Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Iperfosfatemia (alti livelli di fosfato nel sangue)

Di

James L. Lewis, III

, MD, Brookwood Baptist Health and Saint Vincent’s Ascension Health, Birmingham

Ultima revisione/verifica completa set 2018| Ultima modifica dei contenuti set 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Nell’iperfosfatemia i livelli di fosfato nel sangue sono troppo elevati.

Il fosfato è uno degli elettroliti dell’organismo, minerali dotati di una carica elettrica quando disciolti in liquidi corporei come il sangue, anche se la maggior parte del fosfato presente nell’organismo è priva di carica.

L’iperfosfatemia si verifica raramente, tranne nei casi di grave insufficienza renale. In questo caso, i reni non eliminano una quantità sufficiente di fosfato. La dialisi, utilizzata spesso per trattare le disfunzioni renali, non è molto efficace nella rimozione del fosfato, pertanto non riduce il rischio di iperfosfatemia.

L’iperfosfatemia si sviluppa meno frequentemente nelle persone che presentano le seguenti condizioni:

  • Un basso livello di ormone paratiroideo (iperparatiroidismo)

  • Assenza di risposta a un livello normale di ormone paratiroideo (pseudoipoparatiroidismo)

  • Traumi da schiacciamento

  • Distruzione del tessuto muscolare (rabdomiolisi)

  • Infezioni sistemiche gravi (sepsi)

  • Grandi quantità di fosfato assunto per via orale o clisma

Sintomi

La maggior parte dei soggetti con iperfosfatemia è asintomatica. Tuttavia, nei soggetti con grave disfunzione renale, il calcio si combina con il fosfato, portando a un calo dei livelli di calcio nel sangue (un disturbo detto ipocalcemia). Bassi livelli di calcio possono causare crampi e spasmi muscolari, ma causano anche aumento dei livelli dell’ormone paratiroideo, con conseguente debolezza muscolare e altri problemi.

Il calcio e il fosfato possono formare anche cristalli (calcificazione) nei tessuti corporei, comprese le pareti dei vasi sanguigni. Può manifestarsi anche arteriosclerosi (indurimento delle arterie) grave con conseguente possibilità di ictus, infarto e circolazione inadeguata.

I cristalli possono formarsi anche nella pelle, dove causano un prurito molto intenso.

Diagnosi

  • Misurazione dei livelli di fosfato nel sangue

La diagnosi di iperfosfatemia si basa sugli esami del sangue che indicano che i livelli di fosfato sono alti.

Trattamento

  • Una dieta povera di fosfato

  • Farmaci che aumentano l’escrezione di fosfato

Nei soggetti affetti da insufficienza renale, l’iperfosfatemia viene trattata riducendo l’apporto di fosfato e il suo assorbimento nell’intestino. Devono essere evitati gli alimenti ricchi di fosfato, come latte, tuorlo d’uovo, cioccolato e bevande analcoliche.

I farmaci che si legano al fosfato, come il sevelamer, il lantanio e i composti del calcio, devono essere assunti durante i pasti come prescritto dal medico. Questi farmaci rendono il fosfato più difficile da assorbire e viene escreta una maggiore quantità di fosfato. Sevelamer e lantanio sono usati spesso per i soggetti che si sottopongono a dialisi in quanto aumenta la probabilità che i composti di calcio formino cristalli di fosfato di calcio nei tessuti.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Iperlipidemia
Video
Iperlipidemia
Il colesterolo è un tipo di grasso (lipide) ed è un elemento essenziale contenuto in tutte...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema endocrino maschile
Modello 3D
Sistema endocrino maschile

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE