Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Infezioni da Klebsiella, Enterobacter e Serratia

Di

Larry M. Bush

, MD, FACP, Charles E. Schmidt College of Medicine, Florida Atlantic University

Ultima revisione/verifica completa apr 2022| Ultima modifica dei contenuti apr 2022
per accedere alla Versione per i professionisti

I generi Klebsiella, Enterobacter e Serratia costituiscono un gruppo di batteri Gram-negativi Panoramica sui batteri Gram-negativi I batteri sono classificati in base al loro aspetto al microscopio e ad altre caratteristiche. I batteri Gram-negativi vengono classificati in questo modo per il colore che assumono in seguito... maggiori informazioni strettamente correlati tra loro, che in alcune occasioni causano infezioni urinarie o respiratorie in pazienti ricoverati negli ospedali o nelle strutture di lunga degenza.

  • Questi batteri possono colpire le vie urinarie o respiratorie, i cateteri endovenosi utilizzati per somministrare farmaci o liquidi, le ustioni, le ferite dovute a intervento chirurgico, oppure il sangue circolante.

  • L’identificazione dei batteri in un campione di sangue o di tessuto infetto conferma la diagnosi.

  • Le infezioni causate da tutti e tre i batteri vengono trattate con antibiotici somministrati in vena (per via endovenosa).

I batteri dei generi Klebsiella, Enterobacter e Serratia risiedono nell’intestino di molte persone sane e raramente sono causa di infezioni. Le infezioni dovute a questi batteri vengono spesso contratte negli ospedali e nelle strutture di lunga degenza. Di solito si verificano in persone la cui resistenza alle infezioni è compromessa e/o che hanno un dispositivo medico inserito nel corpo (come un catetere, un drenaggio o una cannula respiratoria).

Questi batteri possono infettare diverse parti del corpo:

Raramente, i batteri del genere Klebsiella causano polmonite in persone che vivono al di fuori delle strutture sanitarie (nella comunità); di solito, ciò accade a persone anziane, diabetiche, immunodepresse o con problemi di abuso di alcol. Generalmente questa grave infezione causa tosse con espettorato appiccicoso e di colore marrone o rosso scuro, e raccolte di pus (ascessi Ascesso polmonare Si definisce ascesso polmonare una cavità all’interno del polmone, piena di pus, causata da un’infezione e circondata da tessuto infiammatorio. Un ascesso polmonare, di solito, deriva da batteri... maggiori informazioni ) nei polmoni o nella membrana tra i polmoni e la parete toracica (empiema).

Una specie di Klebsiella produce una tossina che può causare infiammazione e sanguinamento del colon (colite emorragica) in seguito all’assunzione di antibiotici. Questo disturbo si chiama colite da antibiotici. Gli antibiotici distruggono i batteri che normalmente risiedono nell’intestino. In questo modo, i batteri del genere Klebsiella sono in grado di moltiplicarsi e produrre la tossina. Tuttavia, la colite da antibiotici è di solito dovuta alle tossine prodotte da Clostridioides difficile Colite indotta da Clostridioides (già Clostridium) difficile) La colite indotta da Clostridioides difficile (C. difficile) è un’infiammazione dell’intestino crasso (colon) che provoca diarrea. L’infiammazione è causata dalla tossina prodotta... maggiori informazioni .

Diagnosi

  • Esame e coltura di un campione di tessuto infetto

I medici sospettano una di queste infezioni nei soggetti ad alto rischio, come gli individui che vivono in una struttura di lunga degenza o in un luogo in cui si è verificata un’epidemia.

Per confermare la diagnosi, i medici prelevano un campione di espettorato, secrezioni polmonari (ottenute tramite broncoscopio), sangue, urina o tessuto infetto. Il campione viene colorato con il colorante di Gram, sottoposto a coltura ed esaminato al microscopio. Questi batteri possono essere facilmente identificati.

Altre analisi dipendono dal tipo di infezione. Potrebbero includere esami diagnostici per immagini come l’ecografia, la radiografia e la TC.

Trattamento

  • Antibiotici somministrati in vena (per via endovenosa)

Le infezioni causate da uno qualsiasi di questi tre batteri vengono trattate con antibiotici somministrati per via endovenosa. Gli antibiotici somministrati includono cefalosporine, cefepime, carbapenemi, fluorochinoloni, piperacillina/tazobactam o aminoglicosidi. Tuttavia, a volte questi batteri sono resistenti a numerosi antibiotici, e i medici eseguono quindi un antibiogramma. Se l’infezione causata da uno di questi tre batteri viene acquisita in una struttura sanitaria, può essere difficile da trattare perché i batteri acquisiti in tali strutture sono di solito resistenti a molti antibiotici.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
PARTE SUPERIORE