Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Riabilitazione di soggetti con disturbi del linguaggio

Di

Salvador E. Portugal

, DO, New York University, Robert I. Grossman School of Medicine

Ultima revisione/verifica completa ago 2021| Ultima modifica dei contenuti ago 2021
per accedere alla Versione per i professionisti

La riabilitazione Panoramica sulla riabilitazione La riabilitazione si rivolge ai soggetti che hanno perso la normale funzionalità, spesso a causa di un trauma, un ictus, un’infezione, un tumore, un intervento chirurgico o una patologia progressiva... maggiori informazioni è rivolta ai soggetti che hanno perso la capacità di parlare normalmente, spesso a causa di un trauma, un ictus, un’infezione, un tumore, un intervento chirurgico o una patologia progressiva.

Afasia

L’afasia è la perdita parziale o completa della capacità di esprimersi o di comprendere parole scritte o dette a voce. Spesso è causata da ictus Panoramica sull’ictus Un ictus si manifesta quando un’arteria che irrora il cervello si ostruisce o si rompe, causando la morte di un’area di tessuto cerebrale dovuta alla mancanza di afflusso ematico (infarto cerebrale)... maggiori informazioni o da altra lesione cerebrale che interessa il centro del linguaggio nel cervello (vedere la figura Lesioni a specifiche aree cerebrali Lesioni a specifiche aree cerebrali Lesioni a specifiche aree cerebrali ).

L’obiettivo della riabilitazione è attuare i mezzi di comunicazione più efficaci. Per i pazienti con compromissione lieve, il logoterapista adotta un approccio incentrato sulle idee e sui pensieri anziché sulle parole. Il movimento compiuto per indicare un oggetto o un’immagine, associato a movimenti del corpo e alla mimica del volto, spesso è sufficiente per la comunicazione di base. In caso di compromissione più grave, un approccio con stimolazione (in cui le parole vengono ripetute diverse volte) e uno con stimolazione programmata (in cui le parole vengono ripetute e gli oggetti vengono presentati per essere toccati e visti) favoriscono il recupero del linguaggio. I soggetti affetti da afasia possono usare una tavola con lettere o immagini per comunicare.

Coloro che assistono un soggetto afasico devono essere molto pazienti e comprendere lo stato di frustrazione. Inoltre, devono comprendere che il soggetto afasico non è mentalmente ritardato, ed evitare di parlare con un linguaggio infantile, che risulta offensivo. Al contrario, gli si deve parlare in modo normale e, se necessario, ricorrere a gesti o indicare gli oggetti.

Disartria

Il soggetto non riesce ad articolare le parole normalmente perché parte del sistema nervoso che controlla i muscoli del linguaggio ha subito una lesione.

Gli obiettivi della riabilitazione dipendono dalla causa. In caso di ictus Panoramica sull’ictus Un ictus si manifesta quando un’arteria che irrora il cervello si ostruisce o si rompe, causando la morte di un’area di tessuto cerebrale dovuta alla mancanza di afflusso ematico (infarto cerebrale)... maggiori informazioni , trauma cranico Panoramica sulle lesioni craniche Le lesioni craniche che coinvolgono il cervello sono particolarmente preoccupanti. Le cause più comuni delle lesioni craniche sono rappresentate da cadute, incidenti stradali, assalti e infortuni... maggiori informazioni o intervento di chirurgia celebrale, l’obiettivo è recuperare e conservare il linguaggio. Se la disartria è lieve, la ripetizione delle parole o delle frasi può consentire al soggetto di riapprendere l’uso dei muscoli facciali e della lingua per una corretta pronuncia. Se la disartria è grave, il soggetto può imparare a usare una tavola di lettere e immagini o un dispositivo di comunicazione elettronica con tastiera e display per messaggi (stampato o a schermo).

Se la causa è una patologia progressiva del sistema nervoso, come la sclerosi laterale amiotrofica (SLA o morbo di Lou Gehrig) o la sclerosi multipla, la terapia mira a conservare la funzione del linguaggio il più a lungo possibile. Il soggetto impara a eseguire esercizi che aumentano il controllo della bocca, della lingua e delle labbra e apprende a parlare più lentamente e a usare frasi più brevi. Lo scarso controllo dei muscoli respiratori può obbligare il soggetto a interrompere una frase per respirare. Programmare la punteggiatura di una frase può aiutare. Può inoltre aiutare fare esercizi di respirazione, a volte attraverso l’uso di dispositivi portatili di assistenza, che aiutano a eliminare il muco dalle vie aeree.

Aprassia verbale

Il terapista può intervenire con pattern sonori ripetuti o insegnare al soggetto l’uso della melodia naturale e il ritmo delle locuzioni più comuni. Ogni frase ha un ritmo e una melodia specifici che dipendono dall’umore dell’interlocutore. Ad esempio, l’espressione “Buongiorno! Come va?” ha una melodia e un ritmo diversi quando l’interlocutore si sente cordiale rispetto a quando ha meno voglia di socializzare. Il terapista incoraggia il soggetto con aprassia verbale a esagerare la melodia naturale e il ritmo delle frasi. A mano a mano che il paziente mostra progressi nell’espressione, l’esagerazione della melodia e del ritmo viene gradualmente ridotta.

Se l’aprassia è grave, il soggetto può imparare a usare una tavola di lettere e immagini o un dispositivo di comunicazione elettronica con tastiera e display per messaggi (stampato o su schermo).

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE