honeypot link

Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

I fatti in Breve

Morbillo

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa dic 2019| Ultima modifica dei contenuti dic 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli
Risorse sull’argomento

Che cos’è il morbillo?

Il morbillo è un’infezione virale. In passato, negli Stati Uniti, era molto comune nei bambini, oggi è raro grazie alla prevenzione mediante la vaccinazione pediatrica di routine. È ancora diffuso nelle regioni in cui il numero di bambini vaccinati è più basso.

  • Il morbillo è causato da un virus che si diffonde rapidamente tra le persone non vaccinate

  • I sintomi comprendono febbre, rinorrea, tosse, irritazione degli occhi ed eruzione cutanea

  • Il morbillo di solito non è grave nei bambini sani, ma raramente può causare danno cerebrale o morte

  • Il vaccino contro il morbillo può proteggere i bambini dalla malattia

Quali sono le cause del morbillo?

È causato da un virus. I bambini sani non vaccinati possono contrarre il morbillo semplicemente inalando il virus espulso attraverso la tosse o gli starnuti di una persona affetta dalla malattia.

Quali sono i sintomi del morbillo?

I primi sintomi insorgono da 7 a 14 giorni dopo l’infezione:

  • Febbre

  • Naso che cola

  • Tosse secca

  • Occhi arrossati

  • Talvolta, sensibilità alla luce intensa

  • Minuscole macchie rosse con un centro bianco o bianco-bluastro dentro la bocca

  • Mal di gola

Circa 3-5 giorni più tardi il bambino può presentare:

  • Eruzione cutanea pruriginosa, che inizia sotto e davanti alle orecchie oppure sul collo e poi si diffonde al resto del corpo

  • Febbre superiore a 40 °C

  • Infezione oculare (occhi arrossati, chiamata anche congiuntivite)

Quali problemi causa il morbillo?

Nei bambini sani il morbillo di solito non è grave. Tuttavia, talvolta determina gravi problemi di salute, come:

  • Infezione dei polmoni (polmonite)

  • Sanguinamento eccessivo (trombocitopenia)

  • Infezione cerebrale (encefalite) che può causare cefalea, convulsioni e coma circa 2-14 giorni dopo l’eruzione cutanea e può determinare danno cerebrale o morte

Il morbillo provoca la morte in circa 2 bambini su 1.000. Inoltre, molti anni dopo aver contratto il morbillo alcune persone sviluppano un disturbo cerebrale raro chiamato panencefalite subacuta sclerosante (subacute sclerosing panencephalitis, SSPE), che causa danno cerebrale e morte.

Come viene diagnosticato il morbillo?

Il medico esegue un esame obiettivo per cercare:

  • Esantema del morbillo

  • Minuscole macchie rosse con centro blu o bianco-bluastro in bocca (macchie di Koplik)

Il medico prescrive anche analisi del sangue per confermare l’infezione da morbillo del bambino. In caso affermativo, informa gli ufficiali sanitari al fine di contenere l’eventuale contagio nella stessa zona.

Come si tratta il morbillo?

Non esiste un trattamento per la cura del morbillo. Il bambino deve stare a riposo mentre il virus fa il suo corso.

Per aiutare il bambino, si può:

  • Somministrare farmaci per abbassare la febbre (come paracetamolo o ibuprofene)

  • Tenere il bambino in un ambiente caldo e confortevole

  • Per ridurre la probabilità di complicanze del morbillo il medico può prescrivere al bambino vitamina A

Come si previene il morbillo?

Sottoporre il bambino al vaccino contro il morbillo.

  • Sono previste due vaccinazioni in totale, a 12-15 mesi e a 4-6 anni

  • I bambini possono ricevere il primo vaccino anche a soli 6 mesi se necessario, per esempio in caso di epidemia o prima di viaggiare all’estero

  • Il vaccino contro il morbillo fa parte del vaccino MPR, che protegge anche contro parotite e rosolia

  • Il vaccino MPR non provoca autismo

  • Alcuni bambini possono sviluppare una lieve febbre e un’eruzione cutanea dopo la vaccinazione

  • Il vaccino non deve essere somministrato a persone come donne in gravidanza, malati gravi o persone con sistema immunitario debole

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE