Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Panoramica sull’intossicazione alimentare

Di

Gerald F. O’Malley

, DO, Grand Strand Regional Medical Center;


Rika O’Malley

, MD, Albert Einstein Medical Center

Ultima revisione/verifica completa feb 2019| Ultima modifica dei contenuti feb 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

L’intossicazione alimentare deriva dall’ingestione di una pianta o di un animale che contiene una tossina.

  • L’intossicazione si verifica dopo l’ingestione di specie velenose di funghi o piante, oppure di pesce o crostacei contaminati.

  • I sintomi più comuni sono diarrea, nausea e vomito e talvolta convulsioni e paralisi.

  • La diagnosi si basa sui sintomi e sull’esame delle sostanze ingerite.

  • Il rischio si riduce evitando di mangiare funghi e piante selvatici o non conosciuti, e il pesce contaminato.

  • La terapia più efficace consiste nella sostituzione di liquidi e nella liberazione dello stomaco da sostanze tossiche, anche se alcune sono letali.

Molti disturbi causano vomito e diarrea improvvisi a causa dell’infiammazione dell’apparato digerente (gastroenterite). In genere si fa riferimento liberamente a tutti questi disturbi come a “intossicazione da cibo”. Tuttavia, la maggior parte del vomito e della diarrea è causata da un’infezione del tratto digerente di origine virale o batterica.

Solo la gastroenterite causata da una tossina ingerita è un’effettiva intossicazione da cibo. Ad esempio, i batteri presenti negli alimenti contaminati possono produrre tali tossine ( Intossicazione alimentare da stafilococco). Inoltre, benché molte piante velenose, funghi e frutti di mare colpiscano l’apparato digerente, in alcuni casi sono interessati altri organi.

La gastroenterite può colpire anche le persone che hanno ingerito alimenti contaminati da tossine esterne, come

  • Frutta e verdura non lavate irrorate con arsenico, piombo o insetticidi organici

  • Liquidi acidi serviti in vasellame decorato con smalti a base di piombo

  • Alimenti conservati in contenitori rivestiti di cadmio

Sindrome del ristorante cinese

Quella che viene definita comunemente sindrome del ristorante cinese indica una sintomatologia che comprende pressione sul volto, dolori al torace, sensazioni di bruciore in tutto il corpo e ansia dopo aver ingerito cibo cinese. Si ritiene che tali sintomi siano una ipersensibilizzazione al glutammato monosodico (MSG), un esaltante degli aromi spesso utilizzato nella cucina cinese. La reazione è rara.

Trattamento

La maggior parte dei soggetti con intossicazione alimentare guarisce completamente e in modo rapido effettuando semplicemente una reintegrazione idroelettrolitica. Appena si presentano i sintomi, il soggetto deve assumere grandi quantità di liquidi. Se i liquidi non sono tollerati, si deve andare al pronto soccorso per un trattamento idratante per via endovenosa.

Se possibile, è spesso una buona idea liberare lo stomaco dalla sostanza tossica il più velocemente possibile. Per la maggior parte dei soggetti ciò avviene tramite il vomito.

Talvolta quando viene scoperta la tossina, si somministrano trattamenti specifici.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Congelamento
Video
Congelamento
L’esposizione a temperature molto basse può causare danni o congelamento dei tessuti delle...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Distorsioni e stiramenti
Modello 3D
Distorsioni e stiramenti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE