Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Farmaci e droghe e uso di sostanze negli adolescenti

Di

Sharon Levy

, MD, MPH, Harvard Medical School

Ultima modifica dei contenuti gen 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

L'uso di sostanze tra gli adolescenti va dall'uso sporadico a gravi disturbi da uso di sostanze. Le conseguenze possono essere da minime, a minori o persino minacciose per la vita, dipendentemente dalla sostanza, dalle circostanze e dalla frequenza d'uso. Tuttavia, anche l'uso occasionale può esporre gli adolescenti ad aumentato rischio di danni significativi, tra cui il sovradosaggio, incidenti stradali, comportamenti violenti, e le conseguenze del rapporto sessuale (p. es., gravidanza, infezioni sessualmente trasmesse).

Gli adolescenti utilizzano sostanze per una serie di motivi:

  • Condividere un'esperienza sociale o sentirsi parte di un gruppo

  • Per alleviare lo stress

  • Per provare nuove esperienze e prendere rischi

  • Per alleviare i sintomi di problemi psichiatrici (p. es., depressione, ansia)

Ulteriori fattori di rischio includono lo scarso autocontrollo, la mancanza di controllo genitoriale, e vari disturbi mentali (p. es., da deficit di attenzione/iperattività e depressione). L'atteggiamento genitoriale e gli esempi che i genitori danno riguardo al proprio uso di alcol, tabacco, assunzione di farmaci e di altre sostanze hanno una forte influenza.

Secondo le indagini nazionali, la percentuale di studenti delle scuole superiori che riportano l'astinenza a vita da tutte le sostanze è aumentata costantemente negli ultimi 40 anni. Tuttavia, allo stesso tempo, sono disponibili una vasta gamma di prodotti più potenti e pericolosi (p. es., oppiacei da prescrizione, prodotti a base di marijuana ad alta potenza, fentanil). Questi prodotti mettono gli adolescenti che iniziano l'uso di sostanze a più alto rischio di sviluppare sia conseguenze acute che a lungo termine.

Sostanze specifiche

Alcol

L'uso di alcol è comune e in genere è la sostanza utilizzata dagli adolescenti. Sopra i 12 anni, > 70% degli adolescenti ha provato alcol e quasi la metà sono considerati bevitori abituali (avendo consumato alcol nel mese precedente). Anche l'abuso di alcol è frequente e i bevitori adolescenti possono presentare una tossicità alcolica. Quasi il 90% di tutte le bevande alcoliche consumate da parte degli adolescenti si verifica durante una festa, mettendoli a rischio di incidenti, infortuni, l'attività sessuale indesiderato e altri esiti negativi.

La società e i media ritraggono il bere come accettabile o addirittura di moda. Nonostante queste influenze, i genitori possono fare la differenza trasmettendo chiare aspettative ai loro adolescenti per quanto riguarda il bere, lo stabilire costantemente dei limiti, e il monitoraggio. D'altra parte, gli adolescenti i cui familiari bevono eccessivamente possono pensare che questo comportamento sia accettabile. Alcuni adolescenti che provano l'alcol vanno incontro a un disturbo di uso di alcol. Fattori di rischio noti per lo sviluppo di un disturbo includono l'iniziare a bere in giovane età e i fattori genetici. Gli adolescenti che hanno un familiare con un disturbo uso di alcol devono essere consapevoli del loro rischio.

Tabacco

I tassi di consumo di tabacco tra gli adolescenti sono diminuiti drasticamente negli anni 1990 e 2000, ma ormai si sono stabilizzati. Il CDC riferisce che nel 2017 circa l'8,8% degli studenti delle scuole superiori ha riportato l'uso abituale di sigarette (nei precedenti 30 giorni), in calo dal 27,5% nel 1991; solo il 2% circa riferisce di fumare ogni giorno. Tuttavia, la maggior parte degli adulti che fumano sigarette comincia a fumare durante l'adolescenza. Se gli adolescenti non cercano le sigarette prima di 19 anni, è molto improbabile che diventino fumatori da adulti. I bambini dell'età di 10 anni possono provare le prime sigarette (1).

Il fattore di rischio più importante per il fumo tra gli adolescenti è avere genitori che fumano (il singolo fattore più predittivo) o che hanno coetanei e modelli (p. es., celebrità) che fumano. Altri fattori di rischio comprendono

  • Scarso rendimento scolastico

  • Comportamenti a rischio (p. es., diete eccessive in particolare tra le ragazze, risse o guida in stato di ebbrezza, particolarmente tra i ragazzi; uso di alcol o altre droghe)

  • Scarsa capacità di risolvere i problemi

  • Disponibilità di sigarette

  • Scarsa autostima

Gli adolescenti possono anche utilizzare tabacco in altre forme. Circa il 5,5% degli studenti delle scuole superiori fanno uso di tabacco senza fumo; questo tasso è rimasto relativamente costante fin dal 1999. Il tabacco senza fumo può essere masticato (tabacco da masticare), posto tra il labbro inferiore e la gengiva (tabacco bagnato), o inalato nel naso (tabacco da fiuto). Il fumo della pipa è relativamente raro negli Stati Uniti, anche se l'uso è aumentato tra gli studenti delle scuole medie e superiori dal 1999. La percentuale di persone > 12 anni che fumano sigari è diminuita.

Le sigarette elettroniche (sigarette elettroniche, e-cigs, vapes) sono diventate sempre più popolari tra gli adolescenti negli ultimi anni, specialmente tra gli adolescenti di livello socioeconomico medio e superiore. L'uso attuale di sigarette elettroniche (nicotina vaporizzata, non contando altre sostanze) tra gli studenti delle scuole medie e superiori è cresciuto marcatamente dal 4,5% nel 2013 al 21,6% nel 2018, secondo gli studi sponsorizzati dal National Institutes of Health (NIH; 2). Circa il 42% degli studenti delle scuole superiori ha provato le sigarette elettroniche. Le sigarette elettroniche non contengono tabacco ma piuttosto nicotina calda liquefatta in vapore che può essere inalato. Perché non ci sono prodotti di combustione del tabacco, questi prodotti non causano la maggior parte delle conseguenze negative per la salute del fumo. Tuttavia, la nicotina induce una rilevante dipendenza e la tossicità da nicotina è possibile. Le sigarette elettroniche sono sempre più la prima forma di esposizione per gli adolescenti alla nicotina, ma il loro effetto sul tasso di fumo degli adulti non è chiaro. Ci sono molti altri ingredienti nelle sigarette elettroniche, alcuni dei quali possono essere tossici. I rischi delle sigarette elettroniche a lungo termine sono sconosciuti (1).

I genitori possono aiutare gli adolescenti a non fumare e a non usare tabacco senza fumo comportandosi da esempi positivi (cioè, non fumando o masticando), discutendo apertamente i pericoli del tabacco, e incoraggiando gli adolescenti che già fumano o masticano a smettere, supportandoli inoltre nella eventuale richiesta di assistenza medica ( Cessazione del fumo).

Altre sostanze

L'uso di altre sostanze negli adolescenti rimane un problema serio. Il survey sulla sorveglianza dei comportamenti a rischio per i giovani a livello nazionale degli studenti delle scuole superiori fatto annualmente dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ha riportato che nel 2015 la prevalenza dell'uso corrente di marijuana tra gli studenti delle scuole superiori è stato del 19,8% (che è inferiore al picco del 25,3% nel 1995) e circa il 35,6% ha riferito di aver usato marijuana una o più volte nella loro vita. Nel 2010, il tasso di consumo di marijuana ha superato per la prima volta il tasso di consumo corrente di tabacco.

Nello stesso sondaggio, le seguenti percentuali di studenti delle scuole superiori hanno riferito di usare sostanze illecite una o più volte nella loro vita:

I farmaci con obbligo di prescrizione particolarmente oggetto di abuso includono analgesici oppiacei (p. es., ossicodone), stimolanti (p. es., farmaci per il disturbo da iperattività e deficit d'attenzione come metilfenidato o dextroamphetamine) e sedativi (p. es., benzodiazepine).

A livello nazionale, l'1,5% degli studenti ha usato un ago per iniettare qualsiasi droga illegale nel loro corpo una o più volte durante la loro vita (1).

Riferimenti relativi a sostanze specifiche

  • 1. Kann L, McManus T, Harris WA, et al: Youth Risk Behavior SurveillanceUnited States, 2017. MMWR Surveill Summ 67(No. SS-8):1–114, 2018. doi: 10.15585/mmwr.ss6708a1.

    2. Johnston LD, Miech RA, O’Malley PM, et al: Monitoring the Future national survey results on drug use 1975-2018: Overview, key findings on adolescent drug use. Ann Arbor, Institute for Social Research, University of Michigan, 2019.

Diagnosi

  • Valutazione clinica, incluso lo screening di routine

Comportamenti che devono indurre la preoccupazione dei genitori per un possibile disturbo da uso di sostanze sono

  • Trovare farmaci o accessori correlati

  • Comportamento incostante

  • Depressione o sbalzi d'umore

  • Un cambiamento di amici

  • Rendimento scolastico scadente

  • Perdita di interesse per gli hobby

Screening adolescenziale per abuso di sostanze

I medici devono accertare l'uso di tabacco, alcol e di altre droghe a ogni visita di controllo e devono consigliare, sia gli adolescenti che i genitori, riguardo all'uso corretto e al monitoraggio dei farmaci prescrivibili e dei farmaci da banco.

Vi è un certo numero di differenti strumenti di screening. Alcuni sono brevi e possono essere somministrati verbalmente; questi possono essere utili per identificare adolescenti a rischio che possono trarre beneficio da indagini più dettagliate. Altri strumenti comprendono questionari cartacei o digitali più completi che forniscono più informazioni ma richiedono più tempo quando somministrati dai medici. Sebbene molti strumenti attuali siano molto semplici, l'alfabetizzazione del paziente può essere un problema con uno strumento di screening auto-somministrato (p. es., un questionario cartaceo o digitale in studio).

Screening per alcol

Per lo screening per l'abuso di l'alcol, il National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism ha sviluppato una guide che suggerisce di iniziare con due domande di screening. Le domande e l'interpretazione delle risposte variano in base all'età (vedi tabella Domande per lo screening dell'alcolismo del National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism per bambini e adolescenti).

Tabella
icon

Domande per lo screening dell'uso dell'alcol per bambini e adolescenti del National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism

Fascia d'età*

1a domanda

2a domanda

Interpretazione

Livelli di rischio per età

Scuola elementare (tipicamente 9-11 anni)

Hai amici che hanno bevuto bevande contenenti alcol nell'ultimo anno?

Nell'ultimo anno, hai mai bevuto più di qualche sorso di bevande contenenti alcol?

Amici: qualsiasi bevanda accresce la preoccupazione

Paziente: qualsiasi assunzione di alcol a più alto rischio

≤ 11 anni: assunzione di alcol a più alto rischio

Scuola media (tipicamente 11-14 anni)

Hai amici che hanno bevuto bevande contenenti alcol nell'ultimo anno?

L'anno scorso, quanti giorni hai assunto più di un sorso di una qualsiasi bevanda contenente alcol?

Amici: qualsiasi bevanda accresce la preoccupazione

Paziente: bere moderatamente aumenta il rischio a seconda dell'età e del numero di giorni

≤ 11 anni: assunzione di alcol a più alto rischio

12-14 anni: rischio moderato 1-5 giorni; massimo rischio > 5 giorni

Liceo (in genere 14-18 anni)

L'anno scorso, quanti giorni hai assunto più di un sorso di una qualsiasi bevanda contenente alcol?

Se i tuoi amici bevono, quanti alcolici bevono abitualmente in un'occasione?

Paziente: basso, moderato o alto rischio a seconda dell'età e del numero di giorni

Amici: il binge drinking (3-5+ drink) aumenta la preoccupazione

14-15 anni: rischio moderato 1-5 giorni; massimo rischio > 5 giorni

16 anni: rischio moderato 6-11 giorni; massimo rischio > 11 giorni

17 anni: rischio moderato 6-24 giorni; massimo rischio > 24 giorni

18 anni: rischio moderato 12-52 giorni; massimo rischio > 52 giorni

*Il livello scolastico viene utilizzato perché il rischio aumenta durante il passaggio a un livello superiore.

NIAAA = National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism.

Per i pazienti a rischio moderato e più alto, chiedere informazioni

  • Modelli di consumo: consumo abituale e massimo

  • Problemi causati o rischi causati dall'alcol: assenza da scuola, scontri, feriti, incidenti stradali

  • Uso di altre sostanze: qualsiasi altra cosa presa per drogarsi

La guida del National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism fornisce anche utili strategie per affrontare i problemi che vengono scoperti.

Screening generale per sostanze

Il questionario CRAFFT è lo strumento di screening più vecchio e validato per l'uso di alcol e droghe. Tuttavia, poiché il questionario CRAFFT non esamina l'uso del tabacco, né fornisce informazioni sulla frequenza di utilizzo né discrimina tra l'uso di droghe e alcol, non viene più molto usato e sono stati sviluppati altri strumenti di screening.

Il breve screening per tabacco, alcol e altri farmaci (BSTAD) e lo Screening to Brief Intervention (S2BI) coprono un'ampia gamma di sostanze e forniscono una breve guida clinica su come rispondere ai risultati dello screening.

Test tossicologici

Il drug test può essere utile ma ha delle limitazioni significative. Quando i genitori richiedono un "drug test", possono creare un clima di confronto che rende difficile ottenere un'accurata storia di uso di sostanze e formare un'alleanza terapeutica con l'adolescente. I test di screening sono in genere test qualitativi rapidi di tipo immunochimico delle urine che sono associati a un certo numero di risultati falsi negativi. Inoltre, con i test non è possibile determinare la frequenza e l'intensità del consumo di sostanze e quindi non si può distinguere tra consumatori occasionali e quelli con problemi più gravi. I medici devono usare altre misure (p. es., un'anamnesi approfondita, questionari) per identificare con quale grado la sostanza usata ha interessato la vita dell'adolescente.

Alla luce di queste preoccupazioni e limitazioni, è spesso utile consultare un esperto in disturbi da uso di sostanze per determinare se la prova della droga è giustificato in una data situazione. Tuttavia, la decisione di non sottoporsi a test antidoping non deve terminare prematuramente la valutazione per un possibile disturbo da uso di sostanze o un disturbo di salute mentale. Gli adolescenti con segni non specifici di un disturbo da uso di sostanze o di un disturbo di salute mentale devono essere indirizzati a uno specialista per una valutazione completa.

Trattamento

  • Terapia comportamentale fatta pe gli adolescenti

In genere, gli adolescenti con disturbo da uso di sostanze moderato o grave sono indicati per l'ulteriore valutazione e trattamento. In generale, le stesse terapie comportamentali utilizzati per gli adulti con disturbi da uso di sostanze possono essere utilizzato anche per gli adolescenti. Tuttavia, queste terapie devono essere adattate. Gli adolescenti non devono essere trattati con gli stessi programmi per adulti; essi devono ricevere servizi da programmi per adolescenti e terapisti con esperienza nel trattamento di adolescenti con disturbi da uso di sostanze.

Per ulteriori informazioni

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come effettuare la rianimazione neonatale
Video
Come effettuare la rianimazione neonatale
Modelli 3D
Vedi Tutto
Fibrosi cistica: difettoso trasporto di cloruro
Modello 3D
Fibrosi cistica: difettoso trasporto di cloruro

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE