Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Leucoencefalopatia progressiva multifocale (LMP)

Di

John E. Greenlee

, MD, University of Utah School of Medicine

Ultima revisione/verifica completa lug 2020| Ultima modifica dei contenuti lug 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

Le leucoencefalopatia multifocale progressiva è un’infezione rara del cervello, causata dal virus JC (John Cunningham).

  • Le persone con un sistema immunitario indebolito hanno più probabilità di soffrire di questo disturbo.

  • Possono diventare impacciate, avere problemi di elocuzione, diventare parzialmente cieche e la funzione mentale diminuisce rapidamente.

  • La morte sopraggiunge solitamente entro 9 mesi.

  • Vengono effettuati esami di diagnostica per immagini e una puntura lombare.

  • Il trattamento della malattia che ha indebolito il sistema immunitario può consentire una maggiore sopravvivenza del soggetto.

Le leucoencefalopatia multifocale progressiva è causata da un’infezione da virus JC. Il virus JC viene spesso contratto durante l’infanzia. La maggior parte degli adulti è stata infettata con il virus JC, ma non sviluppa la malattia.

Il virus sembra rimanere inattivo, finché non viene riattivato da qualcosa (come un sistema immunitario indebolito) e inizia a moltiplicarsi. Pertanto, il disturbo interessa prevalentemente le persone con un sistema immunitario indebolito da una malattia (come leucemia, linfoma o AIDS) o da farmaci che lo sopprimono (immunosoppressori) o lo modificano (immunomodulatori). Questi farmaci includono quelli utilizzati per prevenire il rigetto di organi trapiantati o per trattare i tumori o i disturbi autoimmuni, come il lupus eritematoso sistemico (lupus) o la sclerosi multipla. Questi farmaci includono natalizumab e rituximab, che sono anticorpi monoclonali, e brentuximab vedotin, che è un farmaco antitumorale combinato con un anticorpo specifico anti-cellule tumorali.

Sintomi

Il virus JC sembra non causare sintomi finché non viene riattivato.

I sintomi della leucoencefalopatia multifocale progressiva possono iniziare gradualmente, e in genere peggiorano progressivamente. Variano a seconda della parte del cervello infettata.

I primi sintomi possono essere goffaggine, debolezza, difficoltà a parlare o difficoltà cognitive. Con il progredire della malattia, molti soggetti sviluppano demenza e perdono l’uso della parola. Anche la vista può essere colpita. I soggetti con leucoencefalopatia multifocale progressiva alla fine sono costretti a letto. Raramente, si manifestano cefalee e crisi convulsive, soprattutto nei soggetti con AIDS.

La morte interviene sopraggiunge da 1 a 9 mesi dopo l’insorgenza dei sintomi, ma alcune persone sopravvivono più a lungo (circa 2 anni).

I soggetti che sviluppano leucoencefalopatia multifocale progressiva mentre stanno assumendo un farmaco che sopprime il sistema immunitario (come natalizumab) possono riprendersi una volta interrotto il farmaco. Tuttavia, molti continuano ad avere problemi correlati all’infezione.

Diagnosi

  • Risonanza magnetica per immagini

  • Puntura lombare

Dei sintomi inspiegabili che peggiorano progressivamente in soggetti con un sistema immunitario indebolito indicano una leucoencefalopatia multifocale progressiva.

Viene effettuata una risonanza magnetica per immagini (RMI) della testa. Solitamente riesce a rilevare le anomalie che suggeriscono la diagnosi.

Viene effettuata una puntura lombare (rachicentesi) per ottenere un campione di liquido cerebrospinale (il liquido che scorre nei tessuti che ricoprono il cervello e il midollo spinale). La tecnica della reazione a catena della polimerasi (polymerase chain reaction, PCR), che produce molte copie di un gene, viene utilizzata per individuare il DNA del virus JC nel liquido cerebrospinale.

Trattamento

  • Se la causa è un sistema immunitario indebolito, trattamento della causa

Nessun trattamento per la leucoencefalopatia multifocale progressiva è risultato efficace. Tuttavia, se viene trattato il disturbo che ha indebolito il sistema immunitario, le persone sopravvivono più a lungo. Ad esempio, se la causa è l’AIDS, viene utilizzata una terapia antiretrovirale altamente attiva.

Se le persone stanno assumendo degli immunosoppressori o altri farmaci che agiscono sul sistema immunitario (come natalizumab), l’interruzione dei farmaci può causare la scomparsa della leucoencefalopatia multifocale progressiva. Talvolta, poi, si ricorre alla plasmaferesi per rimuovere il farmaco dal sangue, in particolare se si tratta di natalizumab (usato per trattare la sclerosi multipla).

Le persone trattate con una terapia antiretrovirale o che interrompono gli immunosoppressori possono sviluppare la sindrome infiammatoria da immunoricostituzione (immune reconstitution inflammatory syndrome, IRIS). In questo disturbo, il sistema immunitario che sta guarendo lancia un attacco intenso contro il virus JC, che può aggravarne temporaneamente i sintomi. I corticosteroidi possono aiutare ad alleviare i sintomi.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE