Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link
I fatti in Breve

Disturbo ossessivo-compulsivo (DOC)

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa giu 2020| Ultima modifica dei contenuti giu 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli

Cos’è il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC)?

Le ossessioni sono pensieri che non si riesce a eliminare dalla mente, nemmeno con la volontà. Possono essere preoccupazioni, idee, immagini o impulsi a fare qualcosa. Avere un’ossessione di solito provoca ansia e disagio.

Una compulsione è un forte impulso a fare qualcosa in continuazione, malgrado non si desideri farlo o non lo si ritenga necessario. Una compulsione spesso implica il compiere determinate azioni per alleviare l’ansia di un’ossessione. Per esempio, se si è ossessionati dai germi si può presentare la compulsione di lavarsi le mani molte volte al giorno, anche se non sono sporche.

Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è un disturbo mentale che comporta ossessioni, compulsioni o entrambe le cose.

  • La maggior parte delle ossessioni e delle compulsioni sono correlate a preoccupazioni riguardo a danni o rischi, come quelli derivanti da sporcizia, malattie, incendi o furti

  • Ogni giorno, i soggetti con DOC possono trascorrere ore pensando alle proprie ossessioni e attuando le proprie compulsioni, cosa che comporta problemi nella loro vita quotidiana

  • Alcuni soggetti con DOC si rendono conto che le loro preoccupazioni sono immotivate, ma altri ritengono che sono fondate

  • Spesso sono presenti altri disturbi mentali come un disturbo d’ansia, una depressione grave o un disturbo bipolare

  • Il trattamento può includere un particolare tipo di terapia e i farmaci

Quali sono i sintomi del DOC?

Tra le ossessioni comuni si annoverano:

  • preoccupazione di contrarre infezioni, ad esempio toccando le maniglie delle porte

  • preoccupazione riguardo ad alcune importanti azioni di sicurezza, come chiudere la porta o spegnere i fornelli

  • timore che i propri beni non siano in ordine, per esempio elementi non disposti in modo uniforme sul tavolo o nell’armadio

Il soggetto può provare a ignorare o controllare le proprie ossessioni. Tuttavia, se non riesce, può diventare più ansioso.

Tra le compulsioni comuni si annoverano:

  • lavare o pulire

  • controllare le cose, ad esempio controllare ripetutamente se la porta è chiusa a chiave

  • contare

  • disporre le cose in un certo ordine o modo

Di solito, una compulsione deve essere eseguita esattamente nello stesso modo ogni volta, e talvolta ripetuta uno specifico numero di volte.

Alcune compulsioni possono essere notate dagli altri (come chiudere e aprire ripetutamente una porta), altre sono più personali (come contare).

Come viene diagnosticato il DOC?

La maggior parte delle persone si preoccupa per qualcosa. Inoltre, parecchie sono molto pulite e ordinate, e preferiscono fare le cose in un determinato modo. I medici ritengono che avere ossessioni e compulsioni sia un disturbo solo quando:

  • è molto perturbante

  • richiede un notevole dispendio di tempo (almeno un’ora al giorno)

  • causa problemi nella vita quotidiana

Per esempio, molte persone di tanto in tanto escono di casa e quindi vi ritornano per controllare che i fornelli siano spenti. Tuttavia, quelle affette da DOC continuano a tornare a casa ripetutamente per controllare che i fornelli siano spenti. Un DOC può creare problemi nella vita, ad esempio si può arrivare sempre tardi al lavoro, a causa dei costanti controlli.

Come si tratta il DOC?

Il trattamento di un DOC prevede una o entrambe le seguenti terapie:

  • Psicoterapia, in cui il terapista espone lentamente il paziente alle cose che causano le ossessioni, ma non gli consente di attuare le compulsioni

  • Farmaci antidepressivi

Ad esempio, in caso di ossessione dei germi e compulsione di lavarsi le mani, il terapista può chiedere al paziente di toccare una tavoletta del water pulita senza lavarsi le mani dopo averlo fatto. 

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE