Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Deficit di alfa-1-antitripsina

Di

Robert A. Wise

, MD, Johns Hopkins University School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti nov 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Il deficit di alfa-1-antitripsina è la mancanza congenita della principale antiproteasi polmonare, l'alfa-1-antitripsina, che provoca un aumento della distruzione dei tessuti a opera delle proteasi e, nell'età adulta, causa enfisema. L'accumulo epatico eccessivo di alfa-1-antitripsina può causare epatopatia sia negli adulti sia nei bambini. Il dosaggio della alfa-1-antitripsina sierica con valori < 11 mmol/L (< 80 mg/dL) conferma la diagnosi. La terapia consiste nello smettere di fumare, nell'uso di broncodilatatori, nel trattamento precoce delle infezioni e, in casi selezionati, nella terapia sostitutiva dell'alfa-1-antitripsina. Le epatopatie gravi possono richiedere il trapianto. La prognosi è correlata principalmente al grado di compromissione polmonare.

Fisiopatologia

L'alfa-1-antitripsina è un inibitore dell'elastasi neutrofila (un'antiproteasi), la cui funzione principale è la protezione dei polmoni dalla distruzione tissutale provocata dalle proteasi. La maggior parte dell'alfa-1-antitripsina viene sintetizzata dagli epatociti e dai monociti e si diffonde poi passivamente nei polmoni attraverso la circolazione ematica; una minore quantità è prodotta dai macrofagi e dalle cellule epiteliali degli alveoli. La conformazione della proteina (e quindi la sua funzionalità) e la quantità di alfa-1-antitripsina circolante sono determinate dall'espressione codominante degli alleli parentali; > 90 alleli differenti sono stati identificati e descritti tramite il fenotipo degli inibitori delle proteasi (PI*).

Fegato

La trasmissione ereditaria di alcune varianti dell'allele provoca un cambiamento conformazionale della molecola dell'alfa-1-antitripsina, che ne causa la polimerizzazione e la ritenzione all'interno degli epatociti. L'accumulo epatico delle molecole di alfa-1-antitripsina anomale causa ittero colestatico neonatale nel 10-20% dei pazienti; i pazienti rimanenti sono probabilmente in grado di degradare la proteina anormale, sebbene l'esatto meccanismo protettivo non sia chiaro. Circa il 20% dei casi di interessamento epatico neonatale sviluppa una cirrosi nell'infanzia. Il 10% dei pazienti che non presentano patologia epatica infantile sviluppa cirrosi in età adulta. L'interessamento epatico aumenta il rischio di epatocarcinoma.

Polmoni

Nei polmoni, il deficit di alfa-1-antitripsina aumenta l'attività dell'elastasi neutrofila, che facilita il danno tissutale provocando enfisema (specialmente nei fumatori, dal momento che anche il fumo di sigaretta aumenta l'attività proteasica). Il deficit di alfa-1-antitripsina è responsabile dell'1-2% di tutti i casi di broncopneumopatia cronica ostruttiva. Il deficit di alfa-1-antitripsina provoca comunemente un enfisema precoce; i sintomi e segni dell'interessamento polmonare si verificano più precocemente nei fumatori rispetto ai non fumatori, ma in entrambi i casi sono rari prima dei 25 anni. Alcuni pazienti con bronchiectasia presentano un deficit di alfa-1-antitripsina.

Altri tessuti

Altre patologie talvolta associate ad anomalie alleliche dell'alfa-1-antitripsina comprendono pannicolite (una patologia infiammatoria interessante il tessuto sottocutaneo), emorragie letali (tramite una mutazione che trasforma l'alfa-1-antitripsina da un inibitore dell'elastasi neutrofila a un inibitore dei fattori della coagulazione), aneurismi, colite ulcerosa, vasculiti positive agli anticorpi anti-citoplasma dei neutrofili (ANCA) e patologie glomerulari.

Classificazione

Il fenotipo degli inibitori delle proteasi normale è PI*MM. Più del 95% delle persone con grave deficit di alfa-1-antitripsina ed enfisema è omozigote per l'allele Z (PI*ZZ) e ha livelli di alfa-1-antitripsina pari a circa 30-40 mg/dL (5-6 μmol/L). La prevalenza nella popolazione generale è tra 1/1500 e 1/5000. La maggior parte di questi è di razza bianca, di origine nord-europea; l'allele Z è raro nelle persone di origine asiatica e nelle persone di colore. Anche se l'enfisema è diffuso tra i pazienti PI*ZZ, molti pazienti non fumatori che sono omozigoti per PI*ZZ non sviluppano enfisema; i pazienti che lo sviluppano presentano tipicamente un'anamnesi familiare positiva per la broncopneumopatia cronica ostruttiva. I fumatori PI*ZZ hanno un'aspettativa di vita inferiore rispetto ai PI*ZZ non fumatori, che hanno un'aspettativa di vita minore rispetto ai PI*MM fumatori e non fumatori. Le persone non fumatrici che sono PI*MZ eterozigoti hanno più probabilità di avere diminuzioni più rapide nel volume espiratorio forzato in 1 secondo (FEV1) nel tempo rispetto alle persone della popolazione generale.

Altri fenotipi rari comprendono PI*SZ e due tipi con alleli non espressi, PI*Z-nullo e PI*nullo-nullo (vedi tabella Espressione del fenotipo nella carenza di alfa-1-antitripsina). Il fenotipo nullo porta a livelli sierici di alfa-1-antitripsina indosabili. Con le mutazioni rare si possono riscontrare normali livelli sierici di alfa-1-antitripsina anomala.

Tabella
icon

Espressione del fenotipo nella carenza di alfa-1-antitripsina

Fenotipo

Livello sierico di alfa-1-antitripsina

Rischio di enfisema

PI*ZZ

13,6-38 mg/dL (2,5-7 mcmol/L)

Alto

PI*MZ

92-179 mg/dL (17-33 mcmol/L)

Minimamente aumentato

PI*SZ

43,5-87 mg/dL (8-16 mcmol/L)

Leggermente aumentato

PI*SS

81,5-179 mg/dL (15-33 mcmol/L)

Minimamente aumentato

PI*nullo-nullo

0

Alto

PI*Z-nullo

0–27 mg/dL (0-5 mcmol/L)

Alto

PI*MM

109-261 mg/dL (20-48 mcmol/L)

Normale

Sintomatologia

I neonati con interessamento epatico si presentano con ittero colestatico ed epatomegalia durante la prima settimana di vita; solitamente l'ittero si risolve nei primi 2-4 mesi di vita. La cirrosi si può sviluppare nella giovinezza o nell'età adulta (la sintomatologia della cirrosi e dell'epatocarcinoma viene trattata altrove Nel Manuale). Gli adulti con enfisema hanno sintomi e segni di broncopneumopatia cronica ostruttiva, tra cui dispnea, tosse, respiro sibilante, ed espirazione prolungata.

La gravità della malattia polmonare varia notevolmente a seconda del fenotipo, abitudine al fumo e altri fattori. La funzione polmonare è ben conservata in alcuni fumatori PI*ZZ e può essere gravemente compromessa in alcuni non fumatori PI*ZZ. Le persone PI*ZZ identificate in studi di popolazione (ossia, quelli che non presentano sintomi o patologia polmonare) tendono ad avere una funzione respiratoria migliore, che fumino o meno, rispetto ai casi indice (coloro identificati perché hanno una patologia polmonare). L'ostruzione al flusso aereo si verifica più frequentemente negli uomini e nelle persone affette da asma, infezioni respiratorie ricorrenti e con anamnesi familiare positiva per patologie polmonari.

La pannicolite, una patologia infiammatoria dei tessuti molli sottocutanei delle parti molli, si manifesta con placche o noduli di tessuto indurito, dolorante, discromico, tipicamente nell'addome inferiore, glutei e cosce.

Diagnosi

  • Livello sierico di alfa-1-antitripsina

  • Genotipizzazione

La carenza di alfa-1-antitripsina si sospetta nei seguenti casi:

  • Nei fumatori che sviluppano enfisema prima dei 45 anni

  • Nei non fumatori senza esposizione professionale che sviluppano un enfisema a qualunque età

  • Nei pazienti nei quali la RX torace mostra un enfisema polmonare prevalentemente ai lobi inferiori

  • Nei pazienti con un'anamnesi familiare positiva per enfisema o cirrosi inspiegabili

  • Persone con una storia familiare di deficit di alfa-1-antitripsina

  • Nei pazienti con pannicolite

  • Nei neonati con ittero o aumento degli enzimi epatici

  • Nei pazienti con bronchiectasie inspiegate o patologie epatiche

La diagnosi viene fatta attraverso l'individuazione dei livelli sierici di alfa-1-antitripsina < 80 mg/dL (< 15 mcmol/L), se misurata con il metodo di immunodiffusione radiale o livelli < 50 mg/dL (< 9 mcmol/L) se misurata mediante nefelometria. I pazienti con bassi livelli devono avere conferma da parte della genotipizzazione.

Prognosi

La categoria dei soggetti con grave deficit di alfa-1-antitripsina, che non hanno mai fumato, ha un'aspettativa di vita normale e una compromissione della funzione polmonare solo modesta. La principale causa di morte nel deficit di alfa-1-antitripsina è l'enfisema, seguito dalla cirrosi, spesso con carcinoma epatocellulare.

Trattamento

  • Terapia di supporto

  • Per la malattia polmonare, spesso la somministrazione dell'alfa-1-antitripsina

Il trattamento della malattia polmonare consiste nella somministrazione di alfa-1-antitripsina umana purificata (60 mg/kg EV in 45-60 minuti somministrata 1 volta/settimana o 250 mg/kg in 4-6 h somministrati 1 volta/mese [concentrata]), in grado di mantenere la concentrazione sierica di alfa-1-antitripsina al di sopra dell'obiettivo protettivo di 80 mg/dL (35% del normale). Dal momento che l'enfisema causa delle modificazioni strutturali permanenti, la terapia non può riparare la struttura del polmone danneggiato o migliorarne la funzionalità, ma viene somministrata per bloccare la progressione della malattia. Il trattamento è costoso ed è quindi riservato ai pazienti non fumatori che hanno due alleli anomali, alterazioni della funzione polmonare da lievi a moderate e la conferma della diagnosi di bassi livelli sierici di alfa-1-antitripsina. Non trova indicazioni nei pazienti con una malattia grave o per pazienti nei quali uno o entrambi gli alleli sono normali.

Smettere di fumare, l'uso di broncodilatatori e un trattamento precoce delle infezioni respiratorie sono particolarmente importanti per i pazienti con deficit di alfa-1-antitripsina ed enfisema.

Per i soggetti con grave compromissione all'età di < 60 anni, deve essere preso in considerazione il trapianto del polmone. La riduzione del volume polmonare nel trattamento dell'enfisema da deficit di alfa-1-antitripsina non ha un ruolo certo.

La terapia genica è oggetto di studio.

Il trattamento della malattia epatica è di supporto. La terapia sostitutiva di fatto non è utile poiché la malattia è causata da un anomalo assemblaggio piuttosto che da una mancanza dell'enzima. ll trapianto epatico può essere utilizzato nei pazienti con insufficienza epatica.

Il trattamento della pannicolite non è ben definito. Sono stati utilizzati corticosteroidi, antimalarici e tetracicline.

Punti chiave

  • Il deficit alfa-1-antitripsina va sospettato nei pazienti affetti da enfisema inspiegabile, malattie epatiche (in particolare nei neonati), pannicolite o bronchiectasie.

  • La diagnosi viene stabilita con il dosaggio della alfa-1-antitripsina sierica < 80 mg/dL (< 15 mcmol/L) e la conferma avviene dalla genotipizzazione.

  • Trattare pazienti selezionati (non fumatori con entrambi gli alleli anormali, con alterazioni della funzione polmonare da lievi e bassi livelli sierici di alfa-1-antitripsina) con alfa-1-antitripsina umana purificata.

  • Se si sviluppa un'insufficienza epatica va valutata la possibilità di un trapianto di fegato.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come eseguire una toracostomia con tubo di drenaggio
Video
Come eseguire una toracostomia con tubo di drenaggio
Modelli 3D
Vedi Tutto
Pneumotorace
Modello 3D
Pneumotorace

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE