi o speziati). Non è chiaro se i prodotti a base di latte e lediete ad alto indice glicemico contribuiscano allo sviluppo dell’acne.

Sapevate che…

  • Non esiste alcuna relazione tra l’acne e l’inadeguato lavaggio del viso, la masturbazione, l’attività sessuale o la maggior parte dei tipi di alimenti.

Sintomi

L’acne compare per lo più sul viso, ma è frequente anche sul collo, sulle spalle, sul dorso e sulla parte superiore del torace. L’uso degli steroidi anabolizzanti di solito causa la comparsa di acne sulle spalle e sulla parte superiore della schiena.

Esistono tre livelli di gravità dell’acne:

  • Acne lieve

  • Acne moderata

  • Acne grave

Tuttavia, persino un’acne lieve può creare disagio, soprattutto negli adolescenti, che vedono in ogni brufolo un grave problema estetico.

Confronto tra l’acne lieve e quella grave

Confronto tra l’acne lieve e quella grave

Le persone affette da acne lieve sviluppano solo pochi (meno di 20) punti neri o punti bianchi non infiammati, oppure una quantità moderata di brufoli piccoli e lievemente irritati. Possono anche svilupparsi pustole, che somigliano a foruncoli con la punta gialla. I punti neri hanno l’aspetto di piccole protuberanze color carne con un centro scuro. I punti bianchi hanno un aspetto simile, ma sono privi del centro scuro. I brufoli sono leggermente fastidiosi e presentano un centro bianco circondato da una piccola area di cute arrossata.

Le persone con acne moderata presentano più punti neri, punti bianchi, brufoli e pustole.

Quelle affette da acne grave presentano o grandi quantità di punti neri e punti bianchi, foruncoli e pustole o acne cistica (profonda). Chi è affetto da acne cistica presenta 5 o più cisti, che sono noduli grandi, arrossati, dolenti e pieni di pus che possono fondersi sotto la pelle in ascessi essudativi di maggiori dimensioni.

L’acne lieve di solito non lascia cicatrici. Tuttavia, spremere i brufoli o tentare di aprirli in altri modi, aumenta l’infiammazione e la profondità della lesione cutanea, facilitando la formazione di cicatrici. Le cisti e gli ascessi dell’acne grave spesso si aprono e, dopo la guarigione, di solito lasciano cicatrici. Le cicatrici possono essere fori piccoli e profondi (a pozzetto), cavità più ampie di profondità variabile o concavità grandi e irregolari. Le cicatrici dell’acne durano tutta la vita e, in alcuni casi, rappresentano un problema estetico e sono una fonte di stress emotivo. Le cicatrici possono essere scure.

Esempi di acne

L’acne conglobata è la forma più grave di acne e causa gravi cicatrici e altre complicanze dovute agli ascessi. L’acne grave può svilupparsi su braccia, addome, natiche e perfino sul cuoio capelluto.

L’acne fulminante e il pioderma facciale (definito anche rosacea fulminante) sono due tipi di acne grave rari e forse correlati che solitamente insorgono all’improvviso.

Diagnosi

  • Esame cutaneo

I medici formulano la diagnosi esaminando la pelle. Ricercano certi sintomi, quali punti neri o punti bianchi, per stabilire se la persona sia affetta da acne e non da un altro disturbo cutaneo, come la rosacea.

Dopo aver confermato la diagnosi, classificano la gravità dell’acne come lieve, moderata o grave, in base al numero e al tipo di lesioni.

Prognosi

L’acne di qualsiasi tipo solitamente diminuisce spontaneamente tra i 20 e i 25 anni, ma in alcune persone, di solito donne, il disturbo permane fino a un’età superiore ai 40 anni. Alcuni adulti sviluppano singole lesioni acneiche leggere e occasionali.

L’acne lieve di solito guarisce senza lasciare cicatrici. L’acne da moderata a grave guarisce lasciando spesso cicatrici.

L’acne causa molto stress emotivo negli adolescenti e può condurre all’isolamento sociale. A volte, può essere necessaria una consulenza psicologica.

Trattamento

  • Per i punti bianchi e i punti neri, crema a base di tretinoina

  • Per l’acne lieve, trattamento cutaneo con crema a base di tretinoina, talvolta con perossido di benzoile o un antibiotico, o entrambi

  • Per l’acne moderata, antibiotici per via orale in combinazione con il trattamento cutaneo previsto per l’acne lieve

  • Per l’acne grave, isotretinoina per via orale

  • Per l’acne cistica, corticosteroidi per iniezione

Il trattamento generale dell’acne è molto semplice. Le aree interessate devono essere lavate delicatamente una o due volte al giorno con un sapone delicato. I saponi antibatterici o abrasivi, i tamponi con alcol e le frizioni energiche frequenti non offrono nessun beneficio e possono irritare ulteriormente la pelle.

I cosmetici devono essere a base di acqua; i prodotti molto oleosi possono peggiorare l’acne.

Sebbene non siano necessarie restrizioni di cibi specifici (per esempio, pizza o cioccolato), è necessario seguire una dieta sana e bilanciata (vedere Fabbisogno nutrizionale). Se il trattamento per l’acne non è efficace negli adolescenti, potrebbe essere opportuno prendere in considerazione una dieta a basso indice glicemico e un consumo moderato di latte.

Sapevate che...

  • Lavare e strofinare vigorosamente la pelle può causare una sua irritazione e un peggioramento dell’acne.

In casi specifici, per l’acne sono utili alcuni trattamenti. Ad esempio, a una donna con acne è possibile prescrivere contraccettivi orali. Tale trattamento porta risultati dopo oltre 6 mesi. Anche lo spironolattone (un farmaco che blocca l’azione dell’ormone aldosterone) può aiutare alcune donne. Varie terapie che usano la luce hanno aiutato persone con infiammazione (come brufoli o pustole).

Il trattamento dell’acne dipende dalla gravità delle manifestazioni. L’acne lieve richiede un trattamento più semplice, che comporta minori rischi di effetti collaterali. L’acne più grave, o che non risponde al trattamento iniziale, richiede un trattamento complementare. Il piano di trattamento dovrebbe sempre includere l’educazione, il supporto e l’opzione più pratica per la persona affetta dal disturbo. Potrebbe essere necessario l’intervento di uno specialista.

Acne lieve

I farmaci utilizzati per trattare l’acne lieve vengono applicati sulla pelle (farmaci per uso topico). Essi agiscono uccidendo i batteri (antibiotici) oppure asciugando o disostruendo i pori (comedolitici). Le creme da banco in commercio da lungo tempo, che contengono acido salicilico, resorcinolo o zolfo, agiscono essiccando i brufoli e causando un leggero peeling.

Il farmaco topico più comune per i punti neri e bianchi è la tretinoina. La tretinoina è molto efficace, ma irrita la pelle, rendendola più sensibile alla luce solare. Per tale motivo, i medici utilizzano questo farmaco con cautela, iniziando con applicazioni poco frequenti e concentrazioni basse e incrementando gradualmente entrambe. Alle persone non in grado di tollerare la tretinoina vengono prescritti adapalene, acido azelaico e acido glicolico o salicilico per uso topico.

In caso di presenza di infiammazione (con brufoli o pustole), viene prescritta la tretinoina in combinazione con perossido di benzoile o un antibiotico topico o entrambi. I due antibiotici topici solitamente più prescritti sono la clindamicina e l’eritromicina. Gli antibiotici topici non devono essere utilizzati, se non in combinazione con un retinoide o perossido di benzoile. Il perossido di benzoile è disponibile con o senza ricetta. Al posto o in aggiunta alla tretinoina, può essere usato l’acido glicolico.

I punti neri e bianchi possono essere rimossi (procedura definita estrazione) da un medico, utilizzando strumenti come gli estrattori di comedoni e aghi sterili.

Gli antibiotici per via orale (come la doxiciclina, la minociclina, la tetraciclina e l’eritromicina) possono essere prescritti alle persone che soffrono di acne estesa che non può essere gestita con i soli farmaci per uso topico.

Acne moderata

L’acne moderata viene solitamente trattata con antibiotici assunti per bocca (per via orale). Gli antibiotici tipici includono la doxiciclina, la minociclina, la tetraciclina, l’azitromicina, l’eritromicina e talvolta il trimetoprim-sulfametossazolo. Spesso viene usato lo stesso trattamento topico utilizzato per l’acne lieve e un antibiotico orale. Per ottenere i massimi vantaggi, potrebbe essere necessario assumere antibiotici per circa 12 settimane.

Se possibile, l’assunzione degli antibiotici orali viene interrotta e per il controllo della patologia vengono usati i soli trattamenti topici. Poiché in seguito a un trattamento a breve termine l’acne può recidivare, la terapia deve essere continuata per mesi o anni.

Le donne che assumono antibiotici per un lungo lasso di tempo a volte sviluppano infezioni vaginali da lieviti, che potrebbero necessitare di trattamento.

Alle donne che non traggono giovamento dagli antibiotici per via orale è possibile prescrivere contraccettivi orali, spironolattone, o entrambi.

Acne grave

Per l’acne più grave, o nel caso in cui gli antibiotici non siano efficaci, il trattamento di prima scelta è rappresentato dall’isotretinoina per via orale. L’isotretinoina, molecola simile alla tretinoina per uso topico, è il solo farmaco che possa potenzialmente guarire l’acne. Tuttavia, può determinare effetti collaterali molto gravi. L’isotretinoina può nuocere allo sviluppo fetale e, durante la sua assunzione, le donne devono adottare almeno due misure contraccettive prima, durante e dopo il trattamento, per evitare la gravidanza. Si possono verificare anche effetti collaterali meno gravi.

Di solito la terapia prosegue per 16-20 settimane ma a volte richiede anche più tempo.

I medici prescrivono antibiotici alle persone con acne conglobata. Se gli antibiotici non sono d’aiuto, viene prescritta l’isotretinoina per via orale.

Tabella
icon

Farmaci utilizzati nel trattamento dell’acne

Farmaco

Alcuni effetti collaterali

Commenti

Uccide i batteri (applicato sulla pelle)

Clindamicina

Diarrea (raramente)

Deve essere evitata in persone affette da malattia infiammatoria intestinale

Eritromicina

Ben tollerata

Frequente sviluppo di resistenza batterica

Perossido di benzoile

Pelle secca

Possibile sbiancamento di indumenti e capelli

Reazioni allergiche (raramente)

Particolarmente efficace in combinazione con eritromicina o clindamicina

Perossido di benzoile combinato con eritromicina: talvolta è necessario conservarlo in frigorifero

Disostruisce i pori (applicato sulla pelle)

Tretinoina

Pelle irritata

Sensibilizzazione della pelle alla luce solare

Quando viene avviata la terapia con tretinoina, si manifesta un apparente peggioramento dell’acne; a volte, sono necessarie 3-4 settimane prima di riscontrare miglioramenti

Richiede l’utilizzo di abbigliamento protettivo e di schermo solare in caso di esposizione al sole

Deve essere evitata durante la gravidanza

Tazarotene

Pelle irritata

Sensibilizzazione della pelle alla luce solare

Quando viene avviata la terapia con tazarotene, si manifesta un apparente peggioramento dell’acne; a volte, sono necessarie 3-4 settimane prima di riscontrare miglioramenti

Richiede l’utilizzo di abbigliamento protettivo e di schermo solare in caso di esposizione al sole

Deve essere evitata durante la gravidanza

Adapalene

Un certo arrossamento, sensazione di bruciore

Aumento della sensibilità alla luce solare

Efficace quanto la tretinoina, ma meno irritante

Richiede l’utilizzo di abbigliamento protettivo e di schermo solare in caso di esposizione al sole

Acido azelaico

Può schiarire la pelle

Minimamente irritante

Può essere usato da solo o con tretinoina

A causa degli effetti di schiarimento cutaneo, deve essere usato con cautela nelle persone con la pelle scura, ma può aiutare a schiarire le aree rimaste scure dopo la guarigione

Acido glicolico

Sensazione di punture di spilli

Lieve irritazione

Prodotto da banco sotto forma di crema, lozione o soluzione, da usare in aggiunta ai prodotti da prescrizione

Acido salicilico

Sensazione di punture di spilli

Lieve irritazione

Prodotto da banco sotto forma di lavanda, peeling, maschera o lozione, da usare in aggiunta ai prodotti da prescrizione

Uccide i batteri (assunto per via orale)

Tetraciclina

Sensibilizzazione della pelle alla luce solare

Poco costosa e sicura, deve essere assunta a stomaco vuoto

Richiede l’utilizzo di abbigliamento protettivo e di schermo solare in caso di esposizione al sole

Doxiciclina

Sensibilizzazione della pelle alla luce solare

Richiede l’utilizzo di abbigliamento protettivo e di schermo solare in caso di esposizione al sole

Minociclina

Cefalea

Vertigini

Depigmentazione della pelle

L’antibiotico più efficace, secondo alcuni esperti, ma è costoso

Eritromicina

Mal di stomaco

Frequente lo sviluppo di resistenza batterica all’eritromicina

azitromicina

Mal di stomaco

Meno effetti collaterali rispetto all’eritromicina

Frequente lo sviluppo di resistenza batterica all’azitromicina

Trimetoprim-sulfametossazolo

Mal di stomaco

Eruzione cutanea

Sviluppo di resistenza batterica al trimetoprim-sulfametossazolo

Disostruisce i pori (assunto per via orale)

Isotretinoina

Possibili danni allo sviluppo del feto

Possibili effetti sulle cellule del sangue, sul fegato e sui livelli ematici dei grassi (trigliceridi e colesterolo).

Secchezza degli occhi, labbra screpolate e secchezza delle membrane mucose

Dolore o rigidità delle grandi articolazioni e lombalgia con dosaggi elevati

Associata a depressione, pensieri suicidi, tentato suicidio e (raramente) suicidio portato a termine, ma non è noto se l’isotretinoina sia effettivamente la causa

Non è chiaro se sia associata all’insorgenza o al peggioramento della malattia infiammatoria intestinale (morbo di Crohn e colite ulcerosa)

Prima di iniziare ad assumere l’isotretinoina e a intervalli mensili durante l’assunzione del farmaco, le donne sessualmente attive devono sottoporsi a un test di gravidanza e devono ricorrere a due forme di contraccezione o all’astinenza sessuale a partire da 1 mese prima dell’inizio dell’assunzione del farmaco; inoltre, devono continuare a seguire questi accorgimenti durante l’assunzione e per 1 mese dopo la sua interruzione

Sono necessarie analisi del sangue per verificare se il farmaco influisce sulle cellule del sangue, sul fegato o sui livelli ematici dei grassi

Acne cistica

A volte, i medici trattano noduli o ascessi grandi e infiammati con iniezioni di corticosteroidi. In alcuni casi, il medico incide un nodulo o un ascesso per drenarlo.

Cicatrici da acne

Il trattamento delle cicatrici da acne grave dipende dalla forma, dalla profondità e dalla sede.

Cicatrici multiple, poco profonde, possono essere trattate con peeling chimico, trattamenti laser, dermoabrasione e/o il trattamento con microaghi di ultima generazione. Nel trattamento con microaghi, viene iniettato un ago sottile che causa alterazioni nel collagene della pelle.

La dermoabrasione è una procedura in cui la superficie cutanea viene strofinata con uno strumento metallico abrasivo allo scopo di rimuoverne lo strato più esterno.

Si possono asportare singole cicatrici superficiali o profonde, ricucendo poi la pelle.

Ampie cicatrici a margini frastagliati possono essere migliorate esteticamente mediante una tecnica nota come subincisione, in cui, per ridurre il tessuto cicatriziale, vengono eseguiti piccoli tagli sottocutanei. Tale tecnica spesso permette alla pelle di riassumere i contorni normali. A volte, a livello delle cicatrici, vengono iniettate diverse sostanze come il collagene, il grasso oppure un ampio numero di sostanze sintetiche. Queste sostanze possono sollevare l’area cicatriziale e rendere così la pelle più liscia. I filler come le iniezioni di collagene, acido ialuronico e polimetilmetacrilato sono temporanei e devono essere ripetuti periodicamente. Alcune altre iniezioni sono permanenti.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Cancro della cute
Video
Cancro della cute
La cute è l’organo più esteso del corpo. Svolge numerose funzioni importanti, tra cui proteggere...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Stria linfangitica
Modello 3D
Stria linfangitica

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE