honeypot link

Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Infiammazione dell’orbita

(Inflammatory Orbital Pseudotumor)

Di

James Garrity

, MD, Mayo Clinic College of Medicine

Ultima revisione/verifica completa lug 2020| Ultima modifica dei contenuti lug 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

Una o tutte le strutture all’interno dell’orbita possono infiammarsi a causa di una malattia infiammatoria sistemica o che interessa solo l’occhio.

Possono essere colpiti soggetti di tutte le età. L’infiammazione può essere breve o persistente e recidivare.

Cause

L’infiammazione dell’orbita può essere causata da una malattia infiammatoria che interessa tutto il corpo (sistemica). Talvolta, l’infiammazione interessa solo l’occhio.

Le malattie infiammatorie sistemiche che interessano l’occhio/orbita includono la granulomatosi con poliangioite (precedentemente nota come granulomatosi di Wegener), caratterizzata da un’infiammazione generalizzata dei vasi sanguigni (detta vasculite). Un altro tipo di infiammazione descritta di recente è chiamata infiammazione orbitale IgG4-correlata, che può interessare le stesse strutture della granulomatosi con poliangioite, ma che in genere ha meno sintomi.

Le malattie infiammatorie che interessano solo l’occhio includono la sclerite, che consiste in un’infiammazione della membrana bianca dell’occhio (sclera). I disturbi palpebrali con infiammazione sono discussi in un’altra sezione. L’infiammazione a carico dell’intera orbita e di porzioni della stessa è definita pseudotumore infiammatorio orbitale (che non è un tumore vero e non è maligno), oppure infiammazione orbitale aspecifica. L’infiammazione a carico della ghiandola lacrimale, che ha sede sul margine orbitale superiore esterno (vedere la figura Da dove provengono le lacrime), viene denominata dacrioadenite infiammatoria. L’infiammazione a carico di uno dei muscoli che muovono l’occhio è detta miosite.

Sintomi

I sintomi dipendono dalle strutture interessate dall’infiammazione. Solitamente, insorgono piuttosto improvvisamente nel giro di pochi giorni. Di solito compaiono dolore e arrossamento del bulbo oculare o della palpebra. Il dolore può essere acuto e, a volte, invalidante. Sono anche possibili protrusione oculare (proptosi), visione doppia e perdita della vista. I sintomi legati all’infiammazione orbitale IgG4-correlata, invece, sono minimi. Raramente è presente un fastidio, ma piuttosto proptosi e gonfiore palpebrale sono comuni.

Diagnosi

  • Tomografia computerizzata o risonanza magnetica per immagini

  • Biopsia

Viene eseguita una tomografia computerizzata (TC) o una risonanza magnetica per immagini (RMI). Il medico può prelevare un campione dall’area infiammata per l’esame microscopico (biopsia) al fine di accertarne la causa.

Trattamento

  • Farmaci antinfiammatori

  • Radioterapia o farmaci per modificare la risposta immunitaria

Molti disturbi che provocano infiammazione dell’orbita vengono trattati con un corticosteroide somministrato per via orale. Si può ricorrere alla via endovenosa in caso di infiammazione grave. Talvolta è possibile ricorrere a radioterapia o farmaci e trattamenti che alterano la risposta immunitaria dell’organismo. L’IgG4 generalmente risponde ai corticosteroidi o, se necessario, altri farmaci che modificano la risposta immunitaria dell'organismo.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE