Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Endocardite non infettiva

Di

Guy P. Armstrong

, MD, North Shore Hospital, Auckland

Ultima revisione/verifica completa lug 2019| Ultima modifica dei contenuti lug 2019
per accedere alla Versione per i professionisti

In genere il termine endocardite si riferisce all’infezione del rivestimento interno del cuore (endocardio) e/o delle valvole cardiache (endocardite infettiva). L’endocardite, tuttavia, può verificarsi anche senza infezione, nel qual caso viene detta endocardite non infettiva.

L’endocardite non infettiva si sviluppa quando dei coaguli di sangue fibrosi senza microrganismi (vegetazioni sterili) si formano su valvole cardiache danneggiate. Il danno può essere dovuto a un’anomalia congenita, a febbre reumatica o a una malattia autoimmune (in cui gli anticorpi attaccano le valvole cardiache). Raramente, il danno deriva dall’inserimento di un catetere nel cuore. I soggetti maggiormente a rischio comprendono coloro affetti da:

  • Lupus eritematoso sistemico (malattia autoimmune)

  • Sindrome da antifosfolipidi (disturbo legato a un’eccessiva formazione trombotica)

  • Adenocarcinoma polmonare, esofageo o pancreatico

  • Sepsi (grave infezione del sangue)

  • Uremia (accumulo di prodotti di scarto nel sangue)

Le endocarditi non infettive, come quelle infettive, possono portare a incontinenza o ad alterazione della normale apertura delle valvole. Le arterie possono ostruirsi se le vegetazioni si staccano (diventando emboli), viaggiano attraverso il torrente ematico verso altre parti dell’organismo e si arrestano in un’arteria, ostruendola. A volte, tale ostruzione può provocare serie conseguenze. L’ostruzione di un’arteria diretta al cervello può provocare unictus, mentre l’ostruzione di un’arteria diretta al cuore può determinare un attacco cardiaco. Alcuni organi che vengono spesso colpiti da embolia sono polmoni, reni, milza e cervello. Gli emboli giungono spesso anche alla cute e alla parte posteriore dell’occhio (retina).

La disfunzione delle valvole cardiache può causare un’insufficienza cardiaca. Alcuni sintomi di insufficienza cardiaca sono tosse, respiro affannoso e gonfiore degli arti inferiori.

I sintomi di endocardite non infettiva insorgono quando si formano emboli e dipendono dalla parte del corpo interessata.

Diagnosi

  • Ecocardiografia

  • Emocolture

Effettuare una distinzione fra endocarditi non infettive e infettive è complesso ma fondamentale, perché il trattamento è diverso. Le endocarditi non infettive possono essere diagnosticate quando l’ecocardiogramma rivela vegetazioni sulle valvole cardiache. L’ecocardiogramma non è in grado di determinare se le vegetazioni siano infette. Per rilevare l’eventuale presenza di microrganismi, si ricorre alle emocolture. Se l’emocoltura non rileva la presenza di batteri o altri microrganismi, è più probabile che si tratti di un’endocardite non infettiva. Possono essere necessari esami del sangue per sostanze che possono indicare la causa dell’endocardite non infettiva.

Trattamento

  • Trattamento della malattia alla base

  • Anticoagulanti

La terapia con anticoagulanti come warfarin ed eparina può essere impiegata per prevenire la formazione di coaguli di sangue, ma i suoi benefici non sono stati confermati. È opportuno trattare eventuali malattie di base che abbiano contribuito all’insorgenza dell’endocardite non infettiva.

La prognosi è generalmente sfavorevole, non tanto per il disturbo cardiaco quanto per la gravità della malattia alla base.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE