Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Cura iniziale del neonato

Di

Deborah M. Consolini

, MD, Sidney Kimmel Medical College of Thomas Jefferson University

Ultima revisione/verifica completa set 2019| Ultima modifica dei contenuti set 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Il normale passaggio dalla condizione di feto, immerso nel liquido amniotico e totalmente dipendente dalla placenta per la nutrizione e l’ossigenazione, a quella di bambino che piange e respira è un avvenimento meraviglioso. I neonati (dalla nascita a un mese) e i lattanti (da un mese a un anno) sani necessitano di un’adeguata assistenza per avere un normale sviluppo e una salute ottimale.

Immediatamente dopo il parto normale di un bambino, il medico o l’infermiere aspira delicatamente muco e secrezioni da bocca, naso e gola con un aspiratore a bulbo. In tal modo, il neonato può iniziare a respirare. Si posizionano due pinze sul cordone ombelicale e si procede quindi al taglio dello stesso. Il neonato viene asciugato e adagiato sull’addome della madre in contatto pelle a pelle o su una calda coperta sterile. Non tutti i parti seguono un andamento normale. Per esempio, alcune donne devono essere sottoposte a un parto cesareo o subiscono complicanze del travaglio e del parto. In alcuni casi, dopo il parto il neonato richiede particolare attenzione da parte del personale medico.

Taglio del cordone ombelicale

Subito dopo la nascita, il cordone ombelicale viene bloccato con due pinze e reciso. La pinza sul cordone ombelicale viene tolta 24 ore dopo la nascita. Il moncone deve essere tenuto asciutto e pulito. I medici non raccomandano più l’applicazione di alcol o altre soluzioni antisettiche al moncone. Il moncone cade entro un paio di settimane dalla nascita.

Taglio del cordone ombelicale

Il neonato viene visitato e il medico ricerca eventuali anomalie o segni di sofferenza. L'esame obiettivo completo viene effettuato più tardi (di solito entro 24 ore dalla nascita). Le condizioni del neonato vengono valutate a un minuto e a cinque minuti dalla nascita utilizzando l’indice di Apgar. Un indice di Apgar basso indica che il neonato ha delle difficoltà e potrebbe avere bisogno di ulteriore assistenza per una corretta respirazione o circolazione sanguigna. Una volta stabile, l’infermiere misura la circonferenza cranica, il peso e la lunghezza (vedere anche Crescita fisica di neonati e bambini).

È fondamentale tenere il neonato al caldo. Appena possibile, lo si avvolge con indumenti leggeri (fasce), coprendo anche la testa per ridurre la perdita di calore. Poche gocce di antibiotico, come eritromicina, tetraciclina o nitrato d’argento o in alcuni Paesi iodopovidone, vengono instillate in entrambi gli occhi per prevenire infezioni da microrganismi patogeni con i quali il neonato può essere venuto a contatto durante il parto.

Subito dopo una nascita normale, i genitori sono incoraggiati a tenere in braccio il neonato. Alcuni specialisti ritengono che un precoce contatto fisico aiuti a stabilire un legame più stretto con il neonato. Tuttavia, i genitori possono stabilire un buon legame con il neonato anche se non trascorrono insieme le prime ore. In genere, la madre e il bambino si ristabiliscono insieme nella sala parto. Se il parto avviene in un centro per le nascite, la madre, il padre (o il compagno della madre) e il neonato rimangono nella stessa stanza. Le madri che allattano al seno, lo fanno entro i primi 30 minuti dal parto. L’allattamento al seno stimola l’ ossitocina, un ormone che favorisce la guarigione dell’utero materno e lo sviluppo della riserva di latte. Una volta trasferito al nido, il neonato viene adagiato supino nella culla e tenuto al caldo. Poiché tutti i bambini nascono con ridotti livelli di vitamina K, il medico o l’infermiere ne somministra per via intramuscolare per prevenire eventuali emorragie (malattia emorragica del neonato).

Tabella
icon

Indice di Apgar

Caratteristiche

Acronimo*

Punteggio†

0

1

2

Colore della pelle

Aspetto

Completamente cianotico, pallido

Roseo sul corpo, cianotico su mani e piedi

Completamente roseo

Frequenza cardiaca

Polso

Polso assente

Meno di 100 battiti al minuto

Oltre 100 battiti al minuto

Risposta riflessa alla stimolazione del naso (toccandolo con un dito o un catetere)

Smorfie

Nessuna risposta alla stimolazione

Smorfie

Starnuti, tosse

Tono muscolare

Attività

Debole, nessun movimento degli arti

Qualche flessione di braccia e gambe

Movimenti attivi

Respirazione

Respirazione

Respiro assente

Irregolare, lenta

Pianto vigoroso

* Il termine “Apgar” è un acronimo inglese, le cui lettere A, P, G, A e R corrispondono a quelle in grassetto della colonna contrassegnata dall’asterisco.

† Al bambino viene assegnato un punteggio da 0 a 2 per ognuna di 5 caratteristiche. Un punteggio totale da 7 a 10 a 5 minuti è considerato normale, da 4 a 6 intermedio e da 0 a 3 basso.

A partire da sei ore dalla nascita, il neonato fa il primo bagnetto. L’infermiere deve lavarlo cercando di non rimuovere il materiale grasso e biancastro (vernice caseosa) presente sulla maggior parte della cute, perché serve a proteggerla dalle infezioni.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come misurare la temperatura di un neonato o di un...
Video
Come misurare la temperatura di un neonato o di un...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Raffreddore comune
Modello 3D
Raffreddore comune

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE