Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Panoramica sulle reazioni avverse ai farmaci

(Effetti collaterali ai farmaci; effetti avversi ai farmaci)

Di

Daphne E. Smith Marsh

, PharmD, BC-ADM, CDCES, University of Illinois at Chicago College of Pharmacy

Ultima revisione/verifica completa apr 2021| Ultima modifica dei contenuti apr 2021
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Le reazioni avverse ai farmaci (effetti avversi) sono gli eventuali effetti indesiderati di un farmaco.

Nei primi anni del Novecento, lo scienziato tedesco Paul Ehrlich definì con l’espressione “pallottola magica” il farmaco ideale. Questo farmaco avrebbe dovuto mirare in modo esatto al sito di una malattia senza danneggiare i tessuti sani. Sebbene molti nuovi farmaci siano mirati in modo più accurato dei loro predecessori, finora nessuno di questi ha raggiunto pienamente l’obiettivo.

La maggior parte dei farmaci provoca numerosi effetti, mentre solitamente è richiesto un unico effetto per il trattamento di una malattia, ovvero quello terapeutico. Gli altri effetti sono indesiderati, sia quando sono intrinsecamente dannosi, sia quando non lo sono. Per esempio, alcuni antistaminici, oltre a controllare i sintomi delle allergie, inducono sonnolenza. Quando si assume un farmaco da banco per dormire, contenente un agente antistaminico, la sonnolenza viene considerata un effetto terapeutico. Tuttavia, se un antistaminico viene assunto per tenere sotto controllo i sintomi dell’allergia durante il giorno, la sonnolenza è considerata un effetto fastidioso e indesiderato.

La maggior parte dei soggetti, compresi gli operatori sanitari, considera gli effetti indesiderati come effetti collaterali; un altro termine usato è effetto avverso del farmaco. Tuttavia, il termine reazione avversa al farmaco è tecnicamente più appropriato per descrivere effetti farmacologici indesiderati, spiacevoli, dolorosi o potenzialmente dannosi.

Prevalenza delle reazioni avverse ai farmaci

Non sorprende il fatto che le reazioni avverse ai farmaci siano comuni. La maggior parte delle reazioni avverse ai farmaci è relativamente lieve e molte scompaiono con la sospensione della terapia o modificando la posologia. Alcune scompaiono gradualmente a mano a mano che l’organismo si adatta al farmaco. Altre reazioni avverse ai farmaci sono più gravi e si protraggono più a lungo. Si stima che il 3-7% dei ricoveri negli Stati Uniti sia legato al trattamento delle reazioni avverse ai farmaci. Le reazioni avverse ai farmaci si verificano nel 10-20% dei ricoveri ospedalieri e circa il 10-20% di queste reazioni è di entità grave. Queste statistiche non includono il numero di reazioni avverse ai farmaci, che si manifestano nelle persone che vivono in case di cura e in altre strutture di assistenza.

Sebbene l’esatta percentuale di reazioni avverse ai farmaci non è certa, queste rappresentano chiaramente un importante problema di sanità pubblica che è spesso prevedibile.

Reazioni avverse ai farmaci comuni

Disturbi digestivi, perdita dell’appetito, nausea, sensazione di meteorismo, stipsi e diarrea sono reazioni avverse ai farmaci particolarmente frequenti, perché la maggior parte dei farmaci viene assunta per via orale e passa attraverso il tubo digerente. Tuttavia, può essere colpito quasi qualsiasi organo. Nei soggetti anziani (vedere Invecchiamento e farmaci Invecchiamento e farmaci I farmaci, l’intervento medico più comune, sono una parte importante dell’assistenza medica agli anziani. Senza farmaci, molti anziani potrebbero avere capacità funzionali limitate o morire... maggiori informazioni Invecchiamento e farmaci ), è colpito soprattutto il sistema nervoso centrale, con comparsa di sonnolenza e stato confusionale.

Identificazione e segnalazione delle reazioni avverse ai farmaci

Molte reazioni avverse ai farmaci emergono durante la fase di studio del farmaco, prima che sia stata inviata la domanda per l’approvazione all’Ente statunitense preposto al controllo di alimenti e medicinali (Food and Drug Administration, FDA). Altre reazioni avverse ai farmaci, in genere quelle non comuni, non emergono fino a quando il farmaco è disponibile sul mercato da un tempo sufficiente da essere impiegato da un’ampia percentuale di soggetti. Pertanto, gli operatori sanitari sono invitati a riportare le sospette reazioni avverse ai farmaci alla FDA.

Tabella
icon

Ulteriori informazioni

Le seguenti sono alcune risorse in lingua inglese che possono essere utili. Si tenga presente che IL MANUALE non è responsabile dei contenuti di tali risorse.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE