Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Displasia fibromuscolare

Di

Koon K. Teo

, MBBCh, PhD, McMaster University

Ultima modifica dei contenuti mag 2021
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

La displasia fibromuscolare comprende un gruppo eterogeneo di alterazioni arteriose non infiammatorie e non aterosclerotiche, che causano stenosi vascolari di vario grado, occlusioni o aneurismi.

La displasia della media, la varietà più diffusa, è caratterizzata dalla presenza di regioni in cui si alternano, nel contesto della tonaca media, bande fibromuscolari sottili a bande spesse, contenenti collagene. Nella displasia perimediale, la deposizione di collagene è massiva e interessa la porzione esterna della tonaca media. La displasia fibromuscolare può interessare le arterie renali (60-75% dei casi), la carotide e le arterie endocraniche (25-30%), le arterie intra-addominali (9%) o le arterie iliache esterne (5%).

La displasia fibromuscolare è generalmente asintomatica indipendentemente dalla localizzazione. I sintomi, quando presenti, variano a seconda del distretto colpito:

L'ecografia può essere un valido mezzo diagnostico, ma la diagnosi definitiva di displasia fibromuscolare è angiografica, con riscontro di un aspetto a collana di perle (nella displasia della media o quella perimediale) o a banda concentrica o un lungo restringimento liscio (in altre forme).

Punti chiave

  • La displasia fibromuscolare è più frequente nelle donne tra i 40 e i 60 anni.

  • I pazienti che hanno una connettivite, che fumano o che hanno un'anamnesi familiare sono a più alto rischio.

  • Il trattamento dipende dalla localizzazione e comprende angioplastica, intervento di bypass o riparazione dell'aneurisma.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
iOS ANDROID
iOS ANDROID
iOS ANDROID
iOS ANDROID
iOS ANDROID
iOS ANDROID
PARTE SUPERIORE