Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Follicolite e ascessi cutanei

Di

A. Damian Dhar

, MD, JD, North Atlanta Dermatology

Ultima revisione/verifica completa ott 2019| Ultima modifica dei contenuti ott 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La follicolite e gli ascessi cutanei sono sacche cutanee piene di pus causate da un’infezione batterica. Possono essere superficiali o profonde, colpire soltanto i follicoli piliferi o le strutture più profonde della pelle.

La follicolite è un tipo di ascesso cutaneo di piccole dimensioni che interessa il follicolo pilifero. Altri tipi di ascessi possono apparire sia sulla superficie della pelle sia all’interno delle strutture più profonde della pelle, senza coinvolgere sempre un follicolo pilifero. La maggior parte degli ascessi cutanei è causata da batteri della specie Staphylococcus aureus e ha l’aspetto di sacche piene di pus sulla superficie cutanea. Recentemente, un ceppo di stafilococco resistente ad antibiotici precedentemente efficaci è divenuto una causa più comune. Questo ceppo è chiamato Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (Methicillin-Resistant Staphylococcus Aureus, MRSA).

A volte, i batteri penetrano nella cute attraverso un follicolo pilifero, una piccola abrasione o una puntura, ma spesso non esiste un punto di ingresso evidente. Le persone che vivono in ambienti affollati, che hanno una scarsa igiene o soffrono di malattie croniche della pelle o coloro le cui cavità nasali contengono lo stafilococco, hanno una maggiore tendenza agli episodi di follicolite o ascessi cutanei. Anche un sistema immunitario indebolito, l’obesità, l’anzianità e, possibilmente, il diabete sono fattori di rischio comuni. In alcuni casi, possono verificarsi episodi ricorrenti di infezione per cause sconosciute.

I medici possono cercare di eliminare lo stafilococco nei pazienti predisposti a infezioni ricorrenti, istruendoli a lavare tutto il corpo con saponi antibatterici, ad applicare una pomata antibiotica all’interno del naso, dove si può annidare il batterio, e ad assumere antibiotici per via orale.

Follicolite

La follicolite è un’infezione di un follicolo pilifero. Somiglia a un piccolo foruncolo bianco o rosso in corrispondenza della base di un pelo. L’infezione può interessare uno o più follicoli. Ogni follicolo infetto è pruriginoso o lievemente doloroso, ma il paziente non presenta malessere generale.

In alcuni casi, la follicolite può svilupparsi dopo un bagno caldo o un idromassaggio con acqua insufficientemente clorata. Tale condizione, talvolta chiamata “follicolite da bagno caldo” o “dermatite da bagno caldo”, è causata dal batterio Pseudomonas aeruginosa. Il suo esordio varia da 6 ore a 5 giorni dopo l’esposizione. Le aree cutanee coperte dai costumi da bagno, quali il tronco e i glutei, rappresentano le sedi più comuni.

Alcune persone sviluppano la follicolite leggera in aree umide e sottoposte a frizione, come le aree della pelle sotto l’equipaggiamento sportivo o sui glutei.

I peli infetti cadono o possono venire strappati con facilità, ma nuovi foruncoli tendono a svilupparsi.

A volte, dopo la rasatura, i peli rigidi nella regione della barba si arricciano e rientrano nella pelle (peli incarniti), producendo irritazione e infiammazione leggera. Tuttavia, non è presente alcuna reale infezione. Questo tipo di follicolite è chiamata pseudofollicolite della barba.

La follicolite viene curata con detergenti antibatterici o antibiotici applicati direttamente sulla pelle (topici). Aree vaste di follicolite potrebbero richiedere l’assunzione di antibiotici per via orale. La follicolite da bagno caldo non trattata dura una settimana. Tuttavia, è necessaria un’adeguata clorazione della vasca o dell’idromassaggio per impedire le recidive e proteggere gli altri dalle infezioni. La follicolite da peli incarniti viene trattata con numerosi metodi con successo variabile. Potrebbe essere necessario che il paziente smetta temporaneamente di radersi.

In caso di follicolite grave e ricorrente, il medico potrebbe prelevare una coltura batterica (un campione di pus viene inviato a un laboratorio e collocato in un mezzo di coltura che consente ai microorganismi di crescere). I risultati della coltura vengono usati per facilitare la scelta dell’antibiotico.

Ascessi cutanei

Gli ascessi cutanei sono sacche infette piene di pus, dolorose e calde che si sviluppano sotto la superficie della pelle e che potrebbero comparire in qualsiasi punto del corpo. Possono variare da due a diversi centimetri di diametro.

I foruncoli e i favi sono tipi di ascessi cutanei.

I foruncoli (pustole) sono ascessi più superficiali che, per definizione, coinvolgono il follicolo pilifero e il tessuto adiacente. I foruncoli sono comuni sul collo, sulle mammelle, sul viso e sulle natiche. Provocano disagio e possono essere dolorosi se molto vicini alle strutture sottostanti (ad esempio, sul naso, sull’orecchio o sulle dita).

Esempi di ascessi cutanei

I favi sono grappoli di foruncoli multipli collegati l’uno all’altro sotto la superficie della pelle. Se non vengono trattati, spesso gli ascessi maturano e si aprono, rilasciando un liquido bianco o rosa cremoso. I batteri possono diffondersi dall’ascesso fino a infettare il tessuto circostante e i linfonodi. La persona può presentare febbre e avvertire malessere generale.

I medici diagnosticano gli ascessi cutanei sulla base del loro aspetto. Talvolta, i medici inviano campioni di pus al laboratorio per l’identificazione dei batteri (definita coltura).

Un ascesso cutaneo potrebbe scomparire con l’applicazione di impacchi caldi. Altrimenti, il medico tratta l’ascesso incidendolo e drenando il pus. Dopo aver drenato l’ascesso, si accerta che tutto il pus sia stato rimosso usando uno strumento per aprire tutte le sacche più piccole che si sono sviluppate nella cavità dell’ascesso e lavandole con una soluzione salina sterile. A volte, al fine di evitare l’ulteriore formazione di pus nella cavità ascessuale, l’ascesso drenato viene riempito con una garza, che verrà rimossa 24-48 ore più tardi. In caso di drenaggio completo, non si richiede una terapia antibiotica. Comunque, se il sistema immunitario del paziente è indebolito, l’infezione si è diffusa nella cute vicina (cellulite), il paziente presenta molti ascessi o l’ascesso si trova al centro o sul lato superiore del viso, vengono prescritti antibiotici che uccidono gli stafilococchi, come la dicloxacillina o la cefalexina. Se il medico teme che i sintomi siano dovuti a MRSA(Methicillin-Resistant Staphylococcus- Aureus), vengono prescritti antibiotici che uccidono tale organismo, come il trimetoprim con sulfametoxazolo, la clindamicina o la dossiciclina.

Le persone che soffrono frequentemente di ascessi cutanei possono lavare la pelle con un sapone liquido a base di antisettici speciali e assumere antibiotici per 1-2 mesi.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Cancro della cute
Video
Cancro della cute
La cute è l’organo più esteso del corpo. Svolge numerose funzioni importanti, tra cui proteggere...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Stria linfangitica
Modello 3D
Stria linfangitica

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE